Deison – Magnetic Debris vol.1 & 2 (Dissipatio, 2022)

Il passato che ritorno non è, in genere, una buona cosa: fantasmi, storie che credevamo dimenticate o, quando va bene, minestre riscaldate; ma se si mettono al bando i preconcetti, lo si legge criticamente, gli si trova un senso nel presente che esuli dalla nostalgia, allora può diventare qualcosa di produttivo. È proprio quello che riesce a Deison in questo doppio Magnetic Debris: immagino sia un po’ come capita ai chitarristi che estraggono dal cassetto un vecchio riff che, con poche modifiche, si rivela perfetto per un pezzo nuovo. Questi sono suoni che hanno attraversato il tempo e lo spazio provenendo da luoghi e periodi diversi, qualcuno più, qualcuno meno strutturato, e che qui trovano forma compiuta e coesa in un lavoro che elude l’effetto compilation, andando a costituire un’opera di revisione coerente ed organica ma non omogeneizzante. L’unità di spazio e tempo che costruisce Deison in questi due volumi trasforma infatti le tracce senza snaturare le caratteristiche di partenza: se il tono è sempre scuro e i suoni materici e quasi tangibili,  possiamo comunque distinguere il carattere isolazionista di Reverso, fra stridori industriali e coltri di synth che sfiorano l’elegia, o il delicato rumore di Dust Particles  o ancora le pulsazioni superbasse di Sounds on Interior of Wreckage, che sul finale trasportano suoni metallici quasi free. Ed è un viaggio nel viaggio scoprire l’origine dei disparati suoni che stiamo ascoltando: nastri totalmente dimenticati o a malapena datati, loop pianistici abbandonati per 25 anni, registrazioni in misteriosi bunker da qualche parte in Nord Italia  o interferenze magnetiche di cui conosciamo luogo, data e ora della registrazione. Si fanno così ancor più apprezzare i gemelli diversi Nothing Is Real e Magneto Pausa, concreto ed espanso nel vuoto il primo, più soffuso e stratificato il secondo, e le differenze fra Terra Firma, contenuta nel 10” Substrata, e Hidden Light, che ne è la versione editata, ma in generale ogni pezzo porta con sé suggestioni che vanno oltre il semplice fatto musicale, per i motivi che si dicevano in apertura. Magnetic Debris vol.1 & 2 è dunque un album che si fa godere per ragioni squisitamente musicali, ma che potenzia il proprio effetto se ci si immerge nel concept, nient’affatto banale, attraverso la lettura delle note di copertina.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Delay House - 3 (Stop, 2012)

I Delay House da Rimini propongono col terzo disco la loro interpretazione di suoni in salsa wave tenebrosa con …

05 Oct 2012 Reviews

Read more

Bulldozer - Unexpected Fate (Scarlet, 2009)

Era una vita che aspettavo il ritorno di Ac Wild ed Andy Panigada (Dove è finito Rob K Cabrini?!).…

13 Jul 2009 Reviews

Read more

Love In Elevator - Re Pulsion (Jestrai, 2008)

Sempre ragazze terribili. Ne rimasi favorevolmente impressionato quando aprirono l'ultima calata italica degli Shellac ed evidentemente il palcoscenico è…

01 May 2008 Reviews

Read more

Merzbow/Gustafsson/Pandi – Cuts (Rare Noise, 2012)

Masami Akita, nell'ambito del noise massimalista di cui è maestro, ha probabilmente e da tempo già detto tutto e per…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Papier Tigre - Recreation (Africantape/Murailles Music, 2012)

Un amico entra in casa mentre ascolto Recreation ed esclama:"Ah. Sei nel periodo Shellac?". Ok. Magari non è proprio l'amico,…

03 Apr 2012 Reviews

Read more

Shonen Knife - Overdrive (Damnably, 2014)

Venti album in trentatrè anni: c'è poco da aggiungere al trio femminile, felicemente ribattezzato Osaka Ramones. Un ennesimo elementare inno…

10 Jun 2014 Reviews

Read more

Crisco 3 - You Can Never Please Anybody (Aut, 2011)

Continua imperterrito il cammino della Aut che ha ormai assunto definitivamente la fisionomia di un'etichetta dedita a quel jazz "off"…

27 Jul 2011 Reviews

Read more

Mark Putterford - Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle…

19 Nov 2006 Reviews

Read more

Fabio Orsi - Endless Autumn (Backwards, 2013)

Così come la prima uscita in vinile di Backwards era di Fabio Orsi (il bel Von Zeit Zu Zeit), anche…

06 Dec 2013 Reviews

Read more

Merzbow + Sshe Retina Stimulants + Der Weze - 12/04/12…

Sono davvero pochi i nomi della scena industriale che non abbiano calcato i palchi nostrani negli ultimi tempi (ultimo annunciato…

20 Apr 2012 Live

Read more

The Mainliners - Dead Man's Hall/Daughter Of Dimes 7" (Crusher,…

Una seratina che è lì-lì per iniziare, buio fuori, gli anfibi che per qualche motivo restano addosso, la cintura borchiata…

18 Jan 2007 Reviews

Read more

Blistrap - On Stage (Setola Di Maiale, 2009)

Avevamo già recensito i Blistrap qualche tempo fa, si tratta di un gruppo di nomi parecchio interessanti che comprende Stefano…

30 Jan 2011 Reviews

Read more

Aspec(t) - Waspnest (Fratto9 Under The Sky/Viande/Toxo, 2010)

Menzionavo Weltraum e A Spirale proprio di recente a proposito delle glorie minori che meritano di essere ricordate, tenute d'occhio,…

29 Jan 2011 Reviews

Read more

Tindersticks - Across Six Leap Years (City Slang, 2013)

Sono da sempre un grande fan della band di Nottingham, capace, a mio avviso, di regalare dischi di assoluto prestigio…

06 Feb 2014 Reviews

Read more

Makhno – The Third Season (Neon Paralleli/Wallace/Brigadisco/HYSM? e altri, 2015)

Dove eravamo rimasti? A Federico Ciappini che, su una base di chitarre distortissime, chiedeva due pistole, per “morire come il…

30 Jun 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top