Bachi Da Pietra – Quarzo (Santeria/Wallace, 2010)

Quarto album in studio per i Bachi Da Pietra, a pochi mesi di distanza dal live che suggellava il vecchio corso del gruppo. Sì, perché in questo lavoro tira un'aria di novità che fin da subito ha spiazzato i fan più conservatori (meno coloro che, negli ultimi anni, hanno avuto modo di vedere il baco in carne e… voce): per la prima volta l'insetto è catturato a metà della mutazione, col bozzolo solo parzialmente lacerato, senza che sia chiaro che forma ne uscirà. Nasce così un disco di luci e ombre, fra antiche certezze e innovazioni che le distanziano, ma ancora in cerca della piena compiutezza. Uscito in collaborazione fra Wallace e Santeria (che ha curato anche la ristampa dei primi due episodi della saga) e splendidamente registrato, com'è ormai abitudine, presso il S.a.m. studio di Lari, Quarzo indaga altre strade rispetto al blues sui generis consueto e per certi versi dà corpo all'invito a prostituirsi che, in tempi non sospetti, era contenuto in Tornare Nella Terra. Quindi il baco, apparentemente, rende meno oscure alcune parole e "rockizza" i suoni (Pietra Della Gogna), tenta il cantato senza che la voce arrivi mai davvero a librarsi (Bignami, Orologeria), rimugina con nuove parole ("trascrivere bene il pezzo non chiaro" recita Fine Pena) i concetti intorno a cui ruota la sua poetica: il corpo, la morte, la ciclicità del tempo. La speranza di incrociare nuovi ascoltatori e la necessità di presentarsi sembrano informare le autorappresentative Pietra Per Pane e Morse, l'esistenzialista Non è Vero Quel Che Dicono e l'esangue Muta, mentre la sensuale Niente Come La Pelle, uno dei brani migliori mai scritti, in questo contesto assume quasi un senso di conservazione. Si badi, quando parliamo di maggior accessibilità va sempre intesa in un'ottica "bachica", non aspettatevi i Baustelle ma una musica pop distorta dagli occhi di un insetto. In questo senso i risultati migliori li abbiamo con Dragamine, Notte Delle Blatte (già sentita in versione diversa nel live) e la conclusiva Fine Pena, perfetto equilibrio fra spirito antico e suono nuovo, a dimostrazione di come il baco sia capace di fagocitare col suo stile generi finora estranei; e che, pur flirtando col rock o con certo noise, l'impronta del gruppo resti comunque evidente, è il dato più significativo di un disco imperfetto e vitale, come ogni essere su questa terra.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Meteor – Anemici/Sangue Dalle Rape (Bosco/Sanguedischi/In Limine/Incisioni Rupestri, 2010)

Quattro pezzi in quattro minuti e diciotto secondi: i Meteor sono un gruppo col dono della sintesi oltre a quello,…

20 Jul 2010 Reviews

Read more

Ensemble Uzi - S/T (Autoprodotto, 2009)

Fa uno strano effetto sapere che un terzetto del genere, musica improvvisata che evita accuratamente la struttura…

28 Jul 2009 Reviews

Read more

Far - At Night We Live (Arctic Rodeo, 2010)

Ritornano i Far, per qualcuno degli illustri conosciuti ma resta che si tratta di un gruppo con parecchi dischi all'attivo…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi AKA Kinetix: Out Of The Limbo

Anche Gianluca Becuzzi/Kinetix, come altri di cui abbiamo parlato in precedenza, muovendosi spesso senza il supporto delle riviste specializzate (soprattutto…

13 Aug 2007 Interviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Lite - Filmlets (Transduction, 2007)

I giapponesi hanno una cultura che non sono mai riuscito a capire bene: riescono a inglobare elementi dall'esterno in modo…

26 Jan 2007 Reviews

Read more

Don Vito/Bogong In Action – Split 7” (Lemming/Brigadisco et al.,…

Merita una segnalazione questo split in vinile diviso fra Don Vito, gruppo che, a discapito del nome, proviene dalla Germania …

20 Jan 2012 Reviews

Read more

Andrea Senatore - Vulkan (Minus Habens, 2014)

Avevamo lasciato il talentuoso compositore oltre un anno fa all'interno della preziosa collaborazione con Giovanni Sollima (sempre su Minus Habens).…

08 Jul 2014 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Io, Monade Stanca – The Impossible Story Of Bubu (Africantape,…

Il primo scoglio da superare è il nome, più adatto a un romanzo di Susanna Tamaro che non a un…

29 Oct 2009 Reviews

Read more

Inutili - Unforgettable Lost And Unreleased (Aagoo, 2014)

Con non scusabile ritardo torno ad occuparmi degli Inutili dopo il 12" Music To Watch The Clouds On a Sunny…

30 Sep 2015 Reviews

Read more

Barbara De Dominicis: lady sings the blues, ma non solo

Ho conosciuto Barbara De Dominicis grazie ad Anti-Gone, il suo debutto in solo, un lavoro a-melodico ma al tempo stesso…

06 Oct 2012 Interviews

Read more

HYSM?Duo – All Impossible Worlds (Neon Paralleli, Wallace, HYSM?, Lemming…

Il duo Spataro/Fiore si rifà vivo con quello che è loro quarto album, certamente il loro più accessibile: dato un…

19 Feb 2015 Reviews

Read more

Gypsophile - Assunta (Lenka Lente, 2006)

Non so praticamente nulla della canzone francese, i "buchi" nelle mie conoscenze musicali sono grossi come crateri; Guillaume Belhomme scrive…

03 Sep 2006 Reviews

Read more

Jackpine - Return To Zero EP (Wild Love, 2009)

Stavo per esordire dicendo che Return To Zero è lo stesso titolo di un album dei Man Or Astro-Man? ma…

17 Oct 2009 Reviews

Read more

Iztok Koren - Lonely Hymns and Pillars of Emptiness (Torto…

Il polistrumentista sloveno (già membro degli avantfolk Sirom) ci proprone questo lavoro rarefatto e malinconico interamente concepito e suonato in…

05 Jul 2021 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top