Blastula – Lingue Di Fuoco (Aimusic/Ambria Jazz, 2012)

Ecco di nuovo il duo voce-batteria messo in piedi da Monica Demuru e Cristiano Calcagnile: fa piacere vedere che simili progetti abbiano una continuità e non siano semplicemente estemporanee collaborazioni duranti lo spazio di un disco. D’altra parte, all’album d’esordio erano seguite una serie di date dal vivo che hanno cementato il sodalizio e che hanno riempito lo spazio dell’attesa che ha portato alla realizzazione di questo nuovo lavoro.
Qui Blastula è un duo meno scarno rispetto al precedente album e in più della metà dei pezzi viaggia in formazione “due con” grazie all’inserimento di alcuni ospiti. La differenza maggiore sta comunque nella scelta del repertorio: tutte cover, che vanno da Nina Simone a Nilla Pizzi, da Patti Smith a Joni Mitchell e tante altre grandi interpreti femminili che aprono a Blastula le porte del mondo, gli Sati Uniti del sud, la Sardegna di Antoneddu, i Caraibi di Negra Presuntuosa, gli antipodi di Oceania di Bjork. Coerentemente con questa apertura, anche lo stile del duo si fa meno incompromissorio e potremmo, fatte le debite proporzioni, parlare di pop, ma la realtà è che Lingue Di Fuoco è un capolavoro di equilibrio fra eleganza soul/jazz e avanguardia, in cui nessuno dei due aspetti sacrifica le proprie prerogative. Tutte cover, dicevamo, ma confrontarle con gli originali è ozioso: i due, con arrangiamenti curatissimi e interpretazioni di grande livello, danno la propria impronta ad ogni brano, e pur frequentando  i generi più disparati, mettono insieme un album dotato di una coesione invidiabile. Le incursioni in territori di pura avanguardia, che caratterizzavano il precedente lavoro, sono ancora presenti, ma in generale il drumming è più regolare, meno spezzato e la voce non perde d’occhio gli originali, vestendoli però con abiti più attuali e talvolta, mi perdonino i mostri sacri chiamati in causa, addirittura migliori. Non è facile citare un brano piuttosto di un altro: particolarmente degne di nota mi sembra Children Of The Night (con Gabrio Baldacci alla chitarra elettrica) che rispetto all’originale di Cassandra Wilson accentua, e di molto, i toni notturni, Four Women di Nina Simone trasformata, anche grazie alla chitarra di Roberto Cecchetto, in un hard blues degno della Lydia Lunch più sulfurea, Mississippi Goddam, sempre della Simone, che mette in mostra una sensualità strabordante (fondamentale il trombone di Gianluca Petralla), Nobody Knows You When You’re Down And Out che, con l’aiuto di Xabier Iriondo, trasforma in rabbia la disperazione di Bessie Smith e in chiusura la già citata Oceania di Bjork, che tocca più volte vertici di rumore al limite del sopportabile. Ma davvero, ogni pezzo è una perla che assume ulteriore valore dall’accostamento agli altri. Lingue Di Fuoco è un disco eccellente: non oso immaginare come sia sentirlo eseguito dal vivo.

www.youtube.com/watch?v=b6q8ZAwkEXA

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Zac Nelson – Domain Of Pure Speculation (Second Family, 2011)

Torna su queste pagine una produzione della parmigiana Second Family Records, che stavolta è volata fino a Portland per pescare,…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

2010 - il disorientamento fagocita il mondo

2010, e il disorientamento fagocita il mondo. Tanto vale sguazzarci dentro. Cosa ho ascoltato quest'anno? Che cosa ho ascoltato più…

08 Nov 2010 Articles

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Strength - Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Van Cleef Continental – Red Sister (Casa Molloy, 2009)

I Van Cleef Continental si inseriscono in quel solco di rock classico tracciato dai vari Gun Club, Thin White Rope,…

14 May 2010 Reviews

Read more

Xabier Iriondo – Irrintzi (Brigadisco/Wallace/Phonometak/Santeria e altre, 2012)

Il primo album solista di una delle figure più presenti, in molteplici vesti, nel giro indipendente italiano è certamente un…

03 Oct 2012 Reviews

Read more

Unknown Mortal Orchestra - II (Jagjaguwar, 2013)

Galeotto fu un tranquillo giovedì sera di chiacchere nel pub di fiducia, saltano fuori nomi di possibili futuri live che…

06 Mar 2013 Reviews

Read more

Six Organs Of Admittance - Ascent (Drag City, 2012)

Avevamo già scritto di Ben Chasny, mente dei prolifici (anche troppo dalla quantità di album in uscita: 13, disco…

18 Sep 2012 Reviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

Corpoparassita - Inesorabile (Final Muzik, 2007)

Le mille etichette con cui si elencano, suddividono e catalogano i dischi a volte lascia interdetti, soprattutto nel caso di…

01 Oct 2008 Reviews

Read more

My Dear Killer – Collectable Items (Boring Machines, 2020)

Non è necessario leggere la dichiarazione all’interno del libretto – “This is My Dear Killer final long record and the…

21 Aug 2020 Reviews

Read more

Tapso II - S/T (Tapso, 2009)

Clamoroso al Cibali: anche la scena indipendente italiana si fonda su hype e mode che poco hanno a…

21 May 2009 Reviews

Read more

The Bitter Tears - Jam Tarts In The Jakehouse (Carrot…

Chicago, si sa, è considerata da almeno vent'anni a questa parte come una vera e propria Mecca di un certo…

23 Sep 2009 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top