since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

The Tall Ships – Paint Lines On Your Glasses Look Up At The Stars… (Minority, 2006)

Mi ha incuriosito il fatto che l'esordio dal titolo chilometrico di questo terzetto di S. Diego sia uscito per un'etichetta della Repubblica Ceca, la Minority Rec., la quale già può vantare un nome come Gastr Del Sol. Sembra però che i Tall Ships, a detta del cantante/ chitarrista Steve Kuhn, recentemente abbiano contattato una label concorrente che in futuro, anche per ragioni di vicinanza, sappia garantire un maggior supporto e una maggiore promozione al gruppo. Scopriremo presto quale (Touch and Go? magari!). Paint Lines… é un connubio di armonie (a volte lineari a altre meno) di chitarra (ottima), basso e batteria debitori tanto al math quanto al post rock. In certi casi spunta una tromba o un piano, ma senza tanti clamori, come Faith Of My Stars o la conclusiva Post Literature. La voce non disturba le progressioni (in certi casi non troppo fluide), ma le accompagna sia con un cantato vero e proprio che con timidi e indecisi sussurri (vedi l'iniziale Deconstructing Company). A dispetto del moniker, il gruppo vola molto basso: non ci sono esplosioni ma piccoli movimenti di superficie rendono  il lavoro molto contratto ma decisamente piacevole all'ascolto, quasi un incrocio  tra i Karate (sentire Repeat The Pattern) e i June Of 44 con divagazioni che pescano qua e là un pò dai Polvo e un pò dallo slow core dei Codeine e chi ne ha più ne metta: il tutto mantenendo una omogeneità nel mood molto apprezzabile. C'è chi ha parlato giustamente dei californiani Pinback (sarà per la medesima provenienza?), anche se trovo i Tall Ships decisamente meno inclini al pop. Niente di nuovo sotto il sole se già amate le band citate, però la summa che qui viene fuori offre un certo valore aggiunto alla proposta e contiene dei momenti  notevoli (la trattenuta Hand Sucking Thumb o il riuscitissimo giro di chitarra in For Your Bird…). Scarno come il packaging, Paint Lines… sa davvero farsi apprezzare per diverso tempo, senza per questo cambiarti la vita.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top