Capillary Action – Fragments (Pangaea, 2004)

Intitolare un disco frammenti, per poi non stupirsi che la gente si stupisca del suo essere frammentario. Ogni pezzo un genere, ogni pezzo un suono, ogni pezzo un mondo a parte. Deve essere ben ben indeciso il signor Pfeffer , in arte Capillar Action,per mettere insieme tutti questi elementi e chiamarli disco. Un album del tutto strumentale, a tratti ostico e a tratti easy, spesso senza alcuna soluzione di continuità tra i due opposti.
Ogni pezzo un genere, ripeto. Ogni pezzo una faccia del suo carattere? Non conosco Jonathan Pfeffer di Philadelphia, autore e musicista di quasi tutti i suoni presenti, per cui non sono in grado di dedurre un'analisi psicologica del personaggio. Sicuramente riesco a trarre alcune indicazioni sulla sua collezione di dischi e sulla sua formazione. Buon chitarrista, la chitarra domina ed è presente lungo tutto il disco, è giovane, avrebbe in caso contrario trovato un punto di sintesi migliore tra tutte le influenze (tra cui spiccano anche gli Ex-Models tributati nella foto interna, ove l'autore è colto mentre registra una qualche parte di chitarra con indosso la loro tshirt). Il buttare tutto dentro è a tratti disarmante, dove (Architecture Would Fail) è sicuramente divertente trovarsi in mezzo ad un ironico ed iconico florilegio metallaro di chitarre armonizzate alla Fucking Champs, non è automatico il passaggio dalla precedente struttura quasi aritmica e rumorosa di It Was A Typewriter. Taluni episodi sono un po' gratuiti e forse di troppo, il leggerino beat latineggiante di Constant Steady Collapse che chiude in un crescendo che richiama le costanti matematiche dei June Of '44. Il punto più alto credo lo si raggiunga a metà del disco dove, in Mid-Coital Seizure, lo spastico sintetizzare di tutti gli elementi porta ad uno splendido momento no wave reminescente dei Dazzling Killmen o, ancor di più, il rifferama violento e off del Gorge Trio. Il disco si può trovare in Italia distribuito da Eaten By Squirrels, ed è consigliato soprattutto a chi con un disco si vuole fare un po' di risate per come, appunto, riesca a spiazzare e a non annoiare mai, più volte l'ho lasciato suonare per tre/quattro volte di fila senza sentire la necessità di cambiarlo. Air guitar garantito nell'attesa di nuovi frammenti di questa azione capillare.

http://www.capillaryaction.net
http://www.pangaearecordings.com
http://www.eatenbysquirrels.org

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Musica Per Bambini - Capolavoro (Trovarobato, 2014)

Il twist che si racchiude nella testa di Manuel Bongiorni è davvero difficile da codificare. Il one-man-band piacentino, qui all'ennesima…

21 Oct 2014 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Speedy Peones – Karel Thole (Shyrec, 2010)

Finalmente un dischetto estivo come si deve, di quelli capaci di ricordarti che, aldilà di afa e lavoro, ci sono…

17 Jun 2010 Reviews

Read more

?Alos/Xabier Iriondo – S/T 7" (Tarzan/Bar La Muerte, 2011)

Avevamo colpevolmente lasciato indietro questo dischetto che associa la voce di Stefania Pedretti/?Alos alla musica di Xabier Iriondo, due personaggi…

05 Sep 2012 Reviews

Read more

Father Murphy - Orsanti They Call Them (Yerevan Tapes, 2013)

Per la gioia di tutti gli aficionados del loro personalissimo culto tornano i Father Murphy: dopo Anyway Your Children Will…

04 Jun 2013 Reviews

Read more

Airportman / Fabio Angeli - Il Paese Non Dorme Mai…

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la…

22 May 2020 Reviews

Read more

Fabiano Cristofaro - Tante Sigarette (Demo, 2004)

Dimmeli tutti i dispregiativi, quelli che iniziano con la I. Sputali fuori con quanta forza hai dentro, voglio vederti ancora…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Library Tapes + Saija/Presti Duo - 04/03/09 Enosteria (Brescia)

Inizia con un nome internazionale un nuovo corso dell'Enosteria di Brescia, che da stasera abbandona il filone cover band…

24 Mar 2009 Live

Read more

St.Ride - Onde (Niente, 2009)

E così in un batter d'occhio la Niente è arrivata al Volume 4, spirito punk con grafiche ultra spartane (a…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

Danneggiato Delights Novembre 2011

Non mi piace il dubstep. E' il suono della conservazione, una gratificante e consolatoria esaltazione da potenza e superomismo onanistico.…

08 Feb 2011 Articles

Read more

Five Rooms - No Room For Doubt (Amirani, 2010)

Five Rooms non è un gruppo nuovo scoperto dalla Amirani ma una vera e propria all star band che vede…

01 Mar 2010 Reviews

Read more

The Rambo – The Stabbing (Wallace/Il Verso del Cinghiale/Villa Inferno/Cloudhead,…

In due, una chitarra e una batteria e a peggiorare la situazione due maschere che ricordano i wrestler messicani calate…

09 Dec 2016 Reviews

Read more

Mothers Of The Third Reich – Butterfly (Ambient Noise Session,…

Si presenta con un nome decisamente accomodante questo duo di polistrumentisti inglesi: non è dato conoscerne l'origine e le motivazioni,…

23 Oct 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top