Sergio Messina & the Four Twenties – Sensual Musicology (Hell Yeah, 2022)

Conobbi Sergio Messina grazie a due dischi, La vendetta del Mulino Bianco Inaudito, acquistati ad un live dei 99 Posse al Villaggio Globale di Roma, penso fosse il 1997. Fu una serata storta, tant’è che la conclusi sull’usci di un’abitazione della quale non riuscii ad aprire la porta rientrando. Una debacle che però mi portò un tarlo nell’orecchio ed un sacco di pezzi fantastici come Ansaloni, La Vendetta del Mulino Bianco, Il culto del Cargo, Sono Stufa di Tutto…
Pensavo di essere stato attento ed invece, me tapino, correndo sul Bandcamp di Sergio Messina mi accorgo di essermi perso, dopo i dischetti Music Fot Uplifting Gormandizers e The Alto Nido Sessions, altre due uscite. Il singolo Fly Away, cover di una bomba segreta balearic che è impossibile descrivere in altra maniera che musica fattasi crema e d una raccolta di suoni utilizzati per trasmissioni radio, installazioni e colonne sonore.
Ma orsù, siamo a Sensual Musicology. Da titolo mi sento orientato più verso Nathaniel Merryweather presents…LOVAGEMusic to make love to your old lady che su Sexual Healing di Marvin Gaye ma comunque…
Il Sergio Messina che in questi ultimi anni si sta dando come musicista ha soprattutto due cose dalla sua.
La chitarra e pacchi di stile.
Mettici poi il buon gusto, un fascino blasé, degli arrangiamenti sinuosi ed eleganti, una scelta coesa fra brani autografi e cover (apre Charles Mingus, poi Mimmo Modugno, ma in amara terra mia ci sono anche Muddy Waters e Roberto Murolo, Michael Jackson, Manu Dibango, Ravel e Joe Zawinul) che rimarcano buon gusto e finezza, ma, soprattutto, una cognizione di lucidità ben oltre la media.
Attenzione, non intendo una lucidità mentale, che costruire un album del genere, un Frankenstein bell’e buono, non rimarca certo una linea definita e considerata, bensì la capacità di oliare ed incerare le musiche piegandole al proprio volere. Sergio prende i brani, autografi o cover che siano, li stende al sole, ci passeggia con la chitarra e, quasi fosse Pat Morita, cola su di loro una cerata di eleganza e savoir faire. Ogni brano ha la capacità di farci ondeggiare fra l’essere un guilty pleasure per le nostre stolte ori ed una chicca ripescata da un digger di quelli seri.
Ma poi, facendo un passo indietro, ci rendiamo conto che sono semplicemente dei brani incredibili, che il convivere fra i pezzi autografi e le riprese ci fa capire che razza di musicista sia Sergio e che superclassico possa diventare questo disco. Mentre sto scrivendo sento una sirena che mi richiede la sua attenzione. Decido di ascoltarla, è Joe Zawinul, dannato austriaco, la sua In a silent way è la prima di due bonus tracks. Fa letteralmente cercare risposta direzione del suono, non perde un filo di pathos per quella che è letteralmente LA LUCE. Maurizio Martinucci (TeZ, attualmente coi Clock DVA), è qui della partita. Poi abbassiamo il ritmo, è il momento di Kroom Boom Waltz, il finale yiddish che nessuno aspettava e ci lascia così, a testa pesante, chiedendoci che cosa diamine sia successo negli ultimi minuti.
Non ne sono certo, quel che penso è che questo disco, ornato dalla copertina guantata e fetish di Speaker Deemo, è l’unica colonna sonora che vorrei per questa pausa dalla vita.

Torno subito, un altro giro, Lato A e Lato B…

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mattin – Songbook #7 (Munster, 2018)

Arriva all’episodio numero sette la serie dei Songbook di Mattin con un disco pienamente punk nel senso concettuale del termine,…

09 Apr 2019 Reviews

Read more

AA.VV. - Clouds From The Earth (neuroprison.blogspot.com, 2009)

Promossa da dal forum italiano dei Neurosis, Clouds From The Earth è un esaustivo documento sullo stato dell'arte della scena…

09 Sep 2009 Reviews

Read more

At The Gates - At War With Reality (Century Media,…

Non faccia storcere il naso il ritorno degli svedesi At The Gates, perché trai solchi del nuovissimo At War With…

19 Nov 2014 Reviews

Read more

Paolo L. Bandera - Registrazioni Di Campi Tellurici E…

Ritorna il decano se non addirittura lo storico ed ideologo per antonomasia dell'area grigia italiana, con un proprio prodotto programmmatico…

13 Nov 2020 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or - Sex And Dead Cities (Boring…

In questi ultimi anni nessuno ha saputo raccontare la Sardegna, il suo spirito, la sua storia e il suo presente,…

27 Dec 2019 Reviews

Read more

Tying Tiffany – Peoples Temple (Trisol, 2010)

Se esistono l'heavy metal e l'hard rock, perché non possono esserci anche l'heavy o l'hard plastic? Ecco, hard plastic mi…

15 May 2010 Reviews

Read more

Maninkari - Le Diable Avec Ses Chevaux (Conspiracy, 2008)

Nella mia personale campagna per la promozione degli sfigati (…sarà che m’identifico, che vuoi farci) questa recensione riveste un interesse…

10 Feb 2009 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Jesse Krakow - World Without Nachos (Eh?, 2008)

Non so se vi ricordate della Eh?, ad ogni modo si tratta di una costola di quella che un volta…

10 Sep 2009 Reviews

Read more

Orla Wren - Soil Steps (Oak, 2014)

Orla Wren è il progetto dello scozzese Tui, che per lunghi periodi vive in un furgone andando in giro per…

12 Jun 2014 Reviews

Read more

Nole Plastique - Escaperhead (Nexsound, 2008)

Altra uscita per l'etichetta "pop" di Andrei Kiritchenko, la terza per essere precisi e la prima ad essere davvero interessante…

17 Jun 2008 Reviews

Read more

Hheva/Shiver - Troubled Sleep (Diazepam, 2012)

Cassetta split tra il combo maltese Hheva e Shiver aka Mauro Sciaccaluga, che lascia il lato A agli ospiti facendo…

30 May 2013 Reviews

Read more

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

Wolf Eyes + Ghédalia Tazartès/Nico Vascellari – 23/05/12 Triennale (Milano)

Per la serata dedicata all'etichetta VON all'interno della rassegna Open, questa sera alla triennale ci sono i Wolf Eyes, reduci…

15 Jun 2012 Live

Read more

Ubik - Circadian Rythms, Sleep Disorder (Farmacia901, 2012)

E' sorprendente che quando meno te lo aspetti esca sempre qualche disco capace di sorprenderti per gusto, qualità e fatto…

04 Oct 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top