Unknown Mortal Orchestra – II (Jagjaguwar, 2013)

Galeotto fu un tranquillo giovedì sera di chiacchere nel pub di fiducia, saltano fuori nomi di possibili futuri live che meriterebbero e succede: ti fanno ascoltare un paio di minuti di canzone di cui ti innamori perdutamente senza apparente motivo e che, almeno per un mesetto, ti tormenterà. E’ così che ho conosciuto gli Unknown Mortal Orchestra, il loro secondo lavoro uscito a inizio mese e Faded The Morning, che mi ha stregato. C’è da dire che tutto II è stregante, a partire dalla cover che vede protagonista una bella, nuda e giovane Janet Farrar, strega wicca inglese molto famosa. Per chi crede che chi ben comincia è già a metà dell’opera, ci tengo a dire che l’incipit della prima traccia recita in un sussurro “Isolation can put a gun in your hand” (di Beatlesiana memoria, anche musicalmente parlando) e dà inizio a un qualcosa di bello e indefinibile. Il disco è un contenitore di indie-pop dal sapore cantautorale – sopra a tutto, la splendida Swim And Sleep (Like A Shark) -, sonorità che non lesinano rimandi a gente tipo Hendrix, infarcite come sono di wah-wah e distorsioni grasse anni ’70 – One At The Time, Opposite Of Afternoon, No Need For A Leader -, pur non mancando toni decisamente elettronici – From The Sun – e, oh, come mi piace immaginare che a Brian Eno questo disco piaccia immensamente! Eclettico ed eterogeneo, non una traccia che delude, niente fuori posto, ogni singola nota che funziona e, nel mentre, esalta le altre. Viene da pensare che Ruban Nielsen, il leader neozelandese del trio che ha sede a Portland, proprio quel Portland, il neo-ombelico del mondo musicale, sia già in odore di genio, soprattutto ascoltando anche l’album d’esordio (pubblicato solo meno di un anno e mezzo fa), già a livelli alti per quel che mi riguarda, e di cui non riesco a non linkare un video che, vuoi perchè sposa lo stile ironico-retrò che tanto mi fa sorridere, vuoi perché è un bel pezzo, spero incuriosisca. Tenendo conto che II è ancora più bello.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Le Ton Mité - Version D'Un Ouvrage Traduit (Music A'…

Originario di Olympia, Washington e folgorato dalla Francia, McCloud Zicmuse ha deciso un bel giorno di maggio del 2006…

07 Jan 2015 Reviews

Read more

Mauve - Sweet Noise On The Sofa EP (Canebagnato, 2007)

Copertina che rimanda a quelle spartane di album indie o emo usciti negli anni novanta (primi Modest Mouse, Mineral, Karate,…

23 Sep 2007 Reviews

Read more

Marta De Pascalis – Anzar (Tapeworm, 2016)

Il secondo lavoro della musicista italo-berlinese, stavolta pubblicato su nastro dall’inglese Tapeworm, è racchiuso in una copertina in bianco e…

30 Nov 2016 Reviews

Read more

Francesco Giannico/Zac Nelson – Les Nomades Paysages (HYSM?/Lemming, 2013)

Zac Nelson lo avevamo conosciuto come eclettico musicista pop in un bel disco uscito su Second Family un paio di…

23 Jan 2014 Reviews

Read more

Athletic Automation - A Journey Through Roman’s Empire (Skin Graft,…

Steve Mattos, chitarra, già con Arab On Radar, e Patrick Crump, batteria, formano insieme gli Athletic Automation,…

13 Nov 2007 Reviews

Read more

Great Lake Swimmers - Ongiara (Nettwerk, 2007)

Sempre in sordina, e non poteva essere altrimenti, i "nuotatori del grande lago" mi sono sempre piaciuti, sarà per il…

20 Jul 2007 Reviews

Read more

M. Moynihan & D. Søderlind – Lords Of Chaos (Tsunami,…

Arriva anche in Italia, per meritoria opera della Tsunami Edizioni, la corposa inchiesta che indaga fatti e misfatti della scena…

08 Jan 2011 Reviews

Read more

Adorno - Year Two (Shove, 2012)

Per quanto creda che gli Adorno non aggiungano nulla di particolarmente nuovo alla storia dell'hardcore, ed in questo senso potremmo…

22 Jun 2012 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

Werner Kitzmüller - Evasion (Valeot, 2011)

La Valeot mi aveva abituato ad un altro tipo di uscite più indie-troniche e in catalogo annovera anche i nostrani…

02 Feb 2012 Reviews

Read more

Andy Ortmann/Luca Sigurtà – Split (Tulip, 2011)

Esce sulla Tulip di Claudio Rocchetti questa cassetta split tra Andy Ortmann e Luca Sigurtà: l'americano è noto sotto vari…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Arrington De Dyoniso + Sabot – 20/03/10 C.S. Bruno (Trento)

Bella scoperta il Bruno, centro sociale anormalmente pulito e dagli orari di inizio e fine concerti insolitamente umani, sito in…

20 Mar 2010 Live

Read more

Ronin + De Curtis – 04/02/12 Interzona (Verona)

Non vale il gelo e una spruzzata di neve a tenere lontani gli afecionados da una delle prime serata live…

17 Feb 2012 Live

Read more

Loobiecore, ovvero dell'essere un perdente di successo.

Mi sono sempre concentrato, forse un po' morbosamente, su Lou Barlow. Non fraintendiamo, non sono ai livelli di D. Chapman…

23 May 2015 Articles

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Massimo Volume/Bachi Da Pietra – Split EP (La Tempesta, 2011)

Uno split fra due dei gruppi della penisola che più curano la parola, integrandola in contesti poco definibili ma certo…

19 May 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top