Meteor – Có Còl E Raspe (Dischi Bervisti/Villa Inferno/OffSet/Neon Paralleli/Only Fucking Noise/Sangue Dischi, 2013)

Ne è passato di tempo da quando questi due scapestrati bresciani avevano dato notizie di sé col 7” one side Anemici: Sangue Dalle Rape, risalente ormai a tre anni fa. Non che i Meteor siano stati nel frattempo con le mani in mano: sorvolando sulle collaborazioni intraprese dai singoli membri, il duo ha imperversato su diversi palchi con concerti lampo, ha girato un video che inaugura il genere del gastro-core e ha concepito e registrato i brani che ora compongono questo primo album.
La domanda che ci si poneva, anche piuttosto ovvia, è come avrebbe potuto evolvere la musica di un gruppo che ha fatto della concisione, della velocità d’esecuzione e dell’effetto sorpresa basato su performance che terminano quasi prima di cominciare, il proprio marchio di fabbrica. La risposta è che i Meteor se ne fregano del darwinismo musicale riproponendo la ricetta conosciuta, semplicemente migliorandola ed enfatizzando qualche elemento che, senza mutare l’essenza del gruppo, permette di distinguersi da quanto sentito nel precedente singolo. Tra parentesi, è il caso di far notare che parliamo di album perchè stampato in formato 12” picture, ma anche stavolta la faccia incisa è una sola, per un totale di poco più di 8 minuti: di questo passo, per mettere in fila musica che copra la durata di un vero LP, i Meteor dovrebbero pubblicare un sestuplo cofanetto, con un vinile inciso e gli altri cinque serigrafati. Venendo alla musica, che è ciò che alla fine ci interessa, quel che più salta all’orecchio è il peso assunto dall’elettronica nell’economia del suono: defilatosi Davide Tidoni, gli aggeggi sono ora in mano a Giuseppe Mondini e Andrea Cogno, che ci tortura con frequenze lancinanti che fanno a gara con la chitarra per guadagnarsi la ribalta; elemento del tutto nuovo è invece la voce, che compare in due brani, ma senza apportare alcuna sensibile variazione a una musica che rimane un convulso vortice che unisce il suono dei Locust più votati al rumore, la filosofia degli Electro Hippies (Play Fast Or Die, ricordate?) e la concisione di Giuseppe Ungaretti. Insomma, se l’effetto sorpresa è un po’ scemato, non è per questo sopraggiunta la noia. Nella furia hardcore che tutto tritura si scorgono relitti di math liofilizzato (XXXX), western music del dopo bomba (XXXX), black metal in decomposizione (XXXXXX) e scemenza assortita (X. Sì, le canzoni sono contrassegnate da semplici serie di X), mentre la curiosità nel vedere in scaletta un brano di ben 2′ e 17” si traduce in una beffa, con quasi due minuti di introduzione in crescendo che conducono ai consueti pochi secondi di epilessia strumentale: stupidi noi a confidare di questi figuri. In buona sostanza i Meteor di Có Còl  E Raspe non ci dicono nulla che già non sapevamo, ma ce lo dicono meglio, rifilandoci un’altra dose di estremismo ad alta velocità, sempre col sorriso sulle labbra. Se poi sia un sorriso di gioia o di presa per il culo, questo sta a voi stabilirlo.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Adamennon/Shiver – S/T (Diazepam, 2020)

Se, durante la successione di antichi e più recenti capodanni, dal 31 ottobre al 31 dicembre, la distanza fra i…

29 Dec 2020 Reviews

Read more

VV.AA. – III° Tagofest (Coproduzione, 2009)

Fa un po' tristezza pensare che questa, che doveva essere la celebrazione di uno dei festival indipendenti più rinomati della…

22 Nov 2009 Reviews

Read more

Lucas Abela: venti anni di talento e fantasia al servizio…

Lucas Abela, noto soprattutto con il suo pseudonimo di Justice Yeldham, ha appena celebrato il ventennale della sua attività; è…

30 Nov 2013 Interviews

Read more

Paolo Petralia Aka SOA Records

Chi è Paolo Petralia? Per chi non lo conosce un po' per età, un po' per fortuna, un po' perché…

21 Dec 2007 Interviews

Read more

Gianluca Favaron – Blank Spaces (I Don’t Want To Be…

Era in qualche modo naturale che Gianluca Favaron (Under The Snow e vari altri progetti e collaborazioni) e Luce Sia…

08 Sep 2017 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - Concentric (A Silent Place, 2010)

Ritorna uno dei gruppi italiani che è riuscito ad imporsi all'attenzione dell'etichetta che divenne famosa per il grunge, la Sub…

11 May 2010 Reviews

Read more

TV Buddhas – S/T (Troast, 2010)

Mickey Triest, batterista dei TV Buddhas, è una gran rompiballe, ci annuncia il comunicato stampa (redatto dal marito, nonchè chitarrista…

05 Apr 2010 Reviews

Read more

Stefano De Ponti & Eleonora Pellegrini – Physis (Manyfeetunder/Grotta, 2017)

Parte da lontano questo progetto di Stefano De Ponti ed Eleonora Pellegrini e chissà che questo disco non sia solo…

29 Dec 2017 Reviews

Read more

Kill Kalashnikov – 7 Years (Depression House/Lemming, 2008)

Album postumo, in funerea, appropriata grafica all black, per il quartetto veronese scioltosi nel 2007. Registrato al Red House di…

28 Oct 2009 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Actionmen - Ramadama (Inconsapevole/Autunno Dischi/BellsOn, 2013)

Incidere un album doppio di musica hardcore è decisamente un azzardo. In pochi, nel corso della storia, sono riusciti nel…

27 Jan 2014 Reviews

Read more

La Furnasetta - La Prima Stella (AsbestosDigit, 2018)

La strada creativa aperta dai Boredoms di Soul Discharge ha provocato dei veri e propri cortocircuiti nel modo di intendere…

13 Nov 2018 Reviews

Read more

Beachwood Sparks - The Tarnished Gold (SubPop, 2012)

Da quasi tre lustri in circolazione i Beachwood Sparks sono tra i migliori, ai nostri tempi, nel riproporre una…

12 Jul 2012 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Naim Snaps: The Spaghetti Dual Rail

Last birthday I received many beautiful gifts: one of them was a tiny little Naim Snaps power…

04 May 2007 Articles

Read more

Nicola Boari – Wakamatsu Koji, Il Piacere Della Distruzione (Falsopiano,…

Già è raro che su queste pagine si recensiscano libri: forse per un testo di cinema è la prima volta…

05 Mar 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top