Sneers – Tales For Violent Days (LP God Unknown, 2022)

Quinto disco in 9 anni per Maria Greta e Leo, ovvero gli Sneers.
Una continuità che non dà adito a cedimenti, costruendo al contrario una solidità senza remore ne compromessi.
Power duo, accompagnato in queste registrazioni da tre figure (quanto mai poche ma buone): Freddie Murphy alla produzione, Francesco Donadello al mixaggio, e Paul Beauchamp come ingegnere del suono. Quando si dice accompagnarsi alla gente giusta…
Ne hanno ben donde gli Sneers, visto che l’inizio è da paura, la title track è sia gracidante come una libellula e carica come una fonderia, leggiadra e pesante ci fa entrare nei giorni violenti con il passo giusto.
Poi brividi, Ode To The Past è una delle canzoni che entrate sotto pelle non se ne vanno più. Tamburi malmenati con calma e violenza, maracas assassine, Maria Greta al suo peggio, bambina inquietante e tremebonda, un carillon assassino. Ascoltatela ad alto volume ed a luci spente se ci riuscite…amore, morte, giocattoli e lamiere. Aggiungiamoci un video (a cura del filmaker Leon) che definire ipnotico, elegante e perverso è poco e siamo in rampa di lancio. Ma andiamo, iniziano i cori ( o i vagiti) di Black Earth Shining, con una voce che è contratta dalle viscere del buio ma riesce a barcamenarsi tra maree e e rintocchi, stringendo a se il suo amato, in quella che sembra una copula fatale da tragica mantide. A questo punto forse ci andrebbero due riferimenti stilistici, qualche parallelo con altre band. Che dire?
Sneers sono un uomo ed una donna, battono, stridono e colpiscono, fanno musica come se il profondo west fosse popolato da lebbrosi in bianco e nero sfocato, resistendo in uno spazio aperto alle tumefazioni che il mondo intorno piega sulle loro teste.
Degli Aufgehoben western, un David Thomas magro, Josef Van Wissen col tamburo.
Lies For Young Men gira come trattenuta da dei cazzo di elastici, fuori sincrono e con una puntina rovinata, forse ha veramente vinto la violenza. La colpa, la luce, la madre, sembra la bibbia madonna mia, con una bottiglia di Raki e questo disco a tutto volume me la leggerei di corsa, impazzendo soltanto all’alba dell’apocalisse.
As Old As The Gulf War sono refoli di sabbia sonora che si trasformano in tempesta, una desert session che gira male sin da subito  bar ritrovandosi barricati sempre dalla parte sbagliata, non c’è nulla da sogghignare qui.
Poi il ritmo, minimale e ridotto all’osso, come se riuscendo a levare tutto il superfluo si ripartisse sempre dai suoni più semplici ed ipnotici. Si vola sulla chitarra di Maria Greta, Leo a suonare nelle caverne ed un rantolo vocale che si rattrappisce “..You and I / in a toilet / getting high / you and i / taming wilderness / from inside”.
A Fate Worse Than Death. Quando il tuo destino è più brutto della morte la stuazione sta andando definitivamente oltre. Ci si sente quasi più leggeri ed in effetti sembra che i suoni si facciano più lievi e forse il chiacchiericcio di fondo non è quello della disperazione e della pazzia, forse è solo un sogno (i morti non sognano) ed un domani ci risveglieremo (i morti non si risvegliano, solo gli zombi lo fanno).
Va tutto bene, siamo alla fine.
One Day ci consegna la fine di questo lavoro, ed io sinceramente non vorrei caricare di troppe parole un seme cosi cattivo.
Come se Tobe Hopper provasse ad ingravidare Pascal Laugier a calci e sputi.
Lanciate questo disco nello spazio, lo troveranno a civiltà umana conclusa dicendo “Giusto così”.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luca Sigurtà - Bliss (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Luca Sigurtà pubblica per la Fratto9 di Gianmaria Aprile il disco solista Bliss, che va ad aggiungersi ad una folta…

24 May 2012 Reviews

Read more

Midnight Faces - Fornication (Autoprodotto, 2013)

Dicono di loro di sentirsi come Tom Petty che incontra i Cure. Mi fanno sempre sorridere questi tipi di affermazioni:…

25 Oct 2013 Reviews

Read more

My Dear Killer/Rella The Woodcutter – Split 7" (Boring Machines,…

Altro bel dischetto che si confà a questa stagione fredda e nebbiosa (benché, ufficialmente, sia uscito addirittura a Ferragosto). A…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Kleinkief - Fukushima (Shyrec/Dischi Soviet Studio, 2016)

Delicato art rock italiano dalle pretese e dalla presunzione fuori dal tempo. Sonorità pompose e gonfiate dalle ispirazioni anni novanta…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

AA.VV. – Metallo Liquido, L’Heavy Metal Come Forgia (L’Arca E…

Sarà un segno dei tempi che stiamo attraversando, ma sempre più spesso mi trovo  a pronunciare il termine “metal”, un…

11 Dec 2015 Reviews

Read more

Celtic Frost - Monotheist (Century Media/Prowling Death, 2006)

Quante volte Thomas G. Warrior ci avrà rimuginato sopra negli ultimi dieci anni? Me lo sono spesso domandato. Molte volte…

29 Jul 2006 Reviews

Read more

Sin Ropas – Holy Broken (Madcap, 2010)

I Sin Ropas sono forse il progetto minore ma che con maggiore continuità e linearità d'intenti prosegue l'eredità lasciataci dai…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

Chad VanGaalen – Soft Airplane, B-Sides (SubPop, 2009)

Non lo sentivo nominare dal carino, ma presto archiviato Skelliconnection nel lontano 2006: Chad VanGaalen, musicista canadese di Calgary, Alberta.…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Maninkari - Le Diable Avec Ses Chevaux (Conspiracy, 2008)

Nella mia personale campagna per la promozione degli sfigati (…sarà che m’identifico, che vuoi farci) questa recensione riveste un interesse…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Maria Jikuuuuuuuuu – Level 7 (Spettro, 2012)

Dietro al nome d'arte di Maria Jikuuuuuuuuu si nasconde, chi l'avrebbe mai detto, Maria Jiku, ma il numero della vocale…

30 Oct 2012 Reviews

Read more

June - Happy Boys Cry Loud (Here I Stay, 2007)

La Here I Stay è l'etichetta sarda che qualche tempo fa aveva fatto uscire i Plasma Expander in collaborazione con…

04 Aug 2007 Reviews

Read more

Il Cotone di Fukushima – Scie (Autoprodotto, 2013)

Dalla fertile Sardegna, fertile almeno dal punto della musica meno convenzionale, ci arriva l'esordio autoprodotto de Il Cotone Di Fukushima.…

27 Nov 2013 Reviews

Read more

Tongs: le pinze e il megafono

L'ascolto di Jazz With The Megaphone, esordio discografico dei Tongs, è stato, per quanto mi riguarda, una delle migliori sorprese…

04 Apr 2010 Interviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

Crevecoeur - #1 (Drella, 2007)

Mi piace pensare che i francesi siano tutti degli stereotipati figli di Jacques Tati, prima ancora che nostri compagni europei.…

01 Apr 2007 Reviews

Read more

Built To Spill - You In Reverse (Warner Bros, 2006)

Premesso che qualsiasi uscita sotto questo nome andrebbe acquistata a scatola chiusa (compreso il tanto criticato Ancient Melodies Of The…

29 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top