Yonatan Gat – Universalists (Glitterbeat/Tak:Til, 2018)

Al suo secondo disco solista Yonatan Gat si distanzia sempre più dal garage rock che lo ha fatto conoscere con i Monotonix: se già dall’esordio Director aveva ibridato il suono da Jimi Hendrix del surf con musiche da tutto il mondo e approcci più “avanguardisti”, con Universalists il discorso si spinge ancora avanti. Tanto per essere chiari, la verve sonora non viene mai meno e questo si coglie già dall’attacco del disco nella esemplare Cue The Machines: dopo avere ascoltato un sample dei trallallero genovesi (registrati a suo tempo da Alan Lomax) messi in loop in modo molto arguto, gli si affianca il chitarrismo sempre molto personale di Gat, accompagnato da basso (Sergio Sayeg) e batteria (Gal Lazer) fulminanti. Il pezzo iniziale è indicativo del disco, tra elementi raccolti da musiche popolari in giro per il mondo, il suono molto tipico e caratterizzante del musicista e invenzioni sonore che amalgamano il tutto armonicamente senza sconfinare nel terribile effetto “real world” che aborro oppure arrivare a fare “il terzomondista moderno” e risultare stucchevole dopo pochissimo: mantenere il proprio stile e ibridare senza stravolgere o rovinare la fonte orginale è un gioco da maestro che riesce in tutto il disco. Universalists è un susseguirsi di spunti presi dal gamelan, piuttosto che da canzoni tradizionali spagnole, canti degli indiani d’America, ragazze italiane che cantano in un ampli per basso, musica brasiliana, un goccio di Dvořák e chissà cos’altro: c’è pure un bran registrato da Calvin Johnson al Dub Narcotic Studio prima della sua chiusura. Mi ero avvicinato a questo disco con molti pregiudizi ma erano infondati: intelligente, divertente e mai prevedibile, Universalists trova il modo di essere “globale” e non scontato attraverso le uniche armi vincenti possibili in situazioni così al limite, ovvero l’unione di gusto, fantasia e classe.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sister Iodine – Venom (Nashazphone, 2018)

Ho verificato tramite foto e video live reperibili in rete (se vi interessa qui trovate il più recente): i Sister…

05 Apr 2018 Reviews

Read more

The Doggs - Black Love EP (Autoprodotto, 2011)

Marcissimo e maleodorante EP imbrattato di Stooges, Velvet Underground e sferragliante punk anni settanta. Fa sempre piacere sentire che esiste…

16 Feb 2012 Reviews

Read more

Athletic Automation - A Journey Through Roman’s Empire (Skin Graft,…

Steve Mattos, chitarra, già con Arab On Radar, e Patrick Crump, batteria, formano insieme gli Athletic Automation,…

13 Nov 2007 Reviews

Read more

Panser - S/T (Autoprodotto, 2010)

Che immenso piacere sentire che la Norvegia non è solo croci rovesciate e salame d’alce affumicato. I Panser (Oslo)…

09 Jun 2011 Reviews

Read more

Crystal Plumage - Night Conference (Sincope, 2012)

Probabile omaggio a Dario Argento il nome di questo duo formato dal francese Benjamin L. Aman (Glue Pour, Lucie Huck…

27 Feb 2013 Reviews

Read more

Black Bananas + Vin Blanc/White Wine – 15/11/2014 Interzona (Verona)

In una sera dove, un po’ il maltempo, un po’ i tanti appuntamenti programmati in città (oh, i Subsonica al…

21 Nov 2014 Live

Read more

Spraydog - Karate Summer Camp (Ferric Mordant, 2007)

Nostalgici amanti dell'indierock anni '90 fatevi sotto... questo disco fa per voi. Gli Spraydog sono rimasti ancora quello che erano…

25 Dec 2007 Reviews

Read more

Levis Hostel - Star Bell Jar (Persian Surgery, 2009)

"Lo spirito del Natale ci ammorberà fino alla prossima estate", questo sottotitolo accompagna l'esordio dei pescaresi Levis Hostel dopo il…

20 Dec 2009 Reviews

Read more

The Tapes - Teletyp (Luce Sia, 2021)

Sul versante più trasversale e certamente meno facile rispetto a Derma è questo nuovo sette pollici sempre a firma Giancarlo…

14 Nov 2021 Reviews

Read more

Folklezmer - Puppets Theater Show (Ultra Sound, 2011)

Un gruppo che mette in chiaro tutto a partire dal nome e quindi non perdiamoci troppo in introduzioni sterili e…

29 Jul 2011 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.4

Ultima puntata dell’anno. Anche dalle parti di Kitchen Door, laggiù nella pianura, tira aria di buonismo natalizio, che si traduce…

30 Nov 2009 Podcasts

Read more

Satanismo o barbarie: intervista al Teatro Satanico

Se vi è capitato di ascoltare anche solo uno dei brani più noti del Teatro Satanico, ben difficilmente sarete riusciti…

12 Oct 2013 Interviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 22 (19/03/15)

Puntata numero ventidue della terza stagione di The Sodapop Fizz: Simon Balestrazzi è ospite di Emiliano: c'è tempo per parlare della…

23 Mar 2015 Podcasts

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

ElectroAcousticSilence - Flatime (Amirani/Grim, 2010)

Ieri sera mentre facevo zapping, mi trovo di fronte a questa formazione che ad Umbria Jazz esegue Imagine come pezzo…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

Iron Molar – DIYCD (Fucking Clinica, 2010)

Non è facile stare al passo con tutte le uscite del duo Iron Molar: fra album, split e nastri, se…

19 Sep 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top