Absoluten Calfeutrail & Blarke Bayer – Conflict Resolution Seminar (Sabbatical, 2008)

Altro dischetto Sabbatical interessante, altro piatto per stomaci foderati di lamiera. In questo caso più che un eufemismo si tratta di un’avvertenza bella e buona, infatti per quanto si tratti di un lavoro noise/power-noise abbastanza fine, il primo referente che mi è venuto in mente fin da subito è stato Brighter Death Now, soprattutto mentre ascoltavo la voce distorta ed i pezzi ultraminimali in cui sulla banda della registrazione vedreste tutto in rosso per causa della saturazione. Immagino che sebbene per altri questo possa essere un complimento (e neanche piccolo visto che alcuni dischi del boss della Cold Meat non sono davvero niente male), forse per Absoluten Calfeutrail & Blarke Bayer  sarà un po’ fuori luogo, in fin dei conti non credo che la loro estrazione sia esattamente industrial, ma resta che ci si avvicinano molto di più e molto meglio di quanto lo faccia parecchia gente del giro, credo che sia utile ricordare che molti nord europei prima di dedicarsi a questa roba sono stati (e sono) freak, oppure anarco punk bohemien. Se il fruscio vi fa "scompisciare" come il cantante dei Gogol Bordello in Ogni Cosa E' Illuminata, allora qui troverete pane per i vostri denti visto che c’è poco da sospettare sul fatto che mentre registravano questo CD-r i nostri amici si siano fritti le cervella. Mediamente il suono è lineare, mai troppo in picco e mai troppo distorto, a suo modo costante o per lo meno ciclico (anche per questo il parallelo con Karmanik non è per nulla casuale), zero melodia e poche sbavature infatti si tratta di un lavoro molto preciso e che si sviluppa in modo molto uniforme. Molto più cupo degli altri lavori che abbiamo recensito sulla stessa etichetta, questo Conflict Resolution Seminar (gran titolo!) è ossessivo quel tanto che basta per radere al suolo ogni vostra forza residua a fine giornata: insomma sbobba con cui rilassarsi dopo le fatiche del lavoro. Fastidioso, ossessivo e monolitico, però resta che forse è uno dei migliori dischi sfornati dalla piccola etichetta dell’altro emisfero.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Holy Hole – Plan Z (Autoprodotto, 2012)

Dalla Toscana, via Berlino, arriva questo EP degli Holy Hole: chitarre loopate e processate fino a sciogliersi in un ambient…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Obelyskkh - White Lightnin' (Exile on Mainstream, 2012)

Super crautissimo doom tossico e polveroso direttamente dalla Germania per questi figli bastardi di Dave Wyndorf e di tutta la…

17 Dec 2012 Reviews

Read more

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Jason Noble Benefit Show – 06/02/10 Interzona (Verona)

Da quando a Jason Noble, polistrumentista in forze a gruppi quali Rodan, Rachel's e Shipping News è stato diagnosticato un…

15 Feb 2010 Live

Read more

Au – Both Lights (Leaf, 2012)

Un magma musicale assurdo permea il lavoro di questi ay-yoo, progetto di Luke Wyland e Dana Valakta da Portland. …

01 Jun 2012 Reviews

Read more

Catlong - My Cocaine (Autoprodotto, 2008)

Tornano i cinque fantasy rockers lombardi Catlong. Questa volta con una ballad sbilenca e ubriaca, ma come al solito…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Reflue - A collective Dream (Shyrec, 2006)

Superpop anglofono di quello in stile Homesleep di poco tempo fa tanto per intenderci, ora la Homesleep ha fatto scuola?…

16 Oct 2006 Reviews

Read more

Adamennon & Luciano Lamanna – Iris (Souterraine, 2017)

Esordiscono insieme l’etichetta napoletana Souterraine e la collaborazione fra Adamennon e Luciano Lamanna che su questo 12” mettono in comune…

11 Oct 2017 Reviews

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more

Elastic Society - Be Strong (Minus Habens, 2012)

Altro enfant terrible, Alberto Dati quanto il suo boss  Ivan Iusco torna sulla lunga distanza sotto l'incarnazione Elastic Society a…

08 Nov 2012 Reviews

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

Giorgio Ricci - Insanity (Laverna, 2012)

Giorgio Ricci, per chi di voi non lo sapesse, è un ex Templebeat, gruppo in forza alla Submission e che…

17 May 2012 Reviews

Read more

German Army – Animals Remember Human (Arte Tetra/Crash Symbols, 2020)

Nonostante le oltre 80 uscite i German Army  non erano mai comparsi sulle nostre pagine; a sopperire alla mancanza ci…

10 Apr 2020 Reviews

Read more

Music For Eleven Instruments - At The Moonshine Park With…

Leggiadro indie-pop orchestrale di chiaro respiro europeo, molto gradevole ed accattivante come la maggior parte delle produzioni siciliane indipendenti e…

14 Dec 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top