AIPS Collective – Postcards From Italy (Oak, 2013)

L’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori è un collettivo di musicisti il cui intento è quello di promuovere la cultura del paesaggio sonoro, inteso come bene culturale immateriale e in continuo mutamento. L’AIPS –cito dal manifesto- studia il “cambiamento” negativo o positivo che sia, perchè vi è senza dubbio un innato valore antropologico e dunque ridefinisce l’estetica del paesaggio sonoro ‘conservandolo’, archiviandolo in contemporanei archivi digitali ed elaborandone i risultati in chiave artistica, scientifica, contemporanea.
Postcards From Italy è una sorta di saggio che ben illustra gli intenti del gruppo: riuniti sotto il nome AIPS Collective nove artisti provenienti dai quattro angoli della penisola si sono scambiati il materiale registrato, creando così una rete di contatti e posando una pluralità di sguardi sul paesaggio sonoro italiano. Fabio Perletta ha utilizzato i field recordings di Barbara De Dominicis, la quale ha rielaborato quelli di Alberto Boccardi che invece ha messo le mani sul lavoro di Pietro Riparbelli il quale ha lavorato sul materiale di Attilio Novellino che ha manipolato le registrazioni di Enrico Coniglio, che ha utilizzato i suoni di Alessio Ballerini, a sua volta all’opera sui file di Giulio Aldinucci, il quale si è dedicato ai soundscapes speditigli da Giovanni Lami, che ha ricevuto quelli di Fabio Perletta, chiudendo il cerchio. Ognuno dei luoghi presi in esame (identificati nei titoli da precisissime coordinate geografiche) è da un lato rappresentato dal suoni lì raccolti e dall’altro interpretato dalla sensibilità del musicista che li ha elaborati: sentiamo una Venezia assediata da voci e rumori, il mare alla foce del Po malinconico e sottilmente inquietante, una Livorno che pulsa di forze del sottosuolo, Roma spaccata fra allegro vociare e sporco residuo elettronico, una Napoli insolitamente spettrale e astratta. Alcuni hanno molto elaborato il materiale di partenza rendendolo quasi irriconoscibile, altri hanno preferito non snaturarlo troppo, ma tutte le composizioni sembrano conservare lo spirito del luogo, arricchito da una visione estetica che comunica all’ascoltatore molto più di ciò che una semplice registrazione sul campo potrebbe fare. Postacards From Italy non è un lavoro facile, richiede interesse per l’argomento e ascolti ripetuti e attenti (possibilmente in cuffia), ma è un’opera importante che getta le basi di un progetto che merita grande attenzione. In maniera non dissimile dalle campagne che nel corso degli anni ’70 documentarono l’Italia del dopo boom attraverso gli scatti dei migliori fotografi di allora (Ghirri, Basilico, Cresci, Berengo-Gardin,…) questo lavoro porge un orecchio attento all’ambiente che ci circonda e alle sue mutazioni, consentendoci un’esperienza quanto mai rara: quella di vedere con l’udito cose che all’occhio sfuggirebbero.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Martyrdöd - Paranoia (Southern Lord, 2012)

Ultimamente pecco spesso di mancato tempismo: ascoltarmi questo "Paranoia", ultima fatica degli svedesi Martyrdöd, nel pieno di una estate infernale…

02 Oct 2012 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 3 -…

Etica. Un parolone. Però mi interessa perchè, parlando di musica, segna lo sfumato confine tra le proposte che valgono qualcosa…

13 Oct 2012 Articles

Read more

Monosonik - Mechanical Fluxus (Ticonzero, 2011)

Ero già rimasto favorevolmente colpito dall'esordio di questo gruppo che coinvolge un ex Templebeat e TH26 (una collaborazione con Maurizio…

10 Feb 2011 Reviews

Read more

K’An – Babel (Time Released Sound, 2016)

Qualche battito asettico come un contatore geiger, la presenza della chitarra (qui usata in modo piuttosto diverso) e una forma musicale…

15 Feb 2017 Reviews

Read more

La Decima Vittima - Storie Strane Al Buio (Zona, 2011)

 Ognuno ha lo chansonnier che si merita. Evidentemente, e i fatti mi danno ragione, oggi Bobby Soul è quanto di…

07 Jun 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Festivalbug (Corpoc, 2013)

Non sono passate dodici lune dall’uscita di Quintale che già il baco torna a farsi sentire: il suo lavoro è…

20 Dec 2013 Reviews

Read more

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Megattera - Origo (Killer Pool/Narcotica - 2014)

Notturne visioni torbide ammantano queso italianissimo lavoro distribuito Goodfellas che non può fare a meno di evocare le colonne sonore…

03 Jun 2014 Reviews

Read more

Ovo – Creatura (Dio Drone, 2016)

Gli Ovo se ne escono dall’antro della Supernatural Cat lasciandosi alle spalle quel processo di relativa normalizzazione metal a cui…

11 Jan 2017 Reviews

Read more

AA.VV. - Brucia Imperia Brucia (Good Vibes, 2007)

Certamente per una buona causa. Chi vive all'estrema periferia dell'impero, emblematicamente gli abitanti di Imperia, non vuole esser dimenticato…

15 Jun 2008 Reviews

Read more

Small Thing - S/T (Flamingo, 2019)

"La cosetta" è un gagliardo punk stop and go di chiara matrice NOFX (nel senso buono) interpretato da un giovane…

08 Feb 2021 Reviews

Read more

Presi Per Caso - S/T (Autoprodotto, 2006)

La loro storia è molto rock. Un gruppo formato da detenuti che hanno unito le loro passioni musicali e, anche…

07 Nov 2006 Reviews

Read more

Sebadoh - Secret EP (Autoprodotto, 2012)

Anche se sono stati tra le mie band favorite in assoluto, consideravo i Sebadoh dopo 13 anni di ibernazione un…

04 Sep 2012 Reviews

Read more

Slobber Pup – Black Aces (Rare Noise, 2013)

È ancora tempo di supergruppi? Se quella di associare grossi nomi è pratica mai invalsa (e anzi vitale) in ambito…

10 Jan 2014 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti - The Carpenter (Wallace/Boring Machines, 2009)

Altre "Piccole donne crescono" e Claudio Rocchetti fra Teenage Wildlife e The Carpenter, in una vita in fuga dal tempo…

02 Jan 2010 Reviews

Read more

Low Low Low La La La Love Love Love -…

Continua la carriera discografica di questa band inglese che risponde al nome bizzarro di Low Low Low La La La…

01 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top