Experimental Dental School / Eniac – Split CD (The Company With The Golden Arm, 2006)

Personalmente parlando, separando qualsivoglia più o meno lontano interesse nel propinare gli Experimental Dental School come grande imprescindibile band al resto del mondo, mi sento in grado di dire che si gli Experimental Dental School SONO una grande imprescindibile band.
E se gli Eniac (RIP) hanno avuto un ruolo nello spingere le propaggini di certo hardcore tedesco fino a lambire i territori Devo-luti, bisogna tributargli il meritato encomio, almeno in questo programmato momento di scioglimento.
Se siete un minimo addentro alle dinamiche dei live in Italia, soprattutto in ambito Do It Yourself non del tutto HC, saprete che siamo abbastanza schiavi dei tedeschi.
Ben contenti accettiamo che siano loro a occuparsi di chi dall'America debba traversare l'oceano e raggiungerci qui in Europa. Molti personaggi si sbattono al quadrato per garantirci la musica più fresca che ci sia al di là del mare. Tra questi c'è senza dubbio Ingo, l'uomo della compagnia con il braccio dorato, che ci ha permesso in più occasioni di godere di band di un certo calibro, nei territori che vanno tra un intenso rock più o meno elettronico e follie off che rendono digeribile al ventenne medio le intemperanze di derivazione Residents-iane, alla Devo appunto. Lungi dal costruire un altarino di bava al personaggio nel tentativo di ingraziarmelo, per ottenere benifici al mio gruppo, posso dirvi che le due band qui unite sono tra le migliori transitati attraverso questi canali fino a noi negli ultimi anni.
Per chi non conoscesse ancora la portata dei baffi di Jesse e della sua voce nasale e le melodie da film dell'orrore dell'organo di Shoko, possiamo dire che gli Experimental Dental School sono una specie di punto di contatto tra i giochini da colonna sonora di Mike Patton e le canzoni pop dei Deerhoof. Qui le tre canzoni e la traccia fantasma si muovono bene tra i passaggi più carichi del loro secondo disco, di cui sono out-takes, decisamente a fuoco grazie alla produzione di Weasel Walter. Tra critiche all'amministrazione Bush e bizzarrie arriviamo alle tre e mezzo tracce degli Eniac, che messi da parte gli inni a Barbie & Ken chiudono qui la loro carriera insieme e sembrano voler salutare tutti con i loro Thumbs Up For All. In una versione melodica dei Brainiac e con il cantato, per me, incomprensibile della loro lingua madre, Hansesalat, porta quasi l'ago del contatore verso i primi Milemarker. Sarà la durezza della lingua ma le urla quasi declamate non so perchè ma mi fanno venire in mente Jello Biafra. non me ne voglia nessuno.
Per capire quello che succede questo disco mi sembra decisamente un must: un utile ed economico compendio per capire cosa vi aspetta nella prossima stagione quando si parla di band come Japanther, Vaz, XBXRX

http://www.tcwtga.org
http://www.experimentaldental.com/
http://www.e-n-i-a-c.de/

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Bass Tone Trap - Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Art Detox 2010 (Ethereal Open Network, 2011)

Disintossicarsi dall'arte: questo l'obiettivo del progetto Art Detox 2010, parte una catena di incontri e iniziative che si svolgono ogni…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Kevin Devine - Brother's Blood (Arctic Rodeo, 2009)

Secondo disco Arctic Rodeo che mi capita fra mani ed orecchie e l'impressione è che si sia sintonizzata su gente…

31 Oct 2009 Reviews

Read more

True Widow - True Widow (End Sounds, 2008)

Widow. Vedova. Una parola forte. Una parola che richiama ai nostri occhi un’immagine precisa. C’è chi la vede una donna…

05 Mar 2009 Reviews

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Giovanni Rossi – Industrial [R]Evolution (Tsunami, 2011)

Va sempre più arricchendosi la bibliografia riguardo alla musica industriale in lingua italiana. Quest'opera di Giovanni Rossi, giornalista di Ritual…

28 Sep 2011 Reviews

Read more

Extra Large Unit - More Fun, Please! (PNL, 2018)

La Large Unit di Paal Nilssen-Love è il suo personale ensamble dedito all’improvvisazione spesso molto radicale, visto i componenti che…

17 Jul 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top