Nicola Mazzocca – Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi con i suoi Klippa Kloppa (autori di almeno 17 dischi, sto aspettando notizie più precise da Nicola stesso), ma il proprio nome è il proprio nome quindi l’aspettativa è altissima. Chiedo venia, non sono un fine conoscitore dell’arte del nostro, ho un disco solo dei KK casertani ( Liberty, uscito nel 2019 su Snowdonia) e quindi mi concentrerò esclusivamente sulla mia conoscenza di Nicola e su questo disco, opera che segue la vita di un’ape durante una giornata nel Sud Italia.
Nicola dicevamo, nome reale di Prete Criminale, identità che spingerebbe a pensare ad un rapper Old School piuttosto che ad un fine strumentista.
Ci prende per mano attraverso sette brani suadenti e melliflui, senza mai essere stagnanti ne dolciastri. L’ape viaggia tra paesaggi più o meno mediterranei, per quanto ne so non si sposta più di una manciata di km ma la vista che si può avere beh, di sicuro la Sicilia, il Nord Africa, l’entroterra. Ingrediente che Nicola manteca con sapienza, ricordandomi per affinità elettive quella splendida congrega di anarchici olandesi che sono i The Ex. C’è molto in queste tracce, c’è un mondo che è sia pastorale che cibernetico, che di bug è pieno il cosmo, i nostri computer ed i nostri impianti stereo. Nicola ha mano leggera e dona un tocco tutto suo a questi paesaggi, baldanzoso in Naturally a girl, naturally a woman, fra odori Henry Cow e David Thomas and the two Pale Boys. Odori forti, acri, che Marisa (la nostra ape, una Apis Mellifera Linnaeus) attraversa spedita fino ad uno slargo, in cui chiacchiere e legni che battono la rendono insicura, conscia della propria fragilità. Ma non c’ê tempo, questa eterea contemplazione non può fermarla. Si carica allora di lustrini, balzando da un bit all’altro in Jerry learns his manners / lost world in uno scenario di favi lucenti che fanno capire chi sia la regina. Sinuosa, stilosa, tirata a lucido, una nuvola in discoteca. In Cities Stefano Costanzo suona insieme a Nicola con le sue percussioni, guidando Marisa in spettali vicoli buoi e disabitati, fino ad incontrare la bestia, il Child Molester che si vende benissimo, tiene il ritmo e viene raccontato nell’atmosfera al tempo stesso eterea e velocizzata, come un flashback in flash forward. Alla partenza di Una vita al secondo capisco, ricollegandomi al tocco di Nicola. C’è della Francia scintillante in questo senso, quasi che la nostra Marisa si fosse vista qualche video di Sebastien Tellier o dei Daft Punk transitando davanti a qualche negozio di elettronica. O forse è solamente l’unione cyborg della sua parte animale e cibernetica. Non lo sapremo mai, talmente fugace e variegata la sua esistenza, che termina spandendosi in un post-rock oleoso che a me ha ricordato addirittura i Salaryman. Minnie riunisce Nicola a Mariano Calazzo aka Draghen, altra anima Klippa Kloppa ed è l’ultimo brioso volo della nstra ape, che ebbra della vita si lascia ad una saltabeccante anarchia. Poi? Poi ci si concentra, con la title track, elaborazione e sunto del percorso di quella che è la vita di un ape e di quella che è la vita dell’opera. Clangori e battiti fra sintetico e primordiale, come un sound system in un favo, col Dio Pan ai flauti e le fatine a svolazzare portando l’idromele. Riportano in basso i bpm e l’atmosfera, con un rientro ad un ebbra sobrietà. Miele per le orecchie.

 

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

gRAEFENBERg - Ishikozume (Autoprodotto, 2013)

Ritornano con un nuovo disco i gRAEFENBERg, sempre divisi tra Casale Monferrato e Roma e sempre dediti al rumore, decisamente…

17 Sep 2014 Reviews

Read more

Midas Fall - Fluorescent Lights (Monotreme, 2013)

Sono solo in tre i Midas Fall, alt-post-progressive band inglese, ma rendono come un'orchestra in questo breve ep che precede…

10 Apr 2014 Reviews

Read more

On Fillmore/Pupillo, Kazuhisa, Yasuhiro - Phonometak Series #7 (Phonometak/Wallace, 2010)

Era un da un po' di tempo che mi chiedevo che fine avessero fatto questi due geni, perché al di…

26 Mar 2010 Reviews

Read more

Il Buio - L'Oceano Quieto (Autunno Dischi/To Lose La Track,…

Dopo un esordio fulminante con il 12" del 2012 e il notevole 7" dell'anno scorso a conferma ulteriore dei numeri…

27 Mar 2013 Reviews

Read more

Pazma - Piedi Di Pongo (Tubogas, 2013)

Torna Marco Bucci (Progetto M.B.) da Ostia con la seconda uscita per la sua Tubogas, questa volta assieme a Paola…

25 Mar 2014 Reviews

Read more

Five Rooms - No Room For Doubt (Amirani, 2010)

Five Rooms non è un gruppo nuovo scoperto dalla Amirani ma una vera e propria all star band che vede…

01 Mar 2010 Reviews

Read more

Jacuzzi Boys - S/T (Hardly Art, 2013)

Bene, se l'abito facesse sempre il monaco, a guardar la copertina del nuovo album dei Jacuzzi Boys, dove campeggia una…

02 Oct 2013 Reviews

Read more

Golem Mecanique - Nona, Decima et Morta (Ideologic Organ, 2020)

Golem Mecanique è il monicker della francese Karen Jebane che approda sulla Ideologic Organ della Editions Mego con il nuovo…

08 Apr 2020 Reviews

Read more

Fragil Vida - ...E Così Noi (Live Recording, 2006)

Bisognerebbe girare un film per metterci come colonna sonora questo album. Quel contrabbasso in E così noi è fatto per…

20 Oct 2006 Reviews

Read more

A Windy Season - Tidal (Amirani, 2012)

Se credessi nel senso e nell'utilità di fare una playlist di fine anno Tidal sarebbe senza dubbio nella top ten…

27 Dec 2012 Reviews

Read more

Massimo Volume + Bancale - 26/07/09 Musical Zoo Festival (Brescia)

Onore al merito delle nove realtà bresciane (tutte rigorosamente ignorate nel fumetto/report sulla scena locale pubblicato su…

02 Sep 2009 Live

Read more

Horchata Vs. Sil Muir - S/T (Taâlem, 2008)

Con colpevole ritardo recensisco questo cd 3", che da tanto tempo staziona tra le pile di dischi in "heavy rotation",…

01 Sep 2009 Reviews

Read more

Miss Fraulein - The Secret Bond (Indipendead, 2010)

Combo cosentino al secondo lavoro, insapore e incolore quanto una pappa per neonati. Un cucchiaino di Alice In Chain,…

05 Jun 2010 Reviews

Read more

Plaisir - The Cosmic Key & The Comic Mood (Autoprodotto,…

Per coronare una settimana bruttina mi metto ad ascoltare gli ultimi demo-autoproduzioni che aspettano sulla pila degli arretrati: assicuro che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Scosse Elettriche - Rock Cut (MC Non Piangere, 2022)

Registrato nel corso del 2020 da Davide Zolli e Riccardo Sinigaglia. Batteria e percussioni il primo, piano, tastiere, sintetizzatori e…

17 May 2022 Reviews

Read more

Gastr Del Sol - Twenty Songs Less 7" (Minority, 2006)

Ebbene sì. Finalmente Jim O'Rourke ha capito che per lui non c'era davvero niente da fare di utile all'interno dei…

22 Jan 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top