Yonatan Gat – Universalists (Glitterbeat/Tak:Til, 2018)

Al suo secondo disco solista Yonatan Gat si distanzia sempre più dal garage rock che lo ha fatto conoscere con i Monotonix: se già dall’esordio Director aveva ibridato il suono da Jimi Hendrix del surf con musiche da tutto il mondo e approcci più “avanguardisti”, con Universalists il discorso si spinge ancora avanti. Tanto per essere chiari, la verve sonora non viene mai meno e questo si coglie già dall’attacco del disco nella esemplare Cue The Machines: dopo avere ascoltato un sample dei trallallero genovesi (registrati a suo tempo da Alan Lomax) messi in loop in modo molto arguto, gli si affianca il chitarrismo sempre molto personale di Gat, accompagnato da basso (Sergio Sayeg) e batteria (Gal Lazer) fulminanti. Il pezzo iniziale è indicativo del disco, tra elementi raccolti da musiche popolari in giro per il mondo, il suono molto tipico e caratterizzante del musicista e invenzioni sonore che amalgamano il tutto armonicamente senza sconfinare nel terribile effetto “real world” che aborro oppure arrivare a fare “il terzomondista moderno” e risultare stucchevole dopo pochissimo: mantenere il proprio stile e ibridare senza stravolgere o rovinare la fonte orginale è un gioco da maestro che riesce in tutto il disco. Universalists è un susseguirsi di spunti presi dal gamelan, piuttosto che da canzoni tradizionali spagnole, canti degli indiani d’America, ragazze italiane che cantano in un ampli per basso, musica brasiliana, un goccio di Dvořák e chissà cos’altro: c’è pure un bran registrato da Calvin Johnson al Dub Narcotic Studio prima della sua chiusura. Mi ero avvicinato a questo disco con molti pregiudizi ma erano infondati: intelligente, divertente e mai prevedibile, Universalists trova il modo di essere “globale” e non scontato attraverso le uniche armi vincenti possibili in situazioni così al limite, ovvero l’unione di gusto, fantasia e classe.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Las Kellies - Kellies (Fire, 2011)

GHERLS PAUAH! Un disco che sa di estate e che ascolto con un tempismo pazzesco ma del tutto casuale, visto…

28 Jul 2011 Reviews

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Nicola Di Croce – Istruttiva Serie (Kohlhaas, 2015)

“Un percorso non lineare che procede per tentativi” così la cartella stampa descrive Istruttiva Serie, una definizione azzeccata che lascia…

07 Nov 2016 Reviews

Read more

Sabo - 8 Saisons à L'Ombre (RuminanCe, 2007)

Potrebbe tranquillamente, questo disco, essere la colonna sonora di un affascinante viaggio nella penombra di un milieu fantastico, la…

22 Sep 2008 Reviews

Read more

Kill Your Boyfriend - S/T (Shyrec, 2013)

Un side project. L'unione di un Wora Wora Washington e Kitsune, una drum machine e via verso spazi siderali e…

16 Jul 2013 Reviews

Read more

Roseluxx - Grand Hotel Abisso (Goodfellas, 2021)

Raffinato indie rock cantautoriale  completamente incentrato sulla voce di Tiziana Lo Conte (vedi review dei Wedding Kollektiv). Arrangiamenti garbati e…

02 May 2022 Reviews

Read more

The Star Pillow – Invisible Summer (Midira, 2017)

Mi chiedo come Paolo Monti trovi il tempo per combinare le mille uscite discografiche (proprie e in compagnia, ultima Daimon…

05 May 2017 Reviews

Read more

Roberto Bertacchini – Cotraddizioni (Phonometak, 2011)

Roberto Bertacchini è purtroppo uno dei segreti meglio celati della musica di casa nostra. Se negli anni '70 un personaggio…

08 Feb 2012 Reviews

Read more

Ak'chamel - Transmissions From Boshqa (Artetetra, 2016)

Nel mare di etno-freak che sta sommergendo il pianeta da qualche anno a questa parte il misterioso texano Ak’chamel cerca…

16 Jan 2017 Reviews

Read more

Daniele Ciullini - Poisoning At Home (Luce Sia, 2020)

Nella migliore tradizione della urticante label svizzera ci avviciniamo al nuovo lavoro di Daniele Ciullini e immediatamente veniamo proiettati in…

01 Dec 2020 Reviews

Read more

Dona Ferentes & Rag Mother - S/T (Nighthawks Tapes, 2008)

Primo split per la Nighthawks Tapes in cui apre le danze (si fa per dire) Dona Ferentes & Rag Mother che…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

K11 + Raskol'Nikov + Rotorvator - 29/10/11 Superfluo (Padova)

Un nuovo luogo di ritrovo, nella Padova da quest'anno orfana dell'ottimo Unwound. In realtà Superfluo non è propriamente un locale,…

18 Nov 2011 Live

Read more

Vonneumann - Il De’ Metallo (Ebria, 2009)

Chiude i battenti, ahinoi, la Ebria Records e lo fa lasciando in eredità un disco che, ce ne fosse…

08 May 2009 Reviews

Read more

Gli Imperdibili - Vado A Vivere Da Solo (Autoprodotto, 2014)

"Scusa Diego ma a volte mi interrogo sui tuoi gusti". Forse ha ragione Andrea: ascolto musica di merda. Non mi…

07 Jul 2014 Reviews

Read more

Kongrosian - The Exit Door Leads In (Aut, 2012)

Non sempre quando si mettono assieme personaggi/musicisti importanti e con una lunga storia di collaborazioni la ciambella deve per obbligatorietà…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Dans Les Arbres - Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp…

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland…

10 Jan 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top