Z’Ev & Simon Balestrazzi – Reverbalizations (Boring Machines, 2014)

Se faceste una rapida ricerca in rete rimarreste sorpresi nello scoprire quanti dischi siano stati registrati in caverne: non solo musica di ricerca, ma anche gruppi rock, folk, addirittura gospel. Un conto è tuttavia sfruttare questi luoghi per le particolari qualità acustiche o simboliche, un altro è saperne cogliere lo spirito o addirittura evocarne gli spiriti. Proprio questo è quello che riesce a fare questo disco.
Alla base di questo lavoro c’è la performance di Z’Ev alla Cavità delle Cinque Colonne, presso Cagliari, durante il Signal Festival del 2007, alla quale si aggiungono alcune registrazioni live effettuate al KulturBunker di Colonia e il lavoro di editing, campionamento e sovrincisione di alcuni strumenti ad opera di Simon Balestrazzi. Difficile e inutile distinguere i contributi dell’uno e dell’altro, quello che importa è notare come il risultato abbia poco a che fare con la performance d’origine e sia invece un’opera dotata di una propria autonomia e di una fortissima personalità. I droni cupi e profondi fanno percepire il respiro della caverna e ne misurano gli spazi attraverso la risonanza, mentre le percussioni e gli altri strumenti (tsymbaly suonato con l’archetto, VCS 3) lo animano di presenze che ci arrivano dal passato: quelle di coloro che nello stesso luogo, in epoche remote, hanno suonato strumenti diversi ma in qualche modo uguali, ma anche di chi, in questa terra e in tempi più recenti, ha lavorato nelle profondità del suolo: si getta così, andando oltre il semplice fattore musicale, un ponte fra archeologia propriamente detta e la più recente archeologia industriale. Se riuscite a calarvi nell’atmosfera di Reverbalizations, operazione invero non difficile visto le capacità evocative della musica, sentirete il richiamo del ventre della terra, un suono che appare inquietante solo perché si è ormai disabituati ad ascoltarlo. In fondo l’idea di reverbalizzazione potrebbe venire intesa proprio come la volontà di spiegare con parole diverse qualcosa che un tempo conoscevamo bene e che ora facciamo fatica a comprendere: forse non tutto è perduto.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Nembrot - S/T (Officine Frog ,2008)

Io e l'ordine non siamo mai stati i migliori amici e purtroppo, pur cercando disperatamente di metterci una toppa, crescendo…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

Empty Chalice – Mother Destruction (Toten Schwan, 2019)

La perseveranza è dote rara e per questo ancor più da apprezzare. Parliamo, nella fattispecie, della continua esplorazione delle regioni…

09 Sep 2019 Reviews

Read more

Frana - Disastersss (Taxi Driver/Santavalvola/Sonatine, 2021)

I milanesi Frana ci sono simpatici. Come se fossimo ancora nel1997 si divertono a coniugare brillantemente i Quicksand, i Bastro…

06 Apr 2021 Reviews

Read more

Annie Hall - Cloud Cuckoo Land (Pippola, 2007)

Dopo un demo e un Ep autoprodotto, l'approdo all'album d'esordio in un cartoncino che al tatto sembra fatto di stoffa.…

12 Oct 2007 Reviews

Read more

Scout Niblett - 20/11/10 Interzona (Verona)

Ammetto di essermi mosso, questa sera, dietro pressione di vari amici che avevano tessuto le lodi di Scout Niblett e…

18 Oct 2010 Live

Read more

Sleepmakeswaves - In Today Already Walks Tomorrow (Monotreme, 2014)

Tornano gli australiani già amati con ...And So We Destroyed Everything a stupire e ammaliare con le cinque meravigliose tracce che…

21 May 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 26 (23/04/15)

Puntata numero ventisei della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Attilio Novellino con la…

27 Apr 2015 Podcasts

Read more

Cafeteria Dance Fever - Danceology (Hovercraft, 2012)

Garage quasi tipo Cramps. Suoni sporchissimi che in confronto il tradizionale Lo-fi è una roba passata sotto l'engineering di Brian…

14 Jun 2012 Reviews

Read more

31Knots - Worried Well (Polyvinyl, 2008)

In questi anni sulle pagine di Sodapop abbiamo sempre seguito i 31Knots, all'inizio con i primi due dischi di math…

05 Oct 2008 Reviews

Read more

Buffalo Grillz - Manzo Criminale (Subsound, 2012)

Grind ad alzo zero, una linearità di esecuzione ed una fantasia negli arrangiamenti pari a quella di un gibbone chiuso…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Dream Weapon Ritual - The Uncanny Little Sparrows (Boring Machines,…

Simon Balestrazzi qui è di casa (mi sa che ha pure le chiavi) e stessa cosa potremmo dire per i…

07 Feb 2018 Reviews

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

DBH - Wave The Old Wave (Eh?, 2008)

La Eh? altro non è se non una costola della Public Eyesore, etichetta che oltre a dare alla stampe una…

03 Oct 2008 Reviews

Read more

DsorDNE - Grafio Ricerca 010 (Asbestos Digit, 2018)

Torna un monicker storico della scena industriale italiana, DisorDNE, dietro al quale prendono forma le visioni sperimentali di Marco Milanesio.…

24 Jul 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top