Stefano Isidoro Bianchi – Prewar Folk, “The Old Weird America”:1900-1940 (Tuttle Edizioni, 2008)

Uscito da un po' di tempo, ma solo da qualche mese distribuito nelle librerie, il libro di Stefano Isidoro Bianchi raccoglie una serie di articoli già apparsi su Blow Up, ordinandoli e integrandoli con ulteriori dati e notizie. Il grosso dell'opera è costituito da una serie di biografie di noti e meno noti personaggi della storia della musica popolare americana, dal tramonto dell'Ottocento allo scoppio della Seconda guerra mondiale, fra aneddoti significativi e discografie consigliate. Tutta musica che, da una quindicina d'anni a questa parte, è servita da stimolo a diversi gruppi più o meno rock, si pensi ai Cul De Sac che flirtano con John Fahey o, da queste parti, ad alcuni dei progetti di Xabier Iriondo.

È la parte iniziale del libro, dove si affronta il rapporto di questi suoni con la società e l'industria dello spettacolo dell'epoca, a risultare la più interessante. Con piglio salutarmente revisionista e dati alla mano (sarebbe stato utile, talvolta, un apparato di note), Bianchi analizza le influenze che l'industria ha avuto su musica e musicisti: dalla cristallizzazione della durata delle canzoni, per adattarla ai supporto fonografici, alla creazioni di generi adatti alle varie categorie di pubblico. Nel corso del testo si fa così piazza pulita di tanta mitologia che circonda questi suoni, in primis quella del buon negro che, col blues, prosegue la genuina cultura africana, ma non mancano ridimensionamenti della figura di Robert Johnson o la messa alla berlina dell'opportunismo antifascista di Peter Seeger e Woodie Ghutrie.
Quello che ne esce, alla fine, è un'immagine di queste musiche, blues in primis, lontano dal santino della purezza innalzato dalla vulgata, valorizzandone invece la natura ibrida e bastarda, genuinamente di classe e non di razza. Per intendersi, era musica praticata tanto da reietti neri quanto da quelli bianchi (di molti dischi di blues delle origini ignoriamo il colore dell'autore), una prospettiva che i testi sull'argomento disponibili in Italia, dall'Amiri Baraka de Il popolo del blues agli snobissimi liberal francesi Philippe Carles e Jean-Louis Comolli di Free Jazz Black Power, si guardano bene dall'affrontare.
Nulla di rivoluzionario alla fine, sono cose che in diversi libri che trattano di blues e jazz in maniera approfondita già si trovavano, ma l'aver inserito tutti i dati in un unico schema e l'aver spinto l'analisi fino alle estreme conseguenze, non è merito da poco.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

The Letter Yellow - Walking Down The Streets (Autoprodotto, 2013)

E' una bella cover dove campeggiano cerchi concentrici colorati come lo spettro della luce ad introdurmi nel mondo dei Letter…

30 Oct 2013 Reviews

Read more

Psycho Kinder – Epigrafe (Fonetica Meccanica, 2020)

Da sempre aperto all’incontro fra parola e musica, con la prima alla continua ricerca di suoni che la veicolino, Psycho…

24 Jan 2021 Reviews

Read more

Sdang! - Il Giorno Delle Altalene (Autoprodotto, 2015)

Seppur nascendo come side project della band dei fratelli Giuradei, gli Sdang! (Alessandro Pedretti e Nicola Panteghini) superano di gran…

19 Feb 2016 Reviews

Read more

Boslide – Questa È Una Moda Di Pazzi (Death First!,…

Ecco, io vi avevo avvertiti ma voi non mi avete dato ascolto; li avete sottovalutati e ora i Boslide sono…

05 Mar 2018 Reviews

Read more

Francesco Meirino - Beyond Repair (Sincope, 2014)

Lo spagnolo Francesco Meirino, di stanza a Losanna, ha danni abbandonato il suo vecchio moincker Phroq per portare avanti a…

07 May 2015 Reviews

Read more

Keiki - Popcorn From The Grave (Cheap Satanism, 2012)

Sedicente duo satanico con sede a Bruxelles, formato da un mezzo italiano alla chitarra e una mezza inglese alla voce.…

28 Nov 2012 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti - Buone Notizie (Bosco, 2011)

Gradito ritorno di Paolo Spaccamonti dopo un gradevole esordio che aveva lasciato ottime impressioni. La semplicità si conferma una delle…

04 May 2011 Reviews

Read more

Palkosceniko Al Neon – Lungo La Strada (Autoprodotto, 2009)

Romani di Guidonia e con troppe, inutili "k" nel nome, i Palkosceniko Al Neon arrivano con Lungo La Strada alla…

20 Oct 2009 Reviews

Read more

Francesco Giannico - Luminance (Somehow, 2013)

Il titolo di Luminance è accompagnato dalla frase di Leonard Cohen "There is a crack, a crack in everything. That's…

11 Jul 2013 Reviews

Read more

Horchata Vs. Sil Muir - S/T (Taâlem, 2008)

Con colpevole ritardo recensisco questo cd 3", che da tanto tempo staziona tra le pile di dischi in "heavy rotation",…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

Lucertulas – The Brawl (Robotradio/MacinaDischi, 2010)

E venne il giorno della Lucertola. Dal precedente Tragol Del Rova ci dividono due anni e mezzo e decine di…

30 May 2010 Reviews

Read more

Fragil Vida - ...E Così Noi (Live Recording, 2006)

Bisognerebbe girare un film per metterci come colonna sonora questo album. Quel contrabbasso in E così noi è fatto per…

20 Oct 2006 Reviews

Read more

L'Océan - Primio (GP2, 2016)

L' Ocèan non è esattamente una band nel senso convenzionale del termine quanto un gruppo di improvvisazione nato nel 2006…

30 Jan 2017 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Peter Piek - Cut Out The Dying Stuff (Solaris Empire/…

Che personaggio interessante Peter Piek: dipinge fin da bambino - e ne ha fatto un lavoro -, suona da quando…

23 Jun 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top