Philippe Petit – Multicoloured Shadows (Aagoo, 2015)

Philippe Petit è sempre lui, multiforme – per quanto la cosa possa sembrare un ossimoro – e prolifico: per quanto ormai il suo catalogo esca in buona parte su Aagoo, non è facile raccapezzarsi nel nugolo di uscite che toccano la ventina solo negli ultimi cinque anni. Nella grande varietà stilistica, tuttavia, Multicolured Shadows fa un po’ storia a sé essendo la celebrazione dei trent’anni di attività del nostro.
Trent’anni e sentirli tutti -verrebbe da dire- rinchiusi nei 50 minuti di questo disco, che quanto a varietà non si fa mancare nulla, sia per stile che per quantità di strumenti impiegati, dai giradischi manipolati ai più vari macchinari elettrici ed elettronici. L’iniziale Yourselfosophy è quasi un manifesto, con l’alternanza fra melodie, ritmi e rumori, continui cambio di scenari fra tripudi di echi e riverberi dub, reminiscenze jazz, violenti cut up elettroacustici e aperture ambientali. Come esordio non c’è male e direi che a un quarto d’ora di musica non si potesse chiedere di più. La seguente Pyramid Of the Moon è più riflessiva, passando da drone meditativi ad architetture maestose, fino ai soundscapes nuovamente rilassati del finale, una traccia evocativa che ben riflette il titolo. Anche la traccia conclusiva allude a un luogo, il parco naturale australiano di Tidbinbilla, ed è speculare a quello d’apertura, con toni rilassati che vanno man mano caricandosi di rumori e suoni che prendendo la forma prima di un’elettronica spigolosa, poi di una cascata di note quasi barocca (generata, suppongo, dal salterio elettrico), infine di battiti lenti e rumori che attraversano uno spazio notturno, popolato tenui suoni pulsanti e bassi borbottanti. Sono lontani i tempo dove Petit militava fra le file dell’avanguardia più rumorosa, ma il mestiere – intenso in senso nobile, manifattura d’altra scuola – gli consente di mettere insieme un lavoro che combina anni di storia creando un’opera complessa ed equilibrata, un piacere per le orecchie. Cento di questi trent’anni!

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gravetemplars + Marco Fusinato - 26/10/10 Toff In Town (Melbourne)

L'ultimo concerto australiano è di nuovo al Toff In Town, dove questa volta andiamo per vedere Gravetemplars, nella formazione con…

24 Sep 2010 Live

Read more

Kamikaze Queens - Automatic Life (Sounds Of Subterrania, 2011)

Quintetto berlinese di un certo spessore che ama modestamente auto-definirsi Berlin Punk Cabaret. Cortese sintesi per esprimere che contengono qualsiasi…

15 Feb 2012 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Queen's Headache (Northpole, 2008)

Proprio di recente ho avuto il grande piacere di ascoltarmi in anteprima l'ultimo Rollerball e per l'ennesima volta mi sono…

20 Mar 2008 Reviews

Read more

Bobby Soul & Blind Bonobos – Live At Meg Mell…

Ancora lui. Sempre lui. Maledettamente gigione, maledettamente educato, simpatico e dotato. Bobby Soul in una perpetua trasformazione di umori, non…

31 May 2013 Reviews

Read more

Sara Lunden, Björkås, Mjös - Dubious (Nexsound, 2007)

Questo trio scandinavo su etichetta ucraina non deve stupire per varie ragioni, la prima delle quali è che non si…

13 Jan 2008 Reviews

Read more

23RedAnts & Pablo Orza – Red Night (Setola Di Maiale,…

Il violoncello gode ultimamente, in campo avant, di grande considerazione, dalle composizioni neoclassiche di Julia Kent a quelle più cinematiche…

04 Apr 2016 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Twelve Thousand Days – Insect Silence (Final Muzik, 2018)

Dei Twelve Thousand Days, Martyn Bates (Eyeless In Gaza) e Alan Trench (fondatore della World Serpent e attivo come Orchis…

08 Sep 2018 Reviews

Read more

Dusted - Total Dust (Polyvinyl, 2012)

Nome sconosciutissimo ai più, Dusted non è altro che il progetto di Brian Borcherdt tastierista e co-fondatore dei ben più…

06 Aug 2012 Reviews

Read more

Green Fog Festival - 16/09/06 Festa dell'Unità (Genova)

"Genova crescerà, crescerà, crescerà". Iniziamo citando le parole di Davide dei Meganoidi alla fine della serata per testimoniare che, per…

17 Sep 2006 Live

Read more

Eniac - The Wagon (Chew-Z, 2007)

Battistetti è il copilota alla net label Chew-Z insieme a Daniele Pagliero ma allo stesso tempo è quell’Eniac che molti…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Francesco Serra – S/T (Fratto9 Under The Sky, 2017)

Suono, spazio e visione sembrano essere i tre vertici entro cui si muove il lavoro di Francesco Serra - cagliaritano…

15 Jan 2018 Reviews

Read more

Tanake - 3ree (Fratto9 Under The Sky/Ebria/Nipa, 2007)

Mi sono avvicinato al disco dei Tanake in modo molto curioso ma allo stesso tempo circospetto, la ragione stava nel…

28 Dec 2007 Reviews

Read more

2010 - il disorientamento fagocita il mondo

2010, e il disorientamento fagocita il mondo. Tanto vale sguazzarci dentro. Cosa ho ascoltato quest'anno? Che cosa ho ascoltato più…

08 Nov 2010 Articles

Read more

Joanna Newsom - Have One On Me (Drag City, 2010)

Dopo quello Ys che tanto ha fatto parlare di sé qualche anno fa, ritorna  la principessina dell'indiefolk Joanna Newsom, ben…

02 Apr 2010 Reviews

Read more

Giant Drag - Hearts And Unicorns (Kickball, 2005)

I Giant Drag, sono californiani e sono solo in due. Ma suonano con la maestria di cinque. Come cinque…

08 Aug 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top