since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Quai Du Noise – Echo Sounder (Edison Box, 2015)

Il lavoro del duo bolognese di recentissima formazione – nella più che succinta biografia si dicono nati nel 2014 – si apre con il suono di quello che sembra proprio vento. Forte, come il titolo della track, Bora. E si evince immediatamente che i binari su cui corre questo treno che si avventura in un viaggio definito all’insegna dell’elettronica, sono il noise e l’ambient. Che poi, più che di treno, si potrebbe parlare di viaggio in nave, visto che 1. abbiamo una Polena a chiudere il disco con carillion e suoni sporchi che sembrano parlare di un racconto lontano nello spazio e nel tempo e 2. il ‘Quai’ che dà per metà il nome al progetto è traducibile dal francese con ‘molo’, una banchina da cui far partire le onde sonore che lambiscono le orecchie di chi ascolta. Lambire mi sembra il termine più appropriato, dal momento che i suoni si percepiscono spesso morbidi e soffusi – Fetch -, nonostante la meccanica e asettica ripetizione della base ritmica techno che sembra ingabbiare il post rock che, a ondate appunto, riaffiora – Monad -.La metafora del viaggio traspare in diversi pezzi che hanno il pregio di essere costruiti in crescendo, più si dipanano, più si fanno ricchi di elementi che richiamano un procedere, il vagare sì, ma con una meta ben definita – come lo stesso titolo Wandering Glinders, il mio pezzo preferito devo dire, evoca -. Echo Sounder è uno strumento che i Quai Du Noise intendono usare per scandagliare l’animo umano, creando un bell’ossimoro con il beat inquadrato, preciso e implacabile da una parte e il riverbero ed eco di voci, strumenti e campionamenti che, più dolcemente gestiti, sanno narrare e far immaginare – Mainland -. I Nostri dicono di essere stati ispirati da grandi nomi quali Kafka, London, Stevenson e Conrad…Sapendolo, viene spontaneo provare ad associare passaggi sonori a passaggi letterari e pensare che qui c’è Jekyll e qui c’è Hyde, là c’è la voce di Marlow di Cuore Di Tenebra che racconta e così via. Ma anche no. E’ più bello forse ascoltare la storia che ognuno vuole sentire in questo Disque Narrant.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

Back to top