since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: grails

Dogs For Breakfast -The Sun Left These Places (Subsound, 2013)

Della serie chi non muore si rivede, dopo pochissimo tempo riemergono dall’oscurità i Dogs For Breakfast sempre padroni del caratteristico doom core paranoide e profondo. Chitarre marmoree e cadenzate inquadrano groove mastodontici e funesti che proprio per l’evocativa sciagura ricordano talvolta i migliori Tragedy (Vengeance). …

Read more

Loimann – Towards Higher Consciousness (One Voice, 2010)

A dispetto dell'artwork gotico e post-industriale, il combo torinese, ormai attivo da diversi anni, presenta una sorta di sludge/stoner che proprio nelle parti più overdrive e palustri spicca, se non per originalità, quantomeno per il coraggio di proporre qualcosa di più avventuroso del solito doom cotto e stracotto da oltre quarant'anni. Del resto, la scena metal, italiana e straniera, non é mai stata tanto produttiva ed in evoluzione quanto oggigiorno.

Read more

Om – God Is Good (Drag City, 2009)

Con un titolo che li proietta di prepotenza nel pantheon del rock cristiano a fianco di nomi come Stryper e xDisciplex A.D., gli Om tornano con una nuova formazione e noi li recensiamo, con colpevole ritardo, a pochi giorni dalla loro venuta in Italia. L'ingresso del nuovo batterista Emil Amos, in comproprietà coi Grails, accelera l'allontanamento, già evidente in Pilgrimage, dal doom'n'bass degli esordi verso una musica che guarda a luoghi remoti nello spazio e nel tempo. La frequentazione del copto David Tibet deve aver lasciato il segno. …

Read more

Grails – Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo ormai sette dischi possiamo definitivamente considerarli giunti alla maturità artistica: il suono si snocciola in sette tracce strumentali che attingono equamente dai Faust (impossibile non citare la collaborazione di Steven Wray Lbdell) quanto dal rock cosmico di Ash Ra Temple e Amon Dull II. Credo che "avant-metal" sia un'etichetta decisamente riduttiva per il quartetto, del quale ricordiamo la collaborazione ormai stabile di Emil Amos negli Om.

Read more
Back to top