Adamennon/Alessandro Parisi – Il Plenilunio Del Fuoco (Flight Recorder, 2014)

Servisse conferma di quanto tutta la faccenda dell’Italian Occult Psychedelia sia solo una baracconata, basterebbe far notare come, nei vari articoli e appuntamenti che si fregiano di questo nome, i due personaggi in questione non siano mai presenti. È tuttavia naturale che certa musica si tenga alla larga da giri che usano determinate parole con leggerezza; per comprenderne la ragione basta un ascolto a questo 12” picture, che in meno di venti minuti fa piazza pulita di tutti i ciarlatani dell’occulto musicale.
Lontani dal droning e dall’elettronica ultima maniera, i nostri percorrono parallelamente vie che prendono le mosse da quei musicisti che fra i ’70 e gli ’80 hanno saputo evocare –spesso con la scusa di comporre per il cinema- forze altre (Antonius Rex e John Carpenter in primis, ma si sentono echi anche del Ligeti più sperimentale) inoltrandosi con piglio deciso in un territorio indefinito e nebuloso. Il tempo a disposizione è poco, nemmeno venti minuti, ma le suggestioni che investono l’ascoltatore molte, ponendo alcuni punti fermi che non sarebbe male vedere sviluppati in futuro. Separatamente i due confermano quanto di loro già sapevamo: Adamennon costruisce Il Rituale (Electi Initiationem) attorno a un giro d’organo ripetitivo e malinconico, una melodia che evoca e incatena; atmosfere non dissimili ma maggiormente fredde ed elettriche le ritroviamo in Caeli Rore (Purificatio) di Alessandro Parisi, un corriere interdimensionale più che cosmico. Quando poi i due lavorano di concerto, l’alchimia produce risultati inattesi, anche se, a pensarci bene, non così illogici: Il Nulla Chiama A Sè (Orior Omnia) materializza fluttuanti ectoplasmi elettronici imprigionati in ossessive strutture pianistiche mentre Aperiens Ad Lunam (Baptsismus Sanguis) fa rivivere un medioevo atemporale prossimo alla Camerata Mediolanense maggiormente esoterica. Musica certamente immaginifica, ma talmente liminale da risultare medianica. Non prendetela alla leggera.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rock And The City - Sex, Drugs & (Fake) Rock…

Perché Chris Robinson è di nuovo single? Che c'entra col punk di New York? Che ruolo ha mai Kate Moss…

02 Sep 2006 Articles

Read more

Maisie - Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino (Snowdonia,…

Maisie di Syd Barrett ha più di 50 anni ed è la figlia sghemba di suo padre. Maisie di Alberto…

06 Feb 2022 Reviews

Read more

Actionmen - Ramadama (Inconsapevole/Autunno Dischi/BellsOn, 2013)

Incidere un album doppio di musica hardcore è decisamente un azzardo. In pochi, nel corso della storia, sono riusciti nel…

27 Jan 2014 Reviews

Read more

Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

Belfi/Grubbs/Pilia – 13/11/10 Interzona (Verona)

Dopo aver apprezzato l'ottimo lavoro in studio del terzetto italo-americano ci si presenta la possibilità di verificarne le qualità in…

02 Oct 2010 Live

Read more

Fabio Orsi - Endless Autumn (Backwards, 2013)

Così come la prima uscita in vinile di Backwards era di Fabio Orsi (il bel Von Zeit Zu Zeit), anche…

06 Dec 2013 Reviews

Read more

Maximum Awesome - S/T (Sabbatical, 2007)

Ho dato un’ascoltata veloce alla maggior parte dei lavori di quest’etichetta e bene o male, oltre che un’estetica base nel…

08 Mar 2009 Reviews

Read more

Morose/Campofame – Cinque Pezzi Facili, Volume 4 (Under My Bed,…

Il penultimo capitolo della serie Cinque Pezzi Facili ospita due graditi ritorni: quello dei Morose, che dopo La Vedova Dell'Uomo…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Kotha – XI (This Winter Will Last Forever, 2017)

Make Sodapop metal again, part. 2. Dopo Boslide è l’ora di Kotha, progetto esordiente che esce per un’etichetta che è…

12 Jun 2017 Reviews

Read more

Owen - Ghost Town (Polyvinyl, 2011)

L'anima sentimentale dei Kinsella, - non Sophie, quella del libro I Love Shopping e I Love Shopping…

14 Oct 2011 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 36 (02/07/15)

Puntata numero trentasei della terza stagione di The Sodapop Fizz, Alberto Boccardi ospite di Emiliano e Massimo con un po'…

05 Jul 2015 Podcasts

Read more

Sparkle In Grey - Mexico (Lizard/Grey Sparkle/MCL/Old Bycicle/Afe, 2011)

Invecchiato tre anni. Questo riporta la cover del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey. E come un buon whisky che…

21 Feb 2012 Reviews

Read more

Naim Snaps: The Spaghetti Dual Rail

Last birthday I received many beautiful gifts: one of them was a tiny little Naim Snaps power…

04 May 2007 Articles

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top