Tristan da Cunha – Praia (DreaminGorilla, 2018)

Il duo Francesco Vara e Luca Scotti torna sul luogo del delitto a un anno dal disco d’esordio, riproponendo la formula che ce li ha fatti apprezzare – post rock intessuto di influenze che vanno dal doom allo slowcore, suono scarno e crudo, pochi effetti e molto suonare – con le dovute variazioni utili a rendere interessante il nuovo capitolo. Se il precedente Soçobrar si caratterizzava per essere una cavalcata liberatoria per chitarra e batteria, Praia sembra attestarsi su toni più meditati, almeno inizialmente: Pescador procede lenta e rumorosa, toni scuri e un’epica quasi neurosisiana, pur senza urla belluine (le chiama in effetti, ma non arrivano), Anos è sempre lenta ma meno cupa, e verso la metà trova la quadratura affogando belle melodie in una coltre di rumore; poi, nella seconda metà, il suono si fa meno opprimente, con le aperture ariose di Cachalotes e l’onda sonica di Na Praia che riportano l’album in prossimità delle coordinate dell’esordio. Tristan Da Cunha è questo, musica senza contenuti, rimandi o immaginari di riferimento, se non quelli che l’ascolto può evocare a ciascuno: suonare per suonare. Lo so, detto così sembra qualcosa di estremamente negativo, ma dipende da come lo si interpreta. Lo si può intendere come pratica fine a sé stessa oppure come modo per cogliere il senso più puro del suono; quando si realizza il secondo caso siamo davanti a un profondo atto di fiducia nei confronti della musica, verso la sua capacità di trovare senso e comunicare su lunghezze d’onda non solo al di là del verbale, ma anche del razionale. Ci troviammo, è ovvio, nel campo della più assoluta soggettività, ma personalmente mi sembra sia questo che Trista Da Cunha cerca di fare. Riuscendoci.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

I/O - Polytone (Fratto9 Under The Sky/Ebria, 2007)

Puzza di piccolo gioiello questo disco nuovo degli I/O, ma detto fuori dai denti, non credo che ci volesse molto…

30 Mar 2007 Reviews

Read more

The Shadow Line - I Giorni Dell'Idrogeno (Modern Life, 2011)

Rock Italiano a tutto tondo per questo quartetto ormai consumato da una pluriennale esperienza sul campo. In questa edizione la…

14 Mar 2012 Reviews

Read more

Seaside Postcards - Hope And Faith (Autoprodotto, 2012)

E di nuovo la formula 'Meglio tardi che mai', dettata da impegni e rompimenti irrinunciabili vari, mi porta a parlare…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

Qonicho - Ah! (CD Kaczyński, 2022)

Sassofono, effetti e batteria, live nel 2020 a Seine-Saint-Denis, Festival Banlieues Bleues. Morgane Carnet e Blanche LaFuente. Qonicho è un'imbarcazione ad effetto…

31 May 2022 Live Reviews

Read more

Vulturum - Vivi Di Luce Riflessa/Voraussage 12" (Sangue Dischi/Trips Und…

Il tempo vola e sono già passati due anni dall'apprezzato Vineta. Dopo una serie ben congegnata di concerti, tornano i…

06 Feb 2011 Reviews

Read more

Giardini Di Mirò - 24/10/09 Unwound Club (Padova)

In una fredda serata di fine ottobre capito all'Unwound, locale ricavato da un ex magazzino alla periferia nord di Padova,…

14 Nov 2009 Live

Read more

Bachi Da Pietra – 16/02/13 Carmen Town (Brescia)

Sfido chiunque a dire di non essere rimasto sorpreso nel vedere uscire, dal bozzolo del baco da pietra, il cagnaccio…

01 Mar 2013 Live

Read more

Alice Kundalini & Luca Sigurtà - Love, Noise and Yoga

21:17 di un qualsiasi sabato sera. Ho appena chiuso un’operazione economica virtuale che in un paio di settimane porterà dal…

22 May 2022 Articles

Read more

Lust For Youth - Solar Flare (Avant!, 2011)

Dopo varie cassette e split il duo svedese composto da Amanda Eriksson e Hannes Norrvide pubblica questo CD sull'italiana Avant!…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Gerda - S/T (Wallace, Shove, Bloody Sound Fucktory, Fucking Clinica,…

Album senza nome (se non quello del gruppo, che già contrassegnava il CD d'esordio... almeno i Led Zeppelin si sforzavano…

18 Jul 2009 Reviews

Read more

Vs. Antelope – S/T (Arctic Rodeo, 2011)

Escono per la tedesca Artic Rodeo (recorz) i VSA, così come al gruppo piace chiamarsi. La label di Amburgo…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Tongs - Jazz With The Megaphone? (Long Song, 2009)

Disco che suona parecchio intrigante alle mie orecchie questo Jazz With The Megaphone?, frutto della collaborazione tra Luca Serrapiglio, Antonio…

02 Feb 2010 Reviews

Read more

Pink Mountaintops – 19/09/2104 Interzona (Verona)

Dopo una prima metà dell’anno in sordina, senza nomi di grande richiamo, l’Interzona riapre la stagione con piglio affatto diverso.…

24 Sep 2014 Live

Read more

Camion - A Serenade For Yokels (Autoprodotto, 2011)

Appena mi è capitato fra le mani il disco di questo terzetto romano non ho potuto non pensare che avessero…

27 May 2011 Reviews

Read more

MINIM – Construct (Kasuga Records, 2019)

Devo essere sincero, quando leggo che un disco è pubblicato in SD card metto mano alla pistola. Diciamo che, fuor…

09 Jul 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top