Corrado Altieri – Less (Azoth, 2019)

Con Less Corrado Altieri dismette i panni brutali del terrorista sonoro celato sotto il nome di Uncodified per esplorare territori differenti e più riflessivi. Un disco di ricerca nel senso più puro del termine a livello della carriera personale del suo autore, che mostra una volontà di sperimentare testualità inusuali partendo dai frammenti dei propri ascolti e della propria esperienza pregressa costruita in altri ambiti sonori. Se le timbriche rispetto alla power electronics che contraddistingue il monicker più conosciuto del nostro sono infatti differenti per caratura e diminuzione del volume, l’intimismo di questo nuovo lavoro si rivela del tutto contiguo alla gestualità tipica di Altieri. Una volontà di percorrere strade diverse dal solito che ha fruttato nove tracce che vivono nell’humus di un minimalismo coriaceo, diramandosi poi in rivoli differenti e variegati a lambire uno spettro molto ampio di possibilità discorsive.
Un susseguirsi di paesaggi sonori cupi e profondi che risuonano di elettronica analogica e suggestioni concrete, che se da un lato appare come l’incipit di un nuovo percorso ancora perfettibile, vuoi anche per la molteplicità delle direzioni intraprese, dall’altro mostra una qualità espressiva e una personalità ampiamente spendibili anche in questo differente campo d’azione.
Se nel complesso, quindi, Less manca di un’omologia stilistica di fondo del tutto ferrea, bisogna notare come la base di partenza della ricerca risulti del tutto pertinente e interessante, centrando perfettamente alcune tracce che si sostanziano come picchi espressivi degni di nota. È il caso dell’elettronica cupa di Interno, dove la musicalità scura è screziata da aggressioni contundenti; di Lakes, che sorprende con il suo impasto di trame nere e primitivismo glitch figlio dei Matmos; di Tables, che costruisce un percorso di serialità sonora attraverso il recupero di materiali basici, incestandoli con ritmiche minimali che richiamano alcuni fraseggi di Limbo; e infine di Islands, che spinge gli argomenti in derive cosmiche stilizzate. Brani che mostrano come all’interno di Less possiamo trovare buon pane per i nostri denti.
Un inizio interessante e un progetto sicuramente da seguire nei suoi sviluppi.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bad Pritt – S/T (Shyrec, 2018)

Quando avevamo perso le tracce di The White Mega Giant, il trio veneto stava evolvendo il proprio suono, partito da…

31 Dec 2018 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 2 (16/10/14)

Seconda puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con lo speciale sull'etichetta Ebullition Records.…

22 Oct 2014 Podcasts

Read more

The Dillinger Escape Plan - One Of Us Is The…

Non è mai facile confrontarsi con un gruppo che una quindicina di anni fa era sulla bocca di tutti per…

19 Dec 2013 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Magik With Tears e Lisca Records: nuove etichette per nuovi…

Giovani label... e vecchie conoscenze. Non che si tratti di un fenomeno solo italiano, ma resta che a volte scava…

13 May 2011 Articles

Read more

Schwingungen 77 Entertainment - Act I: Notes In Freedom (Setola…

Un ascolto lontano da qualsiasi condizionamento o cliché, una sfida a tutto ciò che è banale ("Banality is not harmless:…

30 Oct 2014 Reviews

Read more

Adamennon & Luciano Lamanna – Iris (Souterraine, 2017)

Esordiscono insieme l’etichetta napoletana Souterraine e la collaborazione fra Adamennon e Luciano Lamanna che su questo 12” mettono in comune…

11 Oct 2017 Reviews

Read more

Lakes - Blood Of The Grove (Avant!, 2013)

Dietro la sigla Lakes si nasconde nell'oscurità goth Sean Bailey, australiano che ruota dalle parti di Melbourne. In Blood Of…

16 Sep 2013 Reviews

Read more

Nicola Di Croce – Istruttiva Serie (Kohlhaas, 2015)

“Un percorso non lineare che procede per tentativi” così la cartella stampa descrive Istruttiva Serie, una definizione azzeccata che lascia…

07 Nov 2016 Reviews

Read more

Gerda - Cosa Dico Quando Non Parlo (Shove/Wallace/Donna Bavosa/Concubine/Sons Of…

Avevamo lasciato i Gerda ad un buon esordio e li ritroviamo riveduti e più calibrati anche al giro di boa.…

27 Aug 2007 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Maurizio Abate – A Way To Nowhere (Boring Machines/Black Sweat,…

Membro del collettivo Eternal Zio e collaboratore dei più svariati musicisti (Jooklo Duo, Kawabata Makoto degli Acid Mothers Temple, BeMyDelay…)…

05 Jun 2014 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Slowcream - Wax On Wool (Nonine, 2009)

La Nonine è stata una delle migliori sorprese dello scorso anno in ambito elettronico e per di più si tratta…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Kleinkief - Fukushima (Shyrec/Dischi Soviet Studio, 2016)

Delicato art rock italiano dalle pretese e dalla presunzione fuori dal tempo. Sonorità pompose e gonfiate dalle ispirazioni anni novanta…

07 Aug 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top