Geometrie Variabili – The Breath (La Bél, 2013)

Ci sono musiche che hanno fama di essere difficili e cervellotiche, di richiedere all’ascoltatore preparazione e cultura e per questo la maggior parte del pubblico se ne tiene alla larga. Ci sono, tutti ne conoscerete almeno un paio di esemplari, musicisti e ascoltatori che di tutto ciò si compiacciono. Fortunatamente ci sono altri musicisti che questi steccati fanno di tutto per superarli, proponendo una musica che racconta, con un alfabeto magari insolito, storie semplici che richiedono solo lo sforzo di un  ascolto senza preconcetti. Lo so, anche una cosa così piccola è utopia e The Breath resterà l’ennesimo bellissimo disco sconosciuto, ma ciò non toglie nulla al suo valore e al piacere che sa procurare.
A disegnare queste Geometrie Variabili – nome non poteva essere più azzeccato – sono la chitarra elettrica di Elia Casu, il piano di Silvia Corda, il contrabbasso di Adriano Orrù e le percussioni di Antonio Pinna. Si ispirano, ci fanno sapere, a Steve Lacy (due pezzi del suo repertorio li troviamo in scaletta), facendo loro dall’idea del sassofonista di sviluppare un discorso partendo da elementi semplici, siano essi una melodia, una scala, un’atmosfera, un accordo. E “semplicità” è un po’ la parola d’ordine di un disco che non indugia mai in virtuosismi e usa il jazz come base su cui combinare con intelligenza gli altri ingredienti, siano passaggi di piano che rasentano la musica classica, come nella splendida Coastline o l’irruenza rock di Building Momentum, con la chitarra elettrica in evidenza, o i passaggi blues segnati dalle malinconiche melodie del contrabbasso suonato con l’archetto e le percussioni free che ora dettano i ritmi, ora si fanno esse stesse strumenti espressivi. Ma al di là delle distinzioni fra i generi, in questo caso ancora più inutili visto la libertà con coi i quattro musicisti se ne servono e li associano, creando sempre qualcosa di personale, quello che conta è la capacità che le composizioni hanno di parlare con immediatezza ai sentimenti, di evocare sensazioni e brevi narrazioni, attingendo a un patrimonio emozionale che trascende le competenze musicali dell’ascoltatore. Chiudete gli occhi e fatevi trasportare, non serve altro e non vi costa nulla perché il disco è scaricabile gratuitamente sul sito dell’etichetta. Dai, provate.


Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Nick Hornby - 31 Canzoni (Guanda, 2003)

Se per molti Alta Fedeltà è il libro che parla della loro passione per la musica, per me non è…

22 Aug 2006 Reviews

Read more

Horchata Vs. Sil Muir - S/T (Taâlem, 2008)

Con colpevole ritardo recensisco questo cd 3", che da tanto tempo staziona tra le pile di dischi in "heavy rotation",…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

WK569 – Omaggio A Marino Zuccheri (Boring Machines, 2017)

Tempo, spazio e suono devono essere ben stranamente allineati in quel della Val Camonica (Brescia). Mesi fa vi parlammo dell’ottimo…

31 Jan 2018 Reviews

Read more

Eugene S. Robinson & Philippe Petit – Last Of …

È piuttosto sorprendente la forma di questa collaborazione fra il prolifico Philippe Petit ed Eugene Robinson: non un album di…

12 Mar 2013 Reviews

Read more

qqqØqqq – Burning Stones Of Consciousness (Casetta/DreaminGorilla e altre, 2017)

Sulla carta la proposta di qqqØqqq, il duo formato da  Tomaso Busatto e Carlo Mantione, sembra la perfetta somma dei…

26 Mar 2018 Reviews

Read more

Deerhoof - La Isla Bonita (Clapping, 2014)

Nel bene o nel male i Deerhoof li abbiamo amati un po' tutti. O meglio: tutti abbiamo passato un periodo…

12 Feb 2015 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti -Volume Quattro (Escape From Today, 2019)

Ormai le suite di Paolo sono classic rock nel senso più alto del termine: Spaccamonti è uguale solo a sé…

21 Jan 2020 Reviews

Read more

Rollerball - 4 Corners (Wallace, 2014)

Caso strano i Rollerball: seppure in giro da molti anni, con una discografia importante a cui è difficile stare…

12 Mar 2014 Reviews

Read more

Black Pus – 05/10/13 Interzona (Verona)

La stagione dell'Interzona, che si annuncia ricca di bei nomi, si apre con quel Brian Chippendale che, a cinque anni…

11 Oct 2013 Live

Read more

Live Footage – Plays Jay Dee (Autoprodotto, 2012)

I Live Footage sono Mike Ties, batteria e tastiere, e Topu Lyo, violoncello. E il Jay Dee del titolo è…

05 Jul 2012 Reviews

Read more

Kaouenn - Mirages (Beautiful Losers/Bloody Sounds Fucktory, 2021)

Secondo lavoro per il connazionale Kaouenn ormai trapiantato oltralpe da qualche anno. Mirages è un autentico meltin' pot musicale che…

23 Mar 2021 Reviews

Read more

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

The Enchanted Realm - Of The Pink Widower (Northpole, 2008)

Il giro della Northpole è in un certo senso fantastico, come quello dei Rollerball seppure i due non siano legati…

12 Sep 2008 Reviews

Read more

Shoplifting - Ep (Kill Rock Stars, 2004)

Secondo quanto ho imparato dai film, il comunismo, in America, è perseguito per legge. Ai socialisti fanno bere l'olio di…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Blood Axis + Rosa Rubea + Roma Amor – 23/06/2013…

Era evento assai atteso la calata degli americani Blood Axis, illustri portabandiera del folk pagano e capitanati da quel Michael…

12 Jul 2013 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top