since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: dead elephant

Lilium – Black Dear (Taxi Driver, 2013)

Prosegue con perseveranza il lavoro della Taxi Driver per portare alla giusta ribalta le identità genovesi dedite a sonorità estreme si, ma anche dotate di personalità e carattere. I Lilium non sono da meno: seppur ancora intrappolati in alcune superficiali ingenuità di genere sono sulla buona strada per concretizzare affreschi e scenari ben vicini ad alcuni gruppi Hydra Head e Deathwish. In ambito italiano siamo tra le coordinate di Lento, Stalker e parzialmente Dead Elephant. …

Read more

Eremite – Dragonarius (Taxi Driver, 2013)

Esordio genovese con tutte le caratteristiche per accattivarsi gli amanti di ogni declinazione di (post) metal moderno. Le elucubrazioni di Fabio Cuomo/Eremite si addentrano tanto nel black sferzato dalle intemperie quanto nelle cadenze crushing di scuola svedese. Il tutto amalgamato con una teatralità doom che male non fa alla buona confezione e alla vendibilità del prodotto. Parliamo quindi di due lunghe suite dalle strutture complesse ed articolate: viatici simili a flussi di coscienza da dormiveglia. …

Read more

Dead Elephant, da Pasolini al grande mietitore

Nuova uscita, ancor nel 2011, per gli italianissimi Dead Elephant che con questo Thanatology confermano appieno di aver raggiunto la maturità espressiva e una scioltezza compositiva all’interno di trame intricate ed ammalianti. Quattro chiacchiere con Enrico per vederci più chiaro sul buio oltre la siepe. …

Read more

Toilet Door n.3 – Difensori Della Fede

Finalmente i nostri prodi affrontano Cthulhu a singolar tenzone e non si fanno sconti quando si guarda in faccia il proprio mostruoso passato: numeri, colori e inni da combattimento tornano a galla come per malevolo sortilegio. E, come nella peggior tradizione italica, son tutti coinvolti: familiari, amici e conoscenti stretti. Bulldozer, Extrema, Jester Beast, Vanadium, M******* ****e: ci vuole del coraggio, oggi come oggi, a nominarli senza vergogna, anzi, sventolando con orgoglio le proprie armature arrugginite. Noi lo abbiamo fatto. Mai morti. Horns up to the Toilet Door! …

Read more
Back to top