Qui/Ultrakelvin – Split LP (Macina/Antena Krzyku, 2017)

Allarga i propri orizzonti la Macina Dischi, collaborando con l’etichetta polacca Antena Krzyku e soprattutto mettendo a disposizione degli americani Qui (uscite su Joyful Noise, Ipecac e Three One G all’attivo) una facciata di questo vinile splatterato grigio/nero; sull’altro lato, a fare gli onori di casa, gli Ultrakelvin, vale a dire i vecchi Kelvin Anna e Woolter potenziati dall’inserimento di Panda (ex Putiferio) a voce e tastiere. Iniziano gli americani con Fuck Outer Space, un pezzo che, diviso in cinque movimenti, tiene l’intera facciata mettendo in luce il lato meno chiassoso e più eclettico del duo, un aspetto non sconosciuto agli appassionati ma che in genere serviva a riprendere fiato fra una tirata e l’altra. Stavolta la fa invece da padrone, passando da cut-up sonori a brani in stile west coast e da interminabili conversazioni telefoniche con sottofondo ipnotico a beffarde ballate pianistiche. È decisamente un saltare da palo in frasca e anche se alcuni momenti, presi singolarmente, non sono affatto male, nel complesso l’ispirazione appare un po’ carente e non bastano le storture d’ordinanza a impedire che di tanto in tanto faccia capolino la noia. Meno forzato e più istintivo (almeno a pelle) è il lato degli Ultrakelvin, che mettono in scena l’eterno incarnarsi dell’HC in forme post: impatto notevole, scrittura scarna ma mai ripetitiva e un buon senso melodico trasmettono l’idea di una musica che sta bene nel presente ma ha salde radici nella tradizione punk. Qui, con quattro pezzi su sei che non raggiungono i due minuti, la noia non è certo un problema, onore anzi alla capacità di sintesi. Su tutto spicca Boneless, Teethless, piccola perla di rock’n’roll blackflaghiano racchiusa in un minuto e mezzo, ma lasciano il segno anche la testa e la coda di Ham Slam! – adulterata al centro da un lungo intermezzo noise piuttosto accessorio – Hellzabomber, dove chitarra e synth spettrali si scambiano di continuo la conduzione del gioco e l’HC venetista di Dwarf In Reverse, tutto spigoli e scatti. In definitiva un disco adatto a completisti dei Qui o a irriducibili sostenitori della superiorità dell’HC veneto sui generi razzialmente inferiori.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Shonen Knife - Overdrive (Damnably, 2014)

Venti album in trentatrè anni: c'è poco da aggiungere al trio femminile, felicemente ribattezzato Osaka Ramones. Un ennesimo elementare inno…

10 Jun 2014 Reviews

Read more

The War On Drugs - Wagonwheel Blues (Secretly Canadian, 2008)

Pare, dico pare, che, come al solito, il mercato underground si sia per primo adeguato alle novità tecnologiche contemporanee. Evidente…

04 Oct 2008 Reviews

Read more

Pussy - Pussy Plays (Akarma, 2004)

Era il lontano 1969. Praticamente io stavo per nascere o – almeno – essere concepito. E usciva questo disco, che…

22 Jul 2006 Reviews

Read more

Marcilo Agro e il Duo Maravilha - Tra L'Altro (Room…

Momenti di amarcord. Sono cresciuto ascoltando musica prevalentemente cantata in inglese e, tuttora, fatico a relazionarmi all'italiano. Negli anni ci…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Maria Jikuu + Go Tsushima + Ottaven – 19/09/10 Circolo…

Avevo appena iniziato a nutrire poco eleganti sentimenti d'invidia verso i genovesi e il loro Spazio Targa (che in questi…

23 Jul 2010 Live

Read more

Martial Canterel - You Today (Weird, 2011)

Sean Mc Bride è attivo da anni nella sua personale e devotissima riedizione del synth pop anni ottanta più minimale…

01 Feb 2011 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Fabio Battistetti - Into The Wood (Creative Sources, 2014)

Risultato di un lavoro iniziato già anni fa come una performance dal vivo e poi raffinato via via, questo Into…

24 Dec 2014 Reviews

Read more

Smallgang - Trespasses (Damnably, 2011)

"Una delle band live più interessanti del panorama londinese!"...Non male direi come presentazione. Ma si sa che i comunicati stampa…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Messa In Piaga - Undelicate Sound Of Powder (LR l'oretta…

Ritorna la piaga dai meandri del passato. Sempre  più free, uncompromising e nonsense, stavolta propugna cinque pezzi a metà strada…

10 Aug 2020 Reviews

Read more

The Postal Service - Give Up - Deluxe 10th Anniversary…

Quando metto su Give Up e parte The District Sleeps Alone Tonight non mi rassicura per niente pensare che questo…

14 May 2013 Reviews

Read more

Geoff Farina - The Wishes Of The Dead (Damnably, 2012)

Ispirato dalla nuova vita rurale presso il fiume Kennebck nel freddo Maine, torna in punta di piedi Geoff Farina (ex…

05 Apr 2012 Reviews

Read more

Jenny Wilson - Love And Youth (Rabid, 2005)

Vestito color carta da parati sbiadito, scialle della nonna, voce splendidamente stridula e due occhi dolcissimi che ti fulminano.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Blood Axis + Rosa Rubea + Roma Amor – 23/06/2013…

Era evento assai atteso la calata degli americani Blood Axis, illustri portabandiera del folk pagano e capitanati da quel Michael…

12 Jul 2013 Live

Read more

Maisie - Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino (Snowdonia,…

Maisie di Syd Barrett ha più di 50 anni ed è la figlia sghemba di suo padre. Maisie di Alberto…

06 Feb 2022 Reviews

Read more

Twelve Thousand Days - Field’s End (Final Muzik, 2020)

Il sodalizio fra i Twelve Thousand Days di Martyn Bates (Eyeless In Gaza) e Alan Trench (Temple Music) e la…

27 Dec 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top