Airportman – Rainy Days (Lizard, 2007)

Ritorna a far uscire dei dischi la Lizard che ha patrocinato delle produzioni interessanti e che rimane l’etichetta che ha stampato due gruppi da recuperare come i Gatto Marte e gli St.ride del piccolo gioiello di Piume Che Cadono (anche se in questo caso l’etichetta è la sussidiaria Zeit). Gli Airportman si trovano fra le uscite più abbordabili dell’etichetta, non credo che sia un caso che mentre li sentivo sul lavoro una mia collega se li godesse a tal punto da chiedermi chi fossero. Un tempo avremmo parlato di post-rock ma poi il termine è caduto in disgrazia, quindi non sia mai che se ne faccia menzione se non sottovoce, eppure, per quanto ciò sia più o meno identificabile con un certo suono e un certo genere di musica, a gruppi come Tortoise e June Of 44 in un certo senso stava (e sta tutt’ora) stretto. Seppur non ci troviamo in un’altra galassia, questo “uomo aeroporto” (speriamo non voli Alitalia) decollerebbe indubbiamente da Chicago di un po’ di anni fa, ma sarebbe stato costruito made in Germoney perché suvvia, la passione di molti musicanti della “windy city” era dichiaratamente melo-kraut, che poi si trattasse dei Faust o dei Can più fruibili o dei Neu cambia poco: tanto per capirsi. Qualcuno parlerebbe più che altro di suono canterbouriano o di psichedelia cantautorale inglese e non sbaglierebbe visto che la voce di Wyatt ci starebbe “na crema” su molte di queste schegge. Ma fra rock evoluto e rifinito e folate settanta, comunque il disco è senza dubbio melodico, soprattutto quando la nave guida sono il piano o la chitarra. I Dirty Three meno robusti, meno australiani e senza violino (in pratica non fossero loro…) colorati qua e là nei loro momenti più rilassati ci andrebbero vicino. Un disco strumentale dalle tinte invernali, semplice, malinconico ma ben equilibrato nel cercare di non strafare, alla faccia di quelli che “non si può far cantautorato senza necessariamente usare la voce”. Più che Willard Grant Conspiracy direi Ex-Chittle, ve li ricordate? No? Migliora le cose se nomino gli Ativin? Non è che si trattasse proprio di due gruppi simili ma giusto per inquadrare l’andamento sonnolento e uggioso delle melodie e la “depressao meravigliao” che comunque nel caso di questo Rainy Day è un po’ attenuata. Semplice ma ben fatto, un gruppo che non avrebbe per nulla sfigurato fra le tracce della doppia compilation It’s Changing che raccoglieva l’who’s who della Chicago che contava.

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mulo Muto/Beta – Tape Crash #11: The Examination (Old Bicycle,…

Nell’undicesimo scontro della serie su cassetta ideata dalla Old Bicycle estraiamo dalle lamiere gli svizzeri Mulo Muto e i padani…

14 Sep 2015 Reviews

Read more

Bad Powers - S/T (The End, 2012)

Un' atmosfera palpabilmente febbricitante ammanta questo esordio tutto nuovaiorchese. Infatti dalle ceneri ancora fumanti dei Made Out Of Babies (tre…

21 Dec 2012 Reviews

Read more

Andrew Quitter/Nick Hoffman - Nu Grotesque (Diazepam, 2013)

Collaborazione tra Andrew Quitter e Nick Hoffman sulla nostrana Diazepam di Mauro Sciaccaluga. Quitter aveva già inciso una bella cassetta…

10 Mar 2014 Reviews

Read more

OvO – Crocevia (Load, 2009)

Tornano gli OvO e questa volta la release è 100% "made in Usa" come buona parte delle armi con cui…

10 Jan 2009 Reviews

Read more

Words And Actions - Time Can't Be Turned Back (Final…

Dopo tre anni i vita i Words And Actions si arrendono all'ormai vetusto formato CD: Final Muzik pubblica infatti una…

24 Jul 2013 Reviews

Read more

Built To Spill - You In Reverse (Warner Bros, 2006)

Premesso che qualsiasi uscita sotto questo nome andrebbe acquistata a scatola chiusa (compreso il tanto criticato Ancient Melodies Of The…

29 Sep 2006 Reviews

Read more

Orange - Certosa (Midfinger, 2009)

L'album degli Orange arriva nelle mie mani corredato da un semplice booklet contenente i testi dei brani, e nulla più.…

03 Oct 2009 Reviews

Read more

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Barnacles - The Evening News (Arell, 2017)

Esordio sulla breve distanza per la nuova creatura di Matteo Uggeri, che come Barnacles pubblica su Arell (nel bel formato…

03 May 2017 Reviews

Read more

Sean Noonan Pavees Dance - Tan Man's Hat (RareNoise, 2019)

Seconda uscita per l’ensemble Pavees Dance capitanato dal batterista di lungo corso Sean Noonan, un cantastorie moderno che, come evoca…

02 Jul 2019 Reviews

Read more

New Jooklo Age – 16/11/10 Circolo Creassant (Brescia)

È ancora il Creassant, nel mortorio omologato della tanto a sproposito decantata scena bresciana, a offrirci una serata di musica…

07 Oct 2010 Live

Read more

Black Lava - Lady Genocide (Hellbones, 2019)

Schegge radioattive scagliate in una corsia d'ospedale e conficcate sulle pareti bianche. Questa è la perfetta sintesi del progetto condiviso…

05 Jul 2019 Reviews

Read more

Ryan Powers Boyle - S/T (Far And Away, 2010)

Indeciso se suonare in una band o fare tutto da solo, questo cantautore, originario di St. Petersburg Florida, alla fine…

05 Sep 2010 Reviews

Read more

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Atlantic/Pacific - Meet Your New Love (Arctic Rodeo, 2010)

No amici, non si tratta di uno split, ma del nome per il progetto scelto da Garrett Klahn già in…

07 Sep 2010 Reviews

Read more

The Rust And The Fury - See The Colors Through…

Piove. Ultimamente non è strano per niente, no? Comunque, siccome, secondo me, il caso esiste fino a un certo punto,…

19 Sep 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top