Seaside Postcards – Hope And Faith (Autoprodotto, 2012)

E di nuovo la formula ‘Meglio tardi che mai’, dettata da impegni e rompimenti irrinunciabili vari, mi porta a parlare di un lavoro uscito già qualche mese fa. Si tratta dell’ep di un gruppo italiano. Il secondo per l’esattezza, prodotto a un anno di distanza dall’esordio di questi quattro pesaresi che dicono di averne passate di ogni prima di approdare alla definitiva line up che ha dato loro la Speranza e la Fede – nome del neonato ep – di produrre qualcosa di valido. La Carità – almeno a livello di concezione oggi diffusa – decisamente non serve, visto che i cinque pezzi qui presenti centrano ottimamente il target.
Echi di From Monument To Masses  – JK, che sta per Jiddu Krishnamurti, il grandissimo filosofo di origine indiana del ‘Ciascuno cambi se stesso per cambiare il mondo’ (ok. Ci sarebbe una marea di più da dire, ovviamente, non me ne voglia chi lo segue se la faccio così corta) – e poi si parte ad esaltare un molto probabile amore per suoni e tendenze dark-wave delle origini – The Mall – (ogni tanto mi capita di pensare che alla fine Agnelli aveva ragione a urlare ‘Non si esce vivi dagli anni 80’… a me sembrava tanto una maledizione che altro che quella di Montezuma, ma invece, in molti casi, tipo questo, è una certezza piacevole. Ma pensa un pò…) e quindi si può pescare a piene mani in nomi tipo Bauhaus Washing My Tears Out -, Joy Division e roba industrial-cattivissima targata Blixa BargeldTransition, in cui spunta anche la voce angelica di Laura Casiraghi degli Starcontrol -, ma è un accostare che mai dà fastidio o esagera, anzi, e tra incredibili sbrodolate (positivamente, sia chiaro) di chitarre in delay e intrecci quasi matematici, sono convinta che se Peter Katis – coproduttore e audio engineer dei dischi belli degli Interpol – ascoltasse General si mobiliterebbe per assicurare ai Seaside Postcards la Speranza e la Fede di cui sopra. Rimane solo la curiosità – che svela la mia malcelatissima ignoranza – di sapere chi è il losco figuro retrò sulla cover che sembra Rasputin, ma pettinato e meno schizzato. Morale: a quando un lavoro di almeno otto tracce quindi?

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Andrea Senatore & Giovanni Sollima - De/Nucleo (Minus Habens, 2012)

Dopo Psychofagist vs Napalmed, proseguiamo con le scellerate collaborazioni, questa volta nei piani alti dell'empireo andando a scomodare addirittura Giovanni…

16 May 2013 Reviews

Read more

Shoplifting - Ep (Kill Rock Stars, 2004)

Secondo quanto ho imparato dai film, il comunismo, in America, è perseguito per legge. Ai socialisti fanno bere l'olio di…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

The Great Nostalgic – Hope We Live Like We Promised…

Derivativi certo lo sono, ma direi che il nome è già una dichiarazione di intenti, quindi da parte mia nessun…

02 Jun 2011 Reviews

Read more

Low - Double Negative (Sub Pop, 2018)

Quest'estate si è iniziato a parlare di Double Negative, disco che porta i Low verso sonorità più elettroniche: l'uscita è…

08 Oct 2018 Reviews

Read more

Z’Ev & Simon Balestrazzi – Reverbalizations (Boring Machines, 2014)

Se faceste una rapida ricerca in rete rimarreste sorpresi nello scoprire quanti dischi siano stati registrati in caverne: non solo…

17 Jun 2015 Reviews

Read more

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep (Black Candy, 2004)

Disclaimer: questa NON è la recensione del nuovo disco dei Pecksniff!! Là dove guizzano le trote immaginarie dei nostri sogni…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 27 (30/04/15)

Puntata numero ventisette della terza stagione di The Sodapop Fizz, ospite Loris Zecchin deus ex machina della fanzine Solar Ipse:…

04 May 2015 Podcasts

Read more

Salomè Lego Playset - So Much Was Lost In The…

La Spettro Rec. di Bologna è una giovane e attivissima net-label che nel giro di un anno ha già messo…

03 Feb 2012 Reviews

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Disco Doom – Trux Reverb (Defer/Static Cult, 2011)

Gli svizzeri Disco Doom li ricordavo di spalla ai Built To Spill nella loro data veronese del 2008: indie rock…

01 Apr 2011 Reviews

Read more

Chris Brokaw - Gambler’s Ecstasy (Damnably, 2012)

Come accennato qualche recensione fa a proposito di Geoff Farina e altre vecchie glorie, la Damnably, in Europa, sta diventando…

11 Dec 2012 Reviews

Read more

Sara Lunden, Björkås, Mjös - Dubious (Nexsound, 2007)

Questo trio scandinavo su etichetta ucraina non deve stupire per varie ragioni, la prima delle quali è che non si…

13 Jan 2008 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or – Anacalypsis (Boring Machines, 2016)

Grazie a Boring Machines trovano ospitalità fuori dalla Sardegna gli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or, fra gli esponenti di spicco della…

05 Dec 2016 Reviews

Read more

Le Singe Blanc + Ada-Nuki - 24/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Capitano certe volte clamorose botte di culo, fare una cosa con sufficienza, per noia o semplicemente perché non c'è nulla…

04 May 2009 Live

Read more

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top