Sad Cambodia – First Metheoretical Bullettin (Sincope/Under My Bed, 2017)

La strana coppia: Massimo Onza, musicista nei panni di Wound e boss della Sincope insieme a Stefano Santabarbara, boss della Under My Bed e musicista come My Dear Killer; ognuno porta in dote l’armamentario che utilizza abitualmente – il primo effetti, loop e synth, il secondo nastri e chitarra acustica (ma lascia a casa la voce) – per dare vita a questo progetto dal nome curiosamente esotico. First Metheoretical Bullettin è una cassetta che, uno per lato, ospita due brani di circa 15 minuti evidentemente imparentati dal mood e dalla tipologia di suoni, ma piuttosto diversi nella forma. In Metheoretical Bulletin I. Theory chitarra ed elettronica convivono senza arrivare a fondersi mai completamente e l’elemento fondamentale sembra essere l’unità di spazio e tempo data dal nastro su cui la musica è incisa. In una tale dissociazione l’ascolto  diventa un’esperienza straniante, specie se ci si concentra sulle malinconiche melodie della chitarra, spesso sommerse e brutalizzate dal rumore analogico; spesso ma non sempre e in questi momenti quelle che sembrano gerarchie consolidate vengono messe in discussione con ulteriore effetto destabilizzante sull’ascoltatore. A seconda dei vostri gusti e del vostro umore potrà sembrarvi un incompromissorio esperimento di alternanza melodia-rumore o la banale registrazione di un chitarrista che suona sul divano del soggiorno mentre qualcuno gli mette a soqquadro l’appartamento. Sull’altro lato Metheoretical Bulletin II. Field Report #1 è decisamente più equilibrato, verrebbe da dire più maturo e compiuto: sei corde ed effetti lavorano di concerto senza che il rumore sia mai esagerato, la melodia è intelligibile per tutto il tempo e il risultato è un brano poetico e godibilissimo. Difficile dare un giudizio definitivo al cospetto di un’opera prima, oltretutto di così breve durata: può darsi che i due pezzi siano due aspetti inscindibile di ciò che è Sad Cambodia così come potrebbero rappresentare già ora un bivio dove l’intraprendere una strada esclude l’altra (noi, va detto, propenderemmo per quella del chitarrista con la casa sottosopra). Quel che appare chiaro è che il sodalizio funziona e dimostra, pur nella limitatezza degli elementi in gioco, di avere buone frecce nel proprio arco.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

La Furnasetta - Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre…

20 Oct 2021 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field…

01 Aug 2018 Reviews

Read more

Simon Grab & Francesco Giudici - [No] Surrender (LP OUS,…

Surrender è uno scontro. Uno scontro presuppone sempre una resistenza. Uno scontro presuppone due forze almeno che cozzino, combattano…

11 May 2022 Reviews

Read more

Psychofagist W/Napalmed – Songs Of Faint And Distortion (Fobofile, 2013)

Un occhio al cuore ed un occhio alla testa. I mangiatori di psiche non hanno mai perso di vista il…

29 Apr 2013 Reviews

Read more

Monosonik - 42:728 Hours (Sottomondo, 2008)

Quando ho visto che il cd era uscito per la Sottomondo, senza curarmi troppo del nome del gruppo, avevo subito…

06 Aug 2008 Reviews

Read more

Bobby Soul & Blind Bonobos - L'Insostenibile Leggerezza Del Funk…

A conti fatti, dopo tutti questi anni, questo è il Bobby Soul che preferiamo. Un po' meno caciarone, un po'…

15 Apr 2015 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Thick As The Summer Stars…

"We are a slowcore – shoegaze band!" Ci pensa già il gruppo di Pistoia a scrivere il succo della storia…

01 Oct 2009 Reviews

Read more

Neubau - Rymdmyr (Digital Nonine, 2008)

Nuova etichetta di elettronica da Berlino, per quanto di "elettronica" si tratti il termine tutto sommato va relativamente stretto alla…

08 Jun 2008 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra/The Shipwreck Bag Show - Volumorama 3 (Bloody…

La serie Volumorama edita dalla Bloody Sound Fuctory si propone di abbinare ad ogni uscita alcuni dei nomi migliori del…

09 Nov 2016 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Herba Mate - The Jellyfish Is Dead And The Hurricane…

La grafica e le note biografiche mi facevano ben sperare per questi Herba Mate. Le radici emiliane accompagnate da un…

28 Oct 2010 Reviews

Read more

Thee Oh Sees - Carrion Crawler/The Dream EP (In The…

Per me questi Thee Oh Sees non sbagliano un colpo. E dopo averli visti nel maggio di quest’anno esibirsi in…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

R-11 - Waschmaschine (Lizard/HysM?/Moving, 2014)

Sfuggente ed eclettica creatura questa lavatrice che come molti power trio consumati da anni di jam crea una fluida  macchina…

29 Jan 2015 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche…

12 Apr 2018 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top