Luca Venitucci – Interstizio (Brigadisco, 2012)

Ammetto di non essere troppo informato sullo stato dell’arte della fisarmonica, sulle tendenze recenti e sui futuri, possibili sviluppi. Di più e peggio: se per qualcuno potrà essere lo strumento del tango o del folk irlandese, per me, prima di questo disco, era solo lo strumento delle orchestre di liscio che disturbano, in concomitanza con l’afa e le zanzare, le lunghe notti estive. Eppure, se sgombriamo l’orizzonte da stupidi pregiudizi, ci si trova al cospetto di uno strumento versatile e capace di cimentarsi senza problemi con una molteplicità di generi.
La possibilità ce la dà questo disco di Luca Venitucci (già all’opera con 7K Oaks e in diversi altri progetti), in uscita per l’eclettica Brigadisco in splendida edizione vinilica con copertina in cartoncino fustellato. Partendo da un suono che non può non richiamare la tradizione, il musicista si inerpica su sentieri che portano decisamente in territori avanguardistici, pur mantenendo le radici ben piantate nella terra. È questo certamente il pregio maggiore del disco, il sapere conciliare un ascolto intrigante e libero da strutture preordinate con l’empatia propria della cultura popolare. Venitucci gioca a carte scoperte, senza adulterare la formula con diavolerie moderne: solo fisarmonica, voce e un repertorio espressivo assai ampio, valorizzato da un approccio intelligente che media senza calcolo fra avanguardia e tradizione. Così vanno a braccetto la melodia che invita ai balli di coppia di La Ruota e le delicatezze ambientali sporcate da improvvise asperità di Spot, o la nervosa Bite, quasi africaneggiante, con l’elegia di Primo Barlume. Al di là di quelli che possano essere i gusti di ognuno, è innegabile che ogni pezzo concorra a comporre un quadro ampio ed equilibrato dove l’ascoltatore avant più smaliziato e il tradizionalista più inveterato sapranno trovare soddisfazione uno nei territori d’elezione dell’altro. Interstizio ci porta una poesia rara e preziosa, che scalda il cuore e che ben difficilmente potrete trovare altrove: fate i vostri conti…

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Atomic Paracelze – Atomic Love (Invaders, 2011)

Invecchiando si dovrebbe diventare più o meno intolleranti? No, perché io lo sto diventando meno e non so se sia…

27 Oct 2011 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

Vincenzo Vasi - Braccio Elettrico (Tremolo A, 2010)

Che dire di Vincenzo Vasi? Che basta guardare le foto con cui si presenta per capire che si tratta di…

16 Mar 2011 Reviews

Read more

Mulu – Garagebleu (Wallace, 2008)

Pop su Wallace? Non proprio, ma quasi... so che non ve lo sareste mai aspettato, ma sarebbe stupido non aspettarsi…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

Eagle Twin/Pombagira - Split LP (Mordgrimm, 2010)

Pubblicato in occasione del tour che ha visto i due gruppi attraversare l'Europa, toccando anche l'Italia (se ve la siete…

30 Oct 2010 Reviews

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

Squadra Omega – 06/05/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

In quella che voleva essere una stagione riassuntiva con il meglio delle precedenti puntate, gli Squadra Omega (gente di Mojomatics,…

12 May 2010 Live

Read more

VV.AA. – III° Tagofest (Coproduzione, 2009)

Fa un po' tristezza pensare che questa, che doveva essere la celebrazione di uno dei festival indipendenti più rinomati della…

22 Nov 2009 Reviews

Read more

Holy Hole – Plan Z (Autoprodotto, 2012)

Dalla Toscana, via Berlino, arriva questo EP degli Holy Hole: chitarre loopate e processate fino a sciogliersi in un ambient…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Sator - S/T (Taxi Driver, 2015)

Cinque brani per l'esordio della band genovese più interessante nell'ambito della musica pesante: già dai primi concerti dal vivo il…

29 Jun 2015 Reviews

Read more

Adamennon - Ades (Shove, 2015)

Riprende la marcia Adamennon. Dopo lo spilt con Altaj, che avevamo segnalato come percorso un po’ laterale, Ades è un…

30 Mar 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top