Meteor – Có Còl E Raspe (Dischi Bervisti/Villa Inferno/OffSet/Neon Paralleli/Only Fucking Noise/Sangue Dischi, 2013)

Ne è passato di tempo da quando questi due scapestrati bresciani avevano dato notizie di sé col 7” one side Anemici: Sangue Dalle Rape, risalente ormai a tre anni fa. Non che i Meteor siano stati nel frattempo con le mani in mano: sorvolando sulle collaborazioni intraprese dai singoli membri, il duo ha imperversato su diversi palchi con concerti lampo, ha girato un video che inaugura il genere del gastro-core e ha concepito e registrato i brani che ora compongono questo primo album.
La domanda che ci si poneva, anche piuttosto ovvia, è come avrebbe potuto evolvere la musica di un gruppo che ha fatto della concisione, della velocità d’esecuzione e dell’effetto sorpresa basato su performance che terminano quasi prima di cominciare, il proprio marchio di fabbrica. La risposta è che i Meteor se ne fregano del darwinismo musicale riproponendo la ricetta conosciuta, semplicemente migliorandola ed enfatizzando qualche elemento che, senza mutare l’essenza del gruppo, permette di distinguersi da quanto sentito nel precedente singolo. Tra parentesi, è il caso di far notare che parliamo di album perchè stampato in formato 12” picture, ma anche stavolta la faccia incisa è una sola, per un totale di poco più di 8 minuti: di questo passo, per mettere in fila musica che copra la durata di un vero LP, i Meteor dovrebbero pubblicare un sestuplo cofanetto, con un vinile inciso e gli altri cinque serigrafati. Venendo alla musica, che è ciò che alla fine ci interessa, quel che più salta all’orecchio è il peso assunto dall’elettronica nell’economia del suono: defilatosi Davide Tidoni, gli aggeggi sono ora in mano a Giuseppe Mondini e Andrea Cogno, che ci tortura con frequenze lancinanti che fanno a gara con la chitarra per guadagnarsi la ribalta; elemento del tutto nuovo è invece la voce, che compare in due brani, ma senza apportare alcuna sensibile variazione a una musica che rimane un convulso vortice che unisce il suono dei Locust più votati al rumore, la filosofia degli Electro Hippies (Play Fast Or Die, ricordate?) e la concisione di Giuseppe Ungaretti. Insomma, se l’effetto sorpresa è un po’ scemato, non è per questo sopraggiunta la noia. Nella furia hardcore che tutto tritura si scorgono relitti di math liofilizzato (XXXX), western music del dopo bomba (XXXX), black metal in decomposizione (XXXXXX) e scemenza assortita (X. Sì, le canzoni sono contrassegnate da semplici serie di X), mentre la curiosità nel vedere in scaletta un brano di ben 2′ e 17” si traduce in una beffa, con quasi due minuti di introduzione in crescendo che conducono ai consueti pochi secondi di epilessia strumentale: stupidi noi a confidare di questi figuri. In buona sostanza i Meteor di Có Còl  E Raspe non ci dicono nulla che già non sapevamo, ma ce lo dicono meglio, rifilandoci un’altra dose di estremismo ad alta velocità, sempre col sorriso sulle labbra. Se poi sia un sorriso di gioia o di presa per il culo, questo sta a voi stabilirlo.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Carribean - Discontinued Perfume (Hometapes, 2011)

E' rimasto tanto ad aspettare sulla mia scrivania questo disco. Mi ha un pò spiazzato perchè lo trovavo poco inquadrabile.…

22 Sep 2011 Reviews

Read more

Adult Books - Running From The Blows (Burger/Lolipop, 2016)

Che dire nel 2016 di un trio californiano doc (Orange County) che viene definito come punk rock? Che vi siete…

30 Sep 2016 Reviews

Read more

Ty Segall + JC Satan – 02/11/2014 Interzona (Verona)

Serata post Halloween all’Interzona, con qualche reduce della sera precedente che ancora si aggira nella sala e del quale renderemo…

07 Nov 2014 Live

Read more

VV.AA. - B6TCH6 (Solium/Light Item, 2020)

Ammetto che mi ha un po’ inquietato ricevere un’audiocassetta accompagnata solo da questo messaggio: This tape is NOT B6TCH6. B6TCH6 is digitally…

09 Sep 2020 Reviews

Read more

Ultravixen - Il Riskio (Wallace, 2014)

Sono siciliani. E questo come garanzia di qualità dovrebbe bastare per approfondirne lo studio. Su Sodapop li conosciamo già da…

28 Oct 2014 Reviews

Read more

Person L - The Positives (Arctic Rodeo, 2009)

L'instancabile etichetta di Amburgo anche questa volta non manca il colpo, anzi espandendo le vedute e il carattere del…

21 Dec 2009 Reviews

Read more

Sun Kil Moon - Benjii (Caldo Verde, 2014)

Un capolavoro intenso e profondo, e c'è dentro tutta una vita. Basterebbe questa semplice frase per dare lustro al ritorno,…

22 Apr 2014 Reviews

Read more

Lee Gamble - KOCH (PAN, 2014)

Ritorno al futuro. Sarà ormai più di un mese che ascolto questo disco (alternandolo con altro, naturalmente), perchè con le…

16 Oct 2014 Reviews

Read more

Makhno – The Third Season (Neon Paralleli/Wallace/Brigadisco/HYSM? e altri, 2015)

Dove eravamo rimasti? A Federico Ciappini che, su una base di chitarre distortissime, chiedeva due pistole, per “morire come il…

30 Jun 2015 Reviews

Read more

Artimus Pyle - Fucked from birth (Prank, 2006)

Era da tempo che non trovavo gruppi più duri di Zappa che “…è più duro di tuo marito", capaci di…

26 Jul 2006 Reviews

Read more

The Go Find - Brand New Love (Morr Music, 2014)

Il belga Dieter Sermeus porta avanti i suoi The Go Find con un disco ogni tre/quattro anni, siamo arrivati al…

27 Mar 2014 Reviews

Read more

Colony Open Air Day 2 - Pala Brescia 22-23/07/2017 (Brescia)

Ci vuole un po’ di tempo per recuperare le energie in vista di un secondo giorno che si preannuncia impegnativo…

31 Aug 2017 Live

Read more

Carlo Garof – Wheel (Setola Di Maiale, 2020)

Carlo Garof, percussionista e batterista, ha costruito la sua visione attraverso un metodo multidisciplinare che comprende un intenso approfondimento di…

06 Mar 2020 Reviews

Read more

Mara Carlyle - The Lovely (Accidental, 2004)

C'è un punto in Punch Drunk Love, Ubriaco d'Amore di Paul Thomas Anderson, dove, nel turbinio di violenza, reazioni inconsulte,…

14 Sep 2006 Reviews

Read more

The Lay Llamas - GOUD (Black Sweat, 2022)

Non credo che le droghe siano sorprendenti. Raggiunto il livello di stabile assuefazione od abitudine, intendo. Dopo anni di abitudine…

07 Apr 2022 Reviews

Read more

Gianni Gebbia/Stefano Giust/Xabier Iriondo - L’Edera, Il Colle, E La…

Possiamo parlare di supergruppo? Beh fate un po’ voi... e quindi solito discorso che i super gruppi non funzionano? Dipende…

30 Sep 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top