Arg – AnimaLI (Creative Sources, 2008)

Arg è uno degli innumerevoli lavori del nuovo corso della Creative Sources e sono parecchi gli italiani che ne hanno rimpolpato le fila e che hanno seguito Luca Sigurtà, Claudio Rocchetti e Fhievel e gli ultimi due in ordine di apparizione sono Luca Mauri di cui recentemente abbiamo recensito il disco d’esordio e Graziano Lella/ARG. Immagino che il nome del romano per molti suoni completamente sconosciuto, in realtà trattasi di un membro del trio improvvisativo Taxonomy che oltre al suddetto comprende Roberto Fega ed Elio Martuscello.
AnimaLI è la trasposizione sonora di una piece di teatro musicale tratta da Rayuela di Julio Cortazar. Il lavoro è cosparso di campionamenti di voce o di materiali rielaborati anche se propenderei per il fatto che si tratti di una natura di suoni mista. Dopo aver letto che Lella collabora abitualmente con una compagnia teatrale (Psicompompo Teatro) mi verrebbe da fare due più due e da dire che nell’ascoltare il disco si potesse anche immaginare… ed effettivamente potrebbe anche sembrare una colonna sonora per una performance di questo tipo. In realtà forse sarebbe una conclusione un po’ facile dovuta anche al fatto che si tratta di un lavoro che gioca molto sulle pause e su pochi suoni sciorinati a tempo debito e portati fino in fondo al loro potenziale narrativo. Immagino che dopo quest’ultima perla sia anche facile immaginarsi un lavoro a drone, cosa che invece non è, infatti se una natura da improvvisazione elettroacustica c’è, è anche vero che si tratta di un lavoro che credo abbia un’origine molto più ponderata per essere "solo" improvvisato. La conseguenza logica di quanto detto è che ci si trova di fronte ad un cd per lo più molto tranquillo e molto bilanciato in cui silenzi e singoli suoni si alternano in un contesto di musica contemporanea dalle tinte fortemente elettroniche. Anche le tracce pur avendo una cifra stilistica che le lega, a volte sono parecchio diverse anche nelle durate che vanno dal minuto scarso ai nove della penultima, poi si passa dai suoni freddi in stile sonorizzazione fino alla digital-ambient di Filo Di Lana. Un lavoro molto asciutto, piacevole e lo stesso Lella all’interno del disco specifica che si tratta di un disco acusmatico: se seguendo Pierre Schaeffer si tratta di un lavoro che per sua natura è "svincolato dalle proprie cause”, beh, è difficile non immaginarsi invece che questa registrazione sia slegata da un suo contesto "performativo".

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kill Kalashnikov – 7 Years (Depression House/Lemming, 2008)

Album postumo, in funerea, appropriata grafica all black, per il quartetto veronese scioltosi nel 2007. Registrato al Red House di…

28 Oct 2009 Reviews

Read more

Edgar Café - Alcuni Fattori Marginali (Arci Sana, 2008)

Sebbene al disco d'esordio, il cammino dei genovesi Edgar Cafè è lungo e denso di caratteri propri ed eterogenei. Difficile…

25 Oct 2009 Reviews

Read more

Eagle Twin – The Feather Tipped The Serpent's Scale (Southern…

Col nuovo lavoro degli Eagle Twin, Gentry Densley e Tyler Smith vanno ad arricchire il proprio particolare bestiario, accostando ai…

02 Jan 2013 Reviews

Read more

Offlaga Disco Pax + Apash 2012 - 18/01/13 Circolone (Legnano…

E quindi si inaugura l'anno nuovo con un live dal sapore un pò - almeno per me - antico. Offlaga…

08 Feb 2013 Live

Read more

Fratto9 Under The Sky: free your mind and play as…

I due motti scritti qui sopra campeggiano sul nuovo sito della Fratto9 Under The Sky, etichetta a cui dedichiamo questo…

14 Apr 2010 Articles

Read more

Putiferio – Lov Lov Lov (MacinaDischi/Robot Radio, 2012)

Putiferio non ha mai avuto vita facile. Ai tempi della nostra intervista (vai a leggerla qui) reduci dall'abbandono di Giulio…

11 Sep 2012 Reviews

Read more

Rashad Becker - Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk…

20 Aug 2014 Reviews

Read more

Boris Hegenbart And 19 Artists - Instrumentarium (God/Staubgold/Monotype, 2012)

Boris Hegenbart ha all'attivo un bel numero di dischi e collaborazioni, infatti è attivo sin dal 1996 e da sempre…

16 Jan 2013 Reviews

Read more

Albireon - A Mirror For Ashen Ghosts Part Two (Toten…

“Raccontami una fiaba, in cui nessuno muore e mentimi se vuoi ma fallo con il cuore raccontami un dolore di vetro scheggiato giocattoli…

03 May 2022 Reviews

Read more

Mashrooms – S/T (Wild Love, 2011)

In maniera tutt'altro che banale i siciliani Mashrooms riescono nella difficile impresa di fare un disco che, pur muovendosi in…

27 Sep 2011 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Low Blood Pressure, Final Muzik CD…

Di tutte le annunciate uscite del Singles Club della Final Muzik, questo Low Blood Pressure è l’unica a non essere…

06 May 2014 Reviews

Read more

Apart – Digital Frame (KrysaliSound, 2010)

Creatura personale di Francis M. Gri, Apart suona in bilico tra morbida elettronica e malinconie post rock. A farla da…

18 Mar 2011 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

The Connie Capri Organ Chamber Orchestra - S/T (Wallace, 2008)

Che Mirco Spino nonostante un malcelato passato hardcore (e non per i film con Rocco e John Holmes) sia diventato…

07 May 2008 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top