Schonwald – Amplified Nature (Panoplie, 2009)

A quanto pare la 5 Roses oltre ad ingrandirsi sta diventando un’agenzia di promozione sia per la roba estera che per quella italiana, in questo caso specifico si tratta di questi Schonwald. Dato che solitamente non leggo quasi mai nulla prima di ascoltare un disco (anzi non lo leggo neppure dopo, perché non leggo… leggere è inutile e sono parecchio felice di essere ignorante) direi che potevano venire da qualunque altra parte d’Europa e non necessariamente dall’Italia e questo è buono, infatti si sente che sono europei ma per l’appunto non si tratta di quell’indie-italiano che non è di serie A (perché quello di serie A tutto sommato c’è e si sente) e che finisce per essere roba filo estera mal fatta. Leggo che si tratta di due membri dei Pitch di cui ricordo ben poco oltre al fatto che impostassero molto della loro immagine su una super patata che cantava, ma che oltre a quello non mi dicevano molto (se questo sia positivo o no decidetelo voi). Superata quest’impennata di misoginia e rosicume per la ficaggine altrui, diciamo che questo disco ogni tanto si spara alcune pallottole niente male e per quanto i riferimenti si sentano e siano talvolta smaccati (Sonic Youth e Blonde Redhead su tutti), qualche pezzo davvero riuscito c’è e si sente anche se il suono è un po’ datato (ma cosa di quello che credete che sia nuovo non è datato?). Oltre agli accostamenti menzionati aggiungerei anche gli Yeah Yeah Yeahs, anche se c’è molto meno tiro e molto più pop e bel pop visto che i suoni, le melodie e gli arrangiamenti stanno tutti dove devono stare. A tratti derivativo, minimale, piacevole e molto a presa rapida e non esagero dato che con due batterie elettroniche semplicissime, basso, chitarra e voce imbasticono alcuni pezzi che non hanno bisogno di molto altro come ad esempio la bull-in-the-heateriana Ok, Typewriter o la rocckeggiante Slow Milk. Un buon disco, anche senza fica in copertina… come avrete capito anche io sono parte della Chiesa del moralizzatore!

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Pierpaolo De Iulis, un marchigiano a Roma

Uno dei motivi per cui, appena arrivo a Roma, visito sempre Hellnation, ancora prima che il Pantheon o Campo…

13 Feb 2011 Interviews

Read more

Lilium - Black Dear (Taxi Driver, 2013)

Prosegue con perseveranza il lavoro della Taxi Driver per portare alla giusta ribalta le identità genovesi dedite a sonorità estreme…

07 Jun 2013 Reviews

Read more

Lucifer Big Band – Ugo (Autoprodotto, 2013)

Nonostante l'opera d'esordio, col titolo Atto I, desse ad intendere una volontà di proseguire, mi ero fatto l'idea della Lucifer…

30 Jul 2013 Reviews

Read more

Owen - Ghost Town (Polyvinyl, 2011)

L'anima sentimentale dei Kinsella, - non Sophie, quella del libro I Love Shopping e I Love Shopping…

14 Oct 2011 Reviews

Read more

Derma - 1995 (Luce Sia, 2019)

Fedeli al proprio nome i ragazzi della Luce Sia proseguono nel recupero del più oscuro e dimenticato industrial avantgarde italiano…

23 Apr 2019 Reviews

Read more

Matmos + M.uto - 15/03/13 Interzona (Verona)

La prima tranche della stagione 2013 di Interzona è ricca di bei nomi: si è iniziato con Jon Spencer, che…

22 Mar 2013 Live

Read more

Nicker Hill Orchestra – All The Different Deaths… And Rebirths…

Il post rock come il progressive italiano alla fine degli anni ’70? Quanto manca prima che, numericamente parlando, gli attuali…

22 Oct 2009 Reviews

Read more

Xiu Xiu + Three In One Gentleman Suit - …

Ci sono gruppi che, pur apparendo a fine corsa per quel che riguarda la qualità delle produzioni discografiche, vale sempre…

09 Nov 2012 Live

Read more

Newtone 2060 - Shot (Fratto9 Under The Sky, 2011)

Sono innamorato di questo disco fin dalla prima traccia che avevo ascoltato in rete: non sapevo neppure di chi si…

16 Aug 2011 Reviews

Read more

Marnero/Si Non Sedes Is - Split LP (Bar La Muerte/Donnabavosa/Sanguedischi/Tdd,…

Le "nuove scuole", diventate vecchie, capita si riproducano alla maniera delle piante, così i semi di un certo hardcore che…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Rella The Woodcutter – The Golden Undertow (Boring Machines, 2012)

A chiudere la trilogia di Rella The Woodcutter per la meritoria Boring Machines, arriva un LP in tiratura di 300…

08 May 2012 Reviews

Read more

Gerda - Cosa Dico Quando Non Parlo (Shove/Wallace/Donna Bavosa/Concubine/Sons Of…

Avevamo lasciato i Gerda ad un buon esordio e li ritroviamo riveduti e più calibrati anche al giro di boa.…

27 Aug 2007 Reviews

Read more

Om – God Is Good (Drag City, 2009)

Con un titolo che li proietta di prepotenza nel pantheon del rock cristiano a fianco di nomi come Stryper e…

18 Dec 2009 Reviews

Read more

The Great Nostalgic – Hope We Live Like We Promised…

Derivativi certo lo sono, ma direi che il nome è già una dichiarazione di intenti, quindi da parte mia nessun…

02 Jun 2011 Reviews

Read more

Duozero - Esperanto (Small Voices, 2006)

Strano il potere dell’autosuggestione: forse quanto sto per scrivere è dettato dal fatto che per una stramba associazione leggere che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Threatening Fragments From Four Boulders (Sincope, 2014)

Non è facile star al passo con le uscite dei Grizzly Imploded e delle loro varie filiazioni, specie per chi,…

04 Jun 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top