Sergio Messina & the Four Twenties – Sensual Musicology (Hell Yeah, 2022)

Conobbi Sergio Messina grazie a due dischi, La vendetta del Mulino Bianco Inaudito, acquistati ad un live dei 99 Posse al Villaggio Globale di Roma, penso fosse il 1997. Fu una serata storta, tant’è che la conclusi sull’usci di un’abitazione della quale non riuscii ad aprire la porta rientrando. Una debacle che però mi portò un tarlo nell’orecchio ed un sacco di pezzi fantastici come Ansaloni, La Vendetta del Mulino Bianco, Il culto del Cargo, Sono Stufa di Tutto…
Pensavo di essere stato attento ed invece, me tapino, correndo sul Bandcamp di Sergio Messina mi accorgo di essermi perso, dopo i dischetti Music Fot Uplifting Gormandizers e The Alto Nido Sessions, altre due uscite. Il singolo Fly Away, cover di una bomba segreta balearic che è impossibile descrivere in altra maniera che musica fattasi crema e d una raccolta di suoni utilizzati per trasmissioni radio, installazioni e colonne sonore.
Ma orsù, siamo a Sensual Musicology. Da titolo mi sento orientato più verso Nathaniel Merryweather presents…LOVAGEMusic to make love to your old lady che su Sexual Healing di Marvin Gaye ma comunque…
Il Sergio Messina che in questi ultimi anni si sta dando come musicista ha soprattutto due cose dalla sua.
La chitarra e pacchi di stile.
Mettici poi il buon gusto, un fascino blasé, degli arrangiamenti sinuosi ed eleganti, una scelta coesa fra brani autografi e cover (apre Charles Mingus, poi Mimmo Modugno, ma in amara terra mia ci sono anche Muddy Waters e Roberto Murolo, Michael Jackson, Manu Dibango, Ravel e Joe Zawinul) che rimarcano buon gusto e finezza, ma, soprattutto, una cognizione di lucidità ben oltre la media.
Attenzione, non intendo una lucidità mentale, che costruire un album del genere, un Frankenstein bell’e buono, non rimarca certo una linea definita e considerata, bensì la capacità di oliare ed incerare le musiche piegandole al proprio volere. Sergio prende i brani, autografi o cover che siano, li stende al sole, ci passeggia con la chitarra e, quasi fosse Pat Morita, cola su di loro una cerata di eleganza e savoir faire. Ogni brano ha la capacità di farci ondeggiare fra l’essere un guilty pleasure per le nostre stolte ori ed una chicca ripescata da un digger di quelli seri.
Ma poi, facendo un passo indietro, ci rendiamo conto che sono semplicemente dei brani incredibili, che il convivere fra i pezzi autografi e le riprese ci fa capire che razza di musicista sia Sergio e che superclassico possa diventare questo disco. Mentre sto scrivendo sento una sirena che mi richiede la sua attenzione. Decido di ascoltarla, è Joe Zawinul, dannato austriaco, la sua In a silent way è la prima di due bonus tracks. Fa letteralmente cercare risposta direzione del suono, non perde un filo di pathos per quella che è letteralmente LA LUCE. Maurizio Martinucci (TeZ, attualmente coi Clock DVA), è qui della partita. Poi abbassiamo il ritmo, è il momento di Kroom Boom Waltz, il finale yiddish che nessuno aspettava e ci lascia così, a testa pesante, chiedendoci che cosa diamine sia successo negli ultimi minuti.
Non ne sono certo, quel che penso è che questo disco, ornato dalla copertina guantata e fetish di Speaker Deemo, è l’unica colonna sonora che vorrei per questa pausa dalla vita.

Torno subito, un altro giro, Lato A e Lato B…

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Simon Balestrazzi - Asymmetrical Warefare (Azoth, 2015)

Ultimamente più in forma che mai, Simon Balestrazzi decide anche di creare una propria etichetta per diffondere i suoi lavori…

10 Feb 2016 Reviews

Read more

Vakki Plakkula - Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Teatro Satanico – XX (Nedac, 2013)

Vent'anni che ci inquietano, i Teatro Satanico: il tempo vola, quando ci si diverte. Quattro lustri intensi, che vengono doverosamente…

23 Jul 2013 Reviews

Read more

Exoterm - Exits Into A Corridor (Hubro, 2019)

Exoterm è il nuovo progetto del bassista norvegese Rune Nergaard, musicista di casa dalle parti della Hubro per la quale…

24 Jul 2019 Reviews

Read more

Bernays Propaganda - Happiness Machines (Moonlee, 2009)

La serietà, la caparbietà e la tenacia della Moonlee va riconosciuta. Amerei davvero conoscere quei ragazzi che, con tanta…

17 May 2009 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

K’An – Babel (Time Released Sound, 2016)

Qualche battito asettico come un contatore geiger, la presenza della chitarra (qui usata in modo piuttosto diverso) e una forma musicale…

15 Feb 2017 Reviews

Read more

Iron Molar/Peacemaker - Split CD (Fucking Clinica, 2008)

Il nuovo parto della Fucking Clinica è gemellare, siamese e internazionale. Ad accompagnare il secondo passo degli Iron Molar nell'inferno…

23 Feb 2009 Reviews

Read more

Small Thing - S/T (Flamingo, 2019)

"La cosetta" è un gagliardo punk stop and go di chiara matrice NOFX (nel senso buono) interpretato da un giovane…

08 Feb 2021 Reviews

Read more

Gli Altri - Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda…

26 Apr 2013 Reviews

Read more

Lorenzo Senni + Von Tesla – 12/01/2014 Chiesa Di…

Esordisce questa sera l’associazione veronese Morse, recentemente costituitasi e che si dedicherà, come appare evidente dal programma finora annunciato, alle…

24 Jan 2014 Live

Read more

Simon Balestrazzi - Ultrasonic Bathing Apparatus (Sincope, 2015)

Un rollio di basse frequenze capace di spaccarvi i woofers apre Ultrasonic Bathing Apparatus di Simon Balestrazzi, uno dei musicisti…

11 Jan 2016 Reviews

Read more

La Morte – S/T (Corpoc/Anemic Dracula, 2012)

Dietro La Morte si celano Giovanni Succi dei Bachi Da Pietra (voce recitante) e Riccardo Gamondi degli Uochi Toki (elettronica…

05 Nov 2012 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti - Sun and Violence (Boring Machines, 2015)

Se con Death Surf c'era chiaro riferimento allo spaghetti western, qui, per mole e durata, già si parla di kolossal,…

30 Mar 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top