Seaside Postcards – Hope And Faith (Autoprodotto, 2012)

E di nuovo la formula ‘Meglio tardi che mai’, dettata da impegni e rompimenti irrinunciabili vari, mi porta a parlare di un lavoro uscito già qualche mese fa. Si tratta dell’ep di un gruppo italiano. Il secondo per l’esattezza, prodotto a un anno di distanza dall’esordio di questi quattro pesaresi che dicono di averne passate di ogni prima di approdare alla definitiva line up che ha dato loro la Speranza e la Fede – nome del neonato ep – di produrre qualcosa di valido. La Carità – almeno a livello di concezione oggi diffusa – decisamente non serve, visto che i cinque pezzi qui presenti centrano ottimamente il target.
Echi di From Monument To Masses  – JK, che sta per Jiddu Krishnamurti, il grandissimo filosofo di origine indiana del ‘Ciascuno cambi se stesso per cambiare il mondo’ (ok. Ci sarebbe una marea di più da dire, ovviamente, non me ne voglia chi lo segue se la faccio così corta) – e poi si parte ad esaltare un molto probabile amore per suoni e tendenze dark-wave delle origini – The Mall – (ogni tanto mi capita di pensare che alla fine Agnelli aveva ragione a urlare ‘Non si esce vivi dagli anni 80’… a me sembrava tanto una maledizione che altro che quella di Montezuma, ma invece, in molti casi, tipo questo, è una certezza piacevole. Ma pensa un pò…) e quindi si può pescare a piene mani in nomi tipo Bauhaus Washing My Tears Out -, Joy Division e roba industrial-cattivissima targata Blixa BargeldTransition, in cui spunta anche la voce angelica di Laura Casiraghi degli Starcontrol -, ma è un accostare che mai dà fastidio o esagera, anzi, e tra incredibili sbrodolate (positivamente, sia chiaro) di chitarre in delay e intrecci quasi matematici, sono convinta che se Peter Katis – coproduttore e audio engineer dei dischi belli degli Interpol – ascoltasse General si mobiliterebbe per assicurare ai Seaside Postcards la Speranza e la Fede di cui sopra. Rimane solo la curiosità – che svela la mia malcelatissima ignoranza – di sapere chi è il losco figuro retrò sulla cover che sembra Rasputin, ma pettinato e meno schizzato. Morale: a quando un lavoro di almeno otto tracce quindi?

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mongoholi Nasi - Contusioni (Niente, 2011)

Non poteva mancare un nuovo episodio della saga sonora di Mongoholi Nasi sulla genovese Niente, infatti nel passato il signor…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

Deerhoof - The Magic (Clapping, 2016)

Tanto li avevamo amati all'inizio millennio (Milk Man, Friend Opportunity) quanto  detestati in seguito proprio per quel presunto inaridimento creativo…

11 Nov 2016 Reviews

Read more

VV.AA. - B6TCH6 (Solium/Light Item, 2020)

Ammetto che mi ha un po’ inquietato ricevere un’audiocassetta accompagnata solo da questo messaggio: This tape is NOT B6TCH6. B6TCH6 is digitally…

09 Sep 2020 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 2 (16/10/14)

Seconda puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con lo speciale sull'etichetta Ebullition Records.…

22 Oct 2014 Podcasts

Read more

Julia Kent - Character (Leaf, 2013)

Terzo disco solista per Julia Kent, che si accasa questa volta su Leaf, in un continuo crescendo di notorietà: Character…

21 Mar 2013 Reviews

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Non Voglio Che Clara - s/t (Aiuola, 2006)

Ad un certo punto della nostra vita, fin qui breve, ci si trova, nei propri vent'anni, a fare i conti…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Jung Deejay – Java Script (Arte Tetra, 2020)

Lo strano giro del mondo (ma sarebbe forse più corretto parlare di “giro di uno strano mondo”) che sempre ci…

20 Nov 2020 Reviews

Read more

Belf/Grubbs/Pilia - Onrushing Cloud (Blue Chopstick, 2010)

Esame di laurea per i nostri due connazionali, Andrea Belfi (ex Rosolina Mar e coinvolto in innumerabili progetti) e Stefano…

23 Sep 2010 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Humcrush - Enter Humcrush (Shhpuma, 2017)

A sei anni di distanza da HA!, collaborazione con la singer e improvvisatrice Sidsel Endresen, il duo Humcrush pubbica il…

23 Apr 2018 Reviews

Read more

Vasco Brondi - Cosa Racconteremo Di Questi Cazzo Di Anni…

Fra la fine del secolo appena passato e l'inizio del nuovo abbiamo assistito al ritorno di una multidisciplinarietà a…

14 Apr 2009 Reviews

Read more

Z’Ev & Simon Balestrazzi – Reverbalizations (Boring Machines, 2014)

Se faceste una rapida ricerca in rete rimarreste sorpresi nello scoprire quanti dischi siano stati registrati in caverne: non solo…

17 Jun 2015 Reviews

Read more

Monktronik (Pasquale Innarella & Roberto Fega) – S/T (Setola…

Il nome dato a questo progetto fornisce coordinate piuttosto precise di ciò che troveremo nel disco CD. Monktronik è il…

30 Jun 2014 Reviews

Read more

Animal Farm Project - S/T (Autoprodotto, 2006)

Indubbiamente originale questo gruppo bolognese che prendendo come muse ispiratrici i Radiohead e i Rage Against The Machine, sa regalarci…

03 Dec 2006 Reviews

Read more

Paramount Styles - Heaven's Alright (Cycle/Konkurrent, 2011)

Torna Scott McCloud (per chi non lo conoscesse consiglio anche un ascolto delle sue vecchie band: Girls Against Boys, New…

19 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top