Adriano Zanni – Disappearing (Boring Machines, 2017)

Arriva l’annunciato e atteso album di Adriano Zanni e – sorpresa! – non è come ce lo aspettavamo. Della recente uscita su nastro Soundtrack For Falling Trees avevamo scritto che seguiva un ”percorso laterale rispetto a quanto ascoltato sul singolo (Falling Apart, n.d.r.) e – si presume – ascolteremo sull’LP”, ma presumevamo male perché Disappearing si discosta da entrambe le uscite precedenti; alcuni legami si mantengono saldi – in particolare la scelta dei suoni e l’utilizzo di field recordings e voci – ma è il mood ad essere completamente differente. Poche volte come in questo caso il titolo di un disco è superfluo: nelle cinque composizioni il senso dello scomparire è evidente, non necessita di spiegazioni, ma si esprime con uno stile lontano da quell’ambient etereo e indefinito che, visto il tema, ci si aspetterebbe. In Disappearing nulla ha a che fare con l’abbandonarsi: troppo taglienti i suoni, troppo concreti i field recordings, troppo definite le strutture dei brani per permettercelo, dobbiamo invece comprendere le nuove forme e conformacivisi, solo così potremo raggiungere lo scopo prefissato. Già nell’iniziale Dreams And Falling Trees le voci femminili ci parlano in un modo che fatichiamo a decifrare, sezionate come sono da suoni stridenti e freddi come il ghiaccio: ci troviamo in territori liminari e il riuscire a capirere l’invito fattoci da una voce maschile nella successiva About The End, Without Beginning ci conferma che siamo passati oltre; i battiti industriali e quasi marziali e le frequenze stridenti ci sono reali ma ci appaiono lontani, non ci possono più ferire. Meditiamo così fra i droni e il battito cardio-metronomico di What Is Left e laviamo le ultime scorie nella confusione di rumore e melodie nascoste di In The Distance: con Disappearing (The Last Trip) il percorso finisce e ci chiudiamo la porta alle spalle. Tutto è compiuto. Ci siamo ancora – l’attivismo raccontato dai field recordings ce lo conferma – ma in forma diversa. Per Zanni lo scomparire sembra essere un processo e la sparizione una disciplina quasi zen che non c’entra nulla, lo ribadiamo, con l’abbandonarsi; è piuttosto un fondersi con l’ambiente in una totale e cosciente adesione. In questo senso scomparire alla vista (all’udito?) vuol dire affacciarsi su nuovi orizzonti.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Cobson - Like A Bike Without Brakes EP (Autoprodotto, 2007)

Gradevole e vezzoso rockettino profumatamente distorto per questo giovane trio di Montpellier. Una voce femminile inserita in un sound…

25 Jan 2008 Reviews

Read more

Manon-Liu Winter - Stones No. 2 (Chmafu Nocords, 2013)

L'etichetta austriaca Chmafu Nocords continua ad esplorare la viva e pulsante scena musicale contemporanea austriaca pubblicando il nuovo disco della…

24 Apr 2014 Reviews

Read more

Three In One Gentleman Suit - Some New Strategies (Black…

Dopo il superbo Ep Battlefields In An Autumn Scenario le attese per questo nuovo album del trio modenese erano spasmodiche.…

19 Jul 2006 Reviews

Read more

Andrea Senatore - Vulkan (Minus Habens, 2014)

Avevamo lasciato il talentuoso compositore oltre un anno fa all'interno della preziosa collaborazione con Giovanni Sollima (sempre su Minus Habens).…

08 Jul 2014 Reviews

Read more

Shonen Knife - Overdrive (Damnably, 2014)

Venti album in trentatrè anni: c'è poco da aggiungere al trio femminile, felicemente ribattezzato Osaka Ramones. Un ennesimo elementare inno…

10 Jun 2014 Reviews

Read more

Kiwibalboa - Natale In Argentina (Overdub, 2019)

Da Genova un gradevole indie pop caramelloso per amanti dei dolciumi delle fiere stagionali. Leggero e disimpegnato, Natale In Argentina,…

11 Feb 2020 Reviews

Read more

Gil Hockman - Dolorous (Self Released, 2015)

A volte la semplicità paga, come nel caso di questo disco fatto di niente, nato quasi per caso attraverso un…

28 Oct 2015 Reviews

Read more

Nihil Is Me - Nihilisme (8mm, 2008)

Partiamo subito dicendo che questo è un gran bel disco, ma è una sorpresa? Assolutamente no, Nihil Is Me al…

18 Feb 2008 Reviews

Read more

Luminance Ratio/Yannis Kyriakides – Split 7” (Fratto9 Under The Sky/Kinky…

Terzo episodio nella serie degli split che i nostri Luminance Ratio hanno deciso di dividere con musicisti stranieri di una…

02 Apr 2015 Reviews

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

Beasts of Bourbon - the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Paolo Cantù: soltanto io, da solo.

Paolo Cantù si è fatto le ossa in seminali gruppi dell'industrial italiano all'inizio degli anni '80, ha suonato la chitarra…

17 Nov 2012 Interviews

Read more

Candor Chasma - Rings (Old Europa Cafe, 2012)

Purtroppo credo che sia una delle prime, se non la prima uscita dell'Old Europa Cafe che viene recensita su questa…

10 May 2012 Reviews

Read more

Joy As A Toy – Dead As A Dodo (Cheap…

"Freely inspired by Dario Argento's movies" è quanto si apprende sfogliando il booklet del cd dei belgi Joy As A…

16 Jul 2012 Reviews

Read more

Spraydog - Karate Summer Camp (Ferric Mordant, 2007)

Nostalgici amanti dell'indierock anni '90 fatevi sotto... questo disco fa per voi. Gli Spraydog sono rimasti ancora quello che erano…

25 Dec 2007 Reviews

Read more

Om + Lichens – 30/01/10 Interzona (Verona)

E venne il giorno degli Om. La notte anzi, umida e fredda, ma almeno non nevosa, cosa rara di questi…

02 Feb 2010 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top