Z’Ev & Simon Balestrazzi – Reverbalizations (Boring Machines, 2014)

Se faceste una rapida ricerca in rete rimarreste sorpresi nello scoprire quanti dischi siano stati registrati in caverne: non solo musica di ricerca, ma anche gruppi rock, folk, addirittura gospel. Un conto è tuttavia sfruttare questi luoghi per le particolari qualità acustiche o simboliche, un altro è saperne cogliere lo spirito o addirittura evocarne gli spiriti. Proprio questo è quello che riesce a fare questo disco.
Alla base di questo lavoro c’è la performance di Z’Ev alla Cavità delle Cinque Colonne, presso Cagliari, durante il Signal Festival del 2007, alla quale si aggiungono alcune registrazioni live effettuate al KulturBunker di Colonia e il lavoro di editing, campionamento e sovrincisione di alcuni strumenti ad opera di Simon Balestrazzi. Difficile e inutile distinguere i contributi dell’uno e dell’altro, quello che importa è notare come il risultato abbia poco a che fare con la performance d’origine e sia invece un’opera dotata di una propria autonomia e di una fortissima personalità. I droni cupi e profondi fanno percepire il respiro della caverna e ne misurano gli spazi attraverso la risonanza, mentre le percussioni e gli altri strumenti (tsymbaly suonato con l’archetto, VCS 3) lo animano di presenze che ci arrivano dal passato: quelle di coloro che nello stesso luogo, in epoche remote, hanno suonato strumenti diversi ma in qualche modo uguali, ma anche di chi, in questa terra e in tempi più recenti, ha lavorato nelle profondità del suolo: si getta così, andando oltre il semplice fattore musicale, un ponte fra archeologia propriamente detta e la più recente archeologia industriale. Se riuscite a calarvi nell’atmosfera di Reverbalizations, operazione invero non difficile visto le capacità evocative della musica, sentirete il richiamo del ventre della terra, un suono che appare inquietante solo perché si è ormai disabituati ad ascoltarlo. In fondo l’idea di reverbalizzazione potrebbe venire intesa proprio come la volontà di spiegare con parole diverse qualcosa che un tempo conoscevamo bene e che ora facciamo fatica a comprendere: forse non tutto è perduto.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Lovely Savalas - Pornocracy (Above Ground, 2011)

Ho sempre pensato che già dalla cover si possa intuire molto del contenuto di un disco. Cristiano Carotti, l'artista umbro…

16 May 2011 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Titor - S/T (Smartz, 2009)

Nostalgici della "sei corde senza fronzoli", i Titor inalberano un progetto pseudo concettuale che partendo dall'hardcore californiano dei primi…

01 Apr 2010 Reviews

Read more

Daimon – Remedies For A Foggy Day (Norwegianism, 2019)

Daimon è il progetto formato dall’attivissimo Simon Balestrazzi (tastiere, synth modular, gong e piatti), Nicola Quiriconi (synth, nastri, voce e…

21 Feb 2020 Reviews

Read more

Rara Avis – Mutations/Multicellulars Mutations (dEN, 2013)

Prendete Stefano Ferrian al sax tenore e soprano, Simone Quatrana al piano, Luca Pissavini al contrabbasso e SEC_ ai nastri…

30 Apr 2013 Reviews

Read more

My Speaking Shoes - Holy Stuff (Autoprodotto, 2012)

Ohhhhh. Bene. Con un paio di mesi di ritardo rispetto all'uscita, mi accingo a parlare del primo disco di una…

22 May 2012 Reviews

Read more

Luca Venitucci – Interstizio (Brigadisco, 2012)

Ammetto di non essere troppo informato sullo stato dell'arte della fisarmonica, sulle tendenze recenti e sui futuri, possibili sviluppi. Di…

16 May 2012 Reviews

Read more

Aedi - Ha Ta Ka Pa (Gusstaff, 2013)

Secondo lavoro fresco di stampa per i connazionali Aedi (forse plurale di Aedo? sapete...i cantanti-compositori greci...). Maceratesi di origine, con…

13 Mar 2013 Reviews

Read more

Grey History - Lucifer Over Disneyland (Radical Matters, 2010)

La premiata ditta Gianluca Becuzzi - Fabio Orsi continua nella collaborazione, questa volta a nome Grey History e con iconografie…

10 Jul 2010 Reviews

Read more

No Age - An Object (Sub Pop, 2013)

Parto dalla conclusione: a Thurston Moore (almeno quello dei tempi di Evol, Daydream Nation o Goo) questo disco piacerebbe. Detto…

14 Oct 2013 Reviews

Read more

Mir - S/T (Wallace/A Tree In A Field, 2009)

Qualcuno quest’estate mi ha parlato bene di questo trio e me l'ha presentato come un "gruppo alla Zu", ovviamente con…

19 Oct 2009 Reviews

Read more

Meteor - Magic Pandemonio (Wallace/Villainferno, 2017)

Era un disco cruciale questo per il duo chitarra/batteria dei Meteor: dopo un 7” e un 12” entrambi one side…

23 Oct 2017 Reviews

Read more

Dusted - Total Dust (Polyvinyl, 2012)

Nome sconosciutissimo ai più, Dusted non è altro che il progetto di Brian Borcherdt tastierista e co-fondatore dei ben più…

06 Aug 2012 Reviews

Read more

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

Enomisossab - O (CD EdisonBox, 2022)

Ascoltando una voce slegata dal corpo l’immaginazione vola. Spesso si tende a pensare chi sperimenta vocalmente come un gigioneggiatore, dati…

19 May 2022 Reviews

Read more

Zac Nelson – Domain Of Pure Speculation (Second Family, 2011)

Torna su queste pagine una produzione della parmigiana Second Family Records, che stavolta è volata fino a Portland per pescare,…

30 Jan 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top