Parlor Walls – EXO (Northern Spy, 2018)

Con Opposite i Parlor Walls ci avevano raccontato di una band con qualcosa da dire all’interno di un contesto che spesso soffre di già sentito e di novità pre-imballate in rassegne stampa hype per la classifica di fine anno. Un’attitudine difficile da paragonare ad altro se non ad approcci di fondo, e in effetti i pezzi erano di non facile inquadratura contestuale pur trattandosi di canzoni. Nessuna rivoluzione in senso stretto, ma un’espressività di ampie vedute dedita a perseguire quell’indie-rock contemporaneo tenendo alta la bandiera dell’attitudine sonic youthiana con convinzione, spargendo nel concetto la decisiva farina del proprio sacco. Un’intelligenza eclettica non comune che sa utilizzare asprezza e inquietudine, senza rinunciare a intensi sbocchi melodici, e un apertura mentale avant che conosce l’obliquità per lavorare sulla forma canzone, rifinendo un interessante concetto di post punk progressista. Merito dei tre di saper stratificare molteplici ingredienti che, muovendosi sotto la forma, producono sostanzialità. Questo succede ancora più compiutamente nelle quattro tracce dell’ep EXO, rilasciato in cassetta dalla benemerita Northern Spy: Chris Mulligan fa pulsare synth futuristi e serra ritmi sempre efficaci dietro le pelli, Lisa Lamb affascina con il suo modo di rinchiudersi e schiudersi, tra mantra nervosi ad aperture trascinanti, e il nuovo entrato Jason Shelton, clarinettista, programmatore e multi strumentista, completa con la profondità dei fiati, loop e impasti drone di sottofondo.
Inizio con la gibsoniana Neuromancer, chitarre trasversali a graffiare melodie tese e droneggianti, una sorta di 8-Eyed Spy che accettano di essere armonici e meno scostanti; Love Complex, flusso dreamy attorno al quale scorticare corde e far fremere synth, tra aperture spaziali e stridori sinistri; Isolator, un canto nel sintetico deserto del contemporaneo, un substrato angosciante in cui disperdere litanie acide; infine Low Vulture, dove l’intensità vocale della Lamb è un grido d’aiuto che sa alternare crescita apprensiva e falsi rilasciamenti sugli incisi, pezzo fuori dai denti che chiude improvvisamente un gioco breve ma intenso, senza concedere nulla di più di quello che si è dato. E non è poco.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Filtro – Riflesso (Upside Down, 2017)

Filtro nasce dall’incontro fra Angelo Bignamini (Lucifer Big Band, The Great Saunites) e Luca De Biasi (Satantango, Vhd Vhd) e…

10 Jul 2017 Reviews

Read more

Plunkett - 14 Days (Autoprodotto, 2006)

Lascia perdere le tue “10 ragazze per me”. Piuttosto, 14 giorni ti posson bastare? Ne mancano proprio 14 alla fine…

16 Dec 2006 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - Saint Erme (Gikt, 2019)

Continua la collaborazione tra il chitarrista svedese Finn Loxbo e il batterista danese Anders Vestergaard, che già con il precedente…

23 Aug 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more

Trapcoustic - Rugiada (Tape, Union Editions 2022)

Registrare la prima parte di una trilogia dei fenomeni il giorno di natale, nel 2020, dà un tono al proprio…

06 Mar 2022 Reviews

Read more

Chevreuil - Fils Unique 7" (Collectif Effervescence, 2007)

Math rock strumentale, un duo chitarra e batteria, per di più registrato al solito in modo impeccabile in presa diretta…

23 Jan 2007 Reviews

Read more

Skull Defekts - Skull Defekts (Thrill Jockey, 2018)

Non saprei sinceramente rispondere alla domanda se questo sia o meno l’album più bello degli Skull Defekts e credo che…

07 Jun 2018 Reviews

Read more

VV. AA. - Éxotic Ésoterique Vol. 2…

Mi allineo totalmente ai Bloody Riot (e ai Colonna Infame Skinhead, Pinta Facile, Tear Me Down): odio i freakkettoni e…

26 Apr 2017 Reviews

Read more

Luca Formentini - Intra (Subcontinental, 2022)

È impossibile isolarci dal mondo che ci circonda. È però molto semplice immergerci, in un contesto, in una situazione, in…

01 May 2022 Reviews

Read more

This Will Destroy You - Tunnel Blanket (Monotreme, 2011)

"Post-rock will never die...but you will" giusto per menzionare il titolo dell'ultimo Mogwai ed anche per iniziare a mettere le…

31 Mar 2011 Reviews

Read more

Lite - Filmlets (Transduction, 2007)

I giapponesi hanno una cultura che non sono mai riuscito a capire bene: riescono a inglobare elementi dall'esterno in modo…

26 Jan 2007 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di…

08 Feb 2022 Reviews

Read more

St.Ride - Tutto Va Bene (Niente, 2011)

Con Tutto Va Bene a nome St.Ride si chiude il trittico di dischi Niente del 2011, sempre ad opera del…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

Jon Rune Strøm Quintet - Fragments (Clean Feed, 2018)

Molto particolare la scelta del norvegese Jon Rune Strøm, già attivo negli interessanti Friends And Neighbors e Universal Indians, nonché…

19 May 2018 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top