Trapcoustic – Rugiada (Tape, Union Editions 2022)

Registrare la prima parte di una trilogia dei fenomeni il giorno di natale, nel 2020, dà un tono al proprio lavoro.
Subito si va a pensare ad una sensazione dimessa, in minore.
Trapcoustic è Stefano di Trapani, artista inverecondo, trasversale ed intimo. Trapcoustic è infatti il luogo in cui si spoglia di tutto e si offre nudo al mondo. Ho avuto la fortuna di vederlo live un’unica a volta, nel 2014 a Roma, quando con pochi gesti riuscì veramente a trasformarsi su di un palco, caso più unico che raro di persona oltre il personaggio. Misurato, tenue, avvolgente nella musica, quanto sotto al palco non scavalcava le linee, le abbatteva a testate direttamente.
Quando ho visto di questa uscita, con il passaggio di Trapcoustic all’italiano, lo ammetto, ho avuto quel brivido sulla schiena, di eccitazione mista a paura.
Miracolo o minchiata?
Poche, pochissime cose, ed è un bene. Il tono di Trapcoustic rimane intimo senza diventare smielato ne inquietante, la voce ed i suoni danno l’impressione di collegarsi ad un’energia latente che ci attornia, ridestandosi solo quel tanto che ci permette di ondeggiare stancamente il capo, come una sorta di trance. La voce di Trapcoustic è eterea e sinuosa, il suono sembra riuscire a sposare acustico e digitale in una cerimonia di cartone e sputo. Fragilità, a chili, passione, a secchiate, il tutto magicamente calibrato. Non esagera mai Stefano, gestendo minutaglie che potrebbero essere facilmente connotabili come bozzetti ma che, ad un ascolto più attento, rispecchiano quanto raccontato dalla leggenda araba citata nella sinossi del nastro: “…le perle sono goccie di rugiada cadute in mare…”. 7 piccole perle, tra parole posate fra due persone in Cosa pretendi da me, dove il trasporto fra i ronzii si trasforma in un’onestà devastante. I brani si susseguone e non è semplice ne utile descrivere le immagini che vanno formandosi, suggestionate dalla musica e dai testi di Trapcoustic. Solo una cosa è certa, questo nastro è il primo passo sottopelle a Stefano, un togliere cute mettendo in evidenza pievi e vuoti, macchie e derma. Momenti non sempre piacevoli, germogli scarni ed indifesi che nei momenti migliori ci portano a contatto con il musicista, tentati quasi dal distogliere lo sguardo, intimiditi da tanta esposizione. Forse invece è solo una montatura, l’arte di uno scafato musicista che gioca con i nostri sensi dietro una maschera.
Non credo, versi come
“Eri li nel campo delle rose
Io timoroso mi cercavo dentro
Quell’ emozione nera da cambiare
In un nettare di mille api dorate”
Mi sembrano troppo puri per essere limati. Ma chi se ne imposrta? Lasciatemi godere, alticcio, nei giri di una chitarra sgangherata, di una drum machine e di una voce triste, non chiedo altro. Forse sì quello di qualche altro brano, che i sette qui inseriti finiscono veramente in fretta ma anche lì. Stop, rewind, play, ed è subito fatta, un’abbraccio dimesso e si riparte…

PS: Qui si aspettano le prossime due puntate della trilogia, poi un accorpamento su cd per il prossimo inverno, cosi ce lo ascolteremo in auto nelle mattine più buie dell’anno, tirando i santi per la lentezza del riscaldamento, con gli occhi sognanti, come i folli e gli innamorati.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Glorytellers + Guapo - 26/09/08 Interzona (Verona)

L'abbinamento era parso anomalo fin dall'inizio: i paladini della nuova ondata prog coi reduci della più fertile stagione dell'indie, l'elettricità…

27 Sep 2008 Live

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

Kyle - Space Animals (Overdrive, 2013)

Un divertente banjo apre le porte del mondo di Kyle, un progetto capitanato da Michele Alessi (militante nei Maisie e…

19 Mar 2014 Reviews

Read more

American Werewolf Academy - Everything Is Alright So Far (Damnably,…

Non proprio giovanissimo, questo power pop trio da Dallas, dalla produzione abbastanza discontinua negli anni, fatta di 7” e…

24 Nov 2011 Reviews

Read more

Black Eagle Child - Poland (Sturmundrugs, 2010)

Nuove uscite per la Sturmundrugs il cui nome può essere chiaramente ridotto a Sud, lo sottolineo perché mostra la facciata…

24 Jun 2010 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - 09/01/09 Morya (Cellatica - BS)

La neve, caduta abbondante in questo inizio d'anno sul basso Piemonte, ha causato l'annullamento della data dei Bachi Da Pietra…

27 Jan 2009 Live

Read more

Jennifer Gentle - Concentric (A Silent Place, 2010)

Ritorna uno dei gruppi italiani che è riuscito ad imporsi all'attenzione dell'etichetta che divenne famosa per il grunge, la Sub…

11 May 2010 Reviews

Read more

The Points - S/T (Mud Memory, 2008)

Roba da far sembrare gli Zeke progressive con l'ukulele e i Ramones troppo concettuali per essere punk-rock, The Points, trio/duo(?)…

23 Dec 2008 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

Snail Mail - Lush (Matador, 2018)

Quanti dischi indierock avete sentito in questi anni che avevano tutto al posto giusto ma non vi dicevano in realtà…

03 Jul 2018 Reviews

Read more

Hot Gossip + There Will Be Blood - 27/10/12 Twiggy…

Ricominciano per me i sabati sera live al Twiggy, musica indie nel senso letterale del termine nel club di culto…

16 Nov 2012 Live

Read more

Rainbow Lorikeet - Mind's Far Continents (Debacle, 2013)

Continua l'esperienza sull'americana Debacle per il biellese Nicolò Tescari, a circa un anno dall'esordio Fracture infatti arriva questo Mind's Far…

21 Mar 2014 Reviews

Read more

A volte ritornano, i Peggio Punx di nuovo tra noi!

Ritornano i peggiori ragazzi con la più incontenibile foma d'energia mai uscita dal piemonte. I Peggio Punx per l'appunto. Il…

03 Mar 2012 Interviews

Read more

Spasmi da una primavera incombente

I tempi si avviano a diventare disperati ancora più che difficili. Repressione e risentimento la fanno da padroni. Non è…

18 Feb 2011 Articles

Read more

My Speaking Shoes - Holy Stuff (Autoprodotto, 2012)

Ohhhhh. Bene. Con un paio di mesi di ritardo rispetto all'uscita, mi accingo a parlare del primo disco di una…

22 May 2012 Reviews

Read more

Black Moth - The Killing Jar (New Heavy Sounds, 2012)

Non partivo affatto prevenuto. Sebbene non ascolti molti gruppi con una donna alla voce, sono pronto a valutare con grande…

15 Jan 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top