Simon Reynolds – Post-Punk 1978-1984 (ISBN, 2007)

Intimidisce, al primo impatto, questo volume di Simon Reynolds. Saranno le più di 700 pagine, saranno i 35 euro del prezzo, sarà il look spartano e asettico (peraltro trademark distintivo e – per quanto mi concerne – molto intrigante della ISBN): qualunque cosa sia, inizialmente è difficile rapportarsi a Post-Punk. È un peccato, perché vinta la timidezza (e trovati i 35 euro da investire) le soddisfazioni che ne derivano sono davvero notevoli. Anzi, anche un po' di più. Non è un'enciclopedia tuttologica e nazionalpopolare in Scaruffi-style, non è un dizionario senz'anima, non è una guida per principianti di quelle che andava di moda allegare a Rumore qualche anno fa. Questa è un'opera maestosa in cui il giornalismo musicale a livelli quasi extraterreni si fonde con una capacità di raccontare da romanziere consumato: scordatevi le folcloristiche sgroppate di storia orale alla Please Kill Me, accantonate i deliri poetico-psicotropi di Lester Bangs, non provate neppure a tirare in ballo l'accademia di Greil Marcus. Niente di tutto questo. Post-Punk è, se vogliamo, nella tradizione di John Savage, ma meno legnoso e autoindulgente, più narrativo e senza la smaccata attitudine da "Io ero il cronista del punk  e vi racconto come è andata". Questo libro, infatti, (come dichiara l'autore stesso) è una specie di resa dei conti col passato di uno che – all'epoca dei fatti – era un ragazzino che comprava i dischi e si è trovato a seguire un fenomeno senza esattamente percepirlo come tale. Poi il ragazzino è diventato un bravo giornalista e il gioco è fatto.
Ma bando alle ciance. Cosa ci trovate dentro? Praticamente una summa delle ultime pendici del punk fino a metà anni Ottanta, con aneddoti, discografie, concerti, citazioni, analisi, storie. Il fuoco è molto Albione-centrico, nel senso che gli Stati Uniti non sono sviscerati più di tanto, pur non mancando una pletora di citazioni di artisti d'Oltreoceano. E, non dimentichiamo, che col termine post-punk in questo volume si intende veramente tutto ciò che è scaturito dal punk, non solo le pendici artistoidi poi evolutesi nella wave più commerciale o nei generi più estremi e rumoristici. Qui c'è spazio anche per l'hardcore punk, tanto per dirne una.
Bello e suggestivo. Non c'è che dire.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Paolo L. Bandera - Registrazioni Di Campi Tellurici E…

Ritorna il decano se non addirittura lo storico ed ideologo per antonomasia dell'area grigia italiana, con un proprio prodotto programmmatico…

13 Nov 2020 Reviews

Read more

L'Enfance Rouge – Bar-Bari (Wallace, 2010)

Riprende la navigazione il gruppo italo-francese a tre anni dal precedente Trapani - Halq Al Waady: siamo sempre all'interno del…

05 Feb 2011 Reviews

Read more

Silent Carnival - Drowning At Low Tide (Viceversa/Seltz, 2016)

Che ci fossero le basi per essere un disco eccezionalmente alto in qualità, visti i protagonisti coinvolti, era fuori ombra…

14 Nov 2016 Reviews

Read more

Il Cielo Di Bagdad - Manca Solo La Neve (Autoprodotto,…

Mi sa che c’ho una buona stella lassù che fa sì mi arrivino per posta dei demo che non mi…

20 Nov 2006 Reviews

Read more

Soft Black Star - La Mer, La Bataille, La Mort…

Ritorna un progetto molto home friendly e che mi era piaciuto qualche tempo fa con l'esordio Geneva In Neve, parliamo…

15 May 2012 Reviews

Read more

STROMBOLI - Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi…

30 Dec 2021 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Carla Dal Forno - 25/04/2018 Monk (Roma)

Finalmente recuperate le date di presentazione dell’ep The Garden dopo la cancellazione del tour italiano dello scorso anno. La proposta…

02 May 2018 Live

Read more

Cafeteria Dance Fever - Danceology (Hovercraft, 2012)

Garage quasi tipo Cramps. Suoni sporchissimi che in confronto il tradizionale Lo-fi è una roba passata sotto l'engineering di Brian…

14 Jun 2012 Reviews

Read more

Mastodon - Blood Mountain (Warner Bros, 2006)

L’allontanamento dalla Relapse in virtù di una major non sembra aver intaccato particolarmente la creatività e la furia dell’eclettico quartetto…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Death In June + Fire+Ice + Vurgart – 28/10/11 Carlito’s…

Tour del trentennale, dopo lunga assenza dai palchi, per i Death In June: come non esserci? Sì, anche solo per…

11 Nov 2011 Live

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

Smallgang - Trespasses (Damnably, 2011)

"Una delle band live più interessanti del panorama londinese!"...Non male direi come presentazione. Ma si sa che i comunicati stampa…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

The Death Of Anna Karina - Lacrima/Pantera (Unhip, 2011)

Ricordo che quando mi dissero che The Death Of Anna Karina avevano svoltato in favore del cantato in italiano, subito…

20 Feb 2011 Reviews

Read more

Extra Life – Made Flesh (Africantape, 2010)

Sorprende trovare, in un catalogo così stilisticamente orientato come quello dell'Africantape, il disco di quello che alla fin fine è…

19 Feb 2010 Reviews

Read more

Deison - Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e…

27 Nov 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top