Aspec(t) – Abattoir (Nuun, 2011)

Arrivati al terzo album il duo napoletano degli Aspec(t) (gente di A Spirale, SEC_ e Weltraum) e dopo un titolo in spagnolo e uno inglese optano stavolta per il francese, omaggio forse all’etichetta che li produce. Abattoir vuol dire macello e ascoltando il disco dobbiamo ammettere che nessun altro nome poteva essere più adatto.
Non fatevi fuorviare dall’uso comunemente negativo che si fa della parola, questa non è bassa macelleria ma fredda violenza che disseziona chirurgicamente il flusso sonoro e lo ricompone in blocchi squadrati, di concretezza fisica, spaziale: tentando un paragone col mondo dell’arte, diremmo che più che agli animali sotto formaldeide di Damien Hirst siano prossimi a certi lavori di Francis Bacon, dove i corpi sono sventrati fino a divenire irriconoscibili (e allo stesso artista sembra rifarsi l’immagine di copertina). Parimenti trasfigurate sono le fonti sonore: se l’elettronica e i nastri non hanno per loro natura un suono definito, il sassofono, unico strumento acustico presente, è quasi sempre irriconoscibile e rivela sé stesso solo nella finale, liberatoria Welcome To The New Barbarian. In questo senso è significativo che gli unici suoni riconoscibili, utili ad evitare un’eccessiva astrazione, provengano da oggetti non propriamente musicali, come una moneta che rotea su un piano o la suoneria di un telefono: gli Aspec(t) ridisegnano lo spazio partendo dalla realtà e ce lo restituiscono deformato come in un quadro cubista dai colori plumbei. In un’opera così curata, nulla è ovviamente lasciato al caso: ogni incastro, ogni contrasto fra pieni e vuoti, è soppesato con attenzione, e il risultato è una specie di jazz concreto e spigoloso, che muove dall’insegnamento del John Wiese più crudo e ogni tanto si toglie lo sfizio di sconfinare nei campi del power eletronics (Intorno Al Drago) e dell’hardcore digitale (Contratti O Sabotaggio?), disegnano un percorso difficile ma coerente, dove anche il nome dei brani sembra suggerire una possibile continuità narrativa o addirittura un ipertesto (alcuni sono rubati a titoli di libri). Non un ascolto facile, ma un’esperienza appagante che si protrae ben oltre l’ascolto.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Cagna Schiumante - S/T (Tannen, 2014)

Scorticare fino a raggiungere l'essenza stessa. Le tracce di questo lavoro sono canti di muezzin ubriachi e storti declamati sbavando…

26 Sep 2014 Reviews

Read more

Liars – 28/05/13 Interzona (Verona)

Torna in Italia in gruppo newyorkese, per presentare l'ormai non recentissino WIXIW e immancabilmente fa tappa a Interzona, con cui…

21 Jun 2013 Live

Read more

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

AA.VV. – Crepe (VacuaMœnia, 2014)

La pratica di field recordings è sempre più diffusa, dalle nostre parti. Certo, non è una cosa originale, ma il…

28 Jul 2014 Reviews

Read more

Gastr Del Sol - Twenty Songs Less 7" (Minority, 2006)

Ebbene sì. Finalmente Jim O'Rourke ha capito che per lui non c'era davvero niente da fare di utile all'interno dei…

22 Jan 2007 Reviews

Read more

Collezionando Vuoti A Perdere – S/T (Under My Bed, 2014)

Chi si nasconda dietro questo nome curioso nelle note ci copertina non c’è scritto. Nemmeno sappiamo se si tratti di…

23 Apr 2014 Reviews

Read more

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more

AfarOne - Lucen (Karlrecords, 2012)

Un disco da dopo calura estiva? Forse sì, AfarOne è un ragazzo italiano trasferitosi in Spagna, l'etichetta è quella Karlrecords…

27 Sep 2012 Reviews

Read more

Simon Grab & Francesco Giudici - [No] Surrender (LP OUS,…

Surrender è uno scontro. Uno scontro presuppone sempre una resistenza. Uno scontro presuppone due forze almeno che cozzino, combattano…

11 May 2022 Reviews

Read more

Manon-Liu Winter - Stones No. 2 (Chmafu Nocords, 2013)

L'etichetta austriaca Chmafu Nocords continua ad esplorare la viva e pulsante scena musicale contemporanea austriaca pubblicando il nuovo disco della…

24 Apr 2014 Reviews

Read more

Agamotto - S/T (Cosmic Swamp, 2012)

Esordio per il duo italico Agamotto (dal nome di un personaggio Marvel) sulla nostrana Cosmic Swamp, etichetta dedita a stoner,…

13 Feb 2013 Reviews

Read more

Geoff Farina - The Wishes Of The Dead (Damnably, 2012)

Ispirato dalla nuova vita rurale presso il fiume Kennebck nel freddo Maine, torna in punta di piedi Geoff Farina (ex…

05 Apr 2012 Reviews

Read more

Cherry Vanilla - Ziggy’s Papers. David Bowie: Lettere Ai Fan…

Il Duca Bianco non è mai stato uno sprovveduto. Dai primi anni Settanta ha dimostrato come - con la sapiente…

13 May 2007 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show – S/T (Wallace, 2012)

Continua la navigazione la sgangherata nave (vichinga, si direbbe dalla copertina) capitanata da Xabier Iriondo alla chitarra e da Roberto…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 1 (09/10/14)

Prima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta ogni giovedì dalle 21:00 alle 22:30…

20 Oct 2014 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top