Luca Venitucci – Interstizio (Brigadisco, 2012)

Ammetto di non essere troppo informato sullo stato dell’arte della fisarmonica, sulle tendenze recenti e sui futuri, possibili sviluppi. Di più e peggio: se per qualcuno potrà essere lo strumento del tango o del folk irlandese, per me, prima di questo disco, era solo lo strumento delle orchestre di liscio che disturbano, in concomitanza con l’afa e le zanzare, le lunghe notti estive. Eppure, se sgombriamo l’orizzonte da stupidi pregiudizi, ci si trova al cospetto di uno strumento versatile e capace di cimentarsi senza problemi con una molteplicità di generi.
La possibilità ce la dà questo disco di Luca Venitucci (già all’opera con 7K Oaks e in diversi altri progetti), in uscita per l’eclettica Brigadisco in splendida edizione vinilica con copertina in cartoncino fustellato. Partendo da un suono che non può non richiamare la tradizione, il musicista si inerpica su sentieri che portano decisamente in territori avanguardistici, pur mantenendo le radici ben piantate nella terra. È questo certamente il pregio maggiore del disco, il sapere conciliare un ascolto intrigante e libero da strutture preordinate con l’empatia propria della cultura popolare. Venitucci gioca a carte scoperte, senza adulterare la formula con diavolerie moderne: solo fisarmonica, voce e un repertorio espressivo assai ampio, valorizzato da un approccio intelligente che media senza calcolo fra avanguardia e tradizione. Così vanno a braccetto la melodia che invita ai balli di coppia di La Ruota e le delicatezze ambientali sporcate da improvvise asperità di Spot, o la nervosa Bite, quasi africaneggiante, con l’elegia di Primo Barlume. Al di là di quelli che possano essere i gusti di ognuno, è innegabile che ogni pezzo concorra a comporre un quadro ampio ed equilibrato dove l’ascoltatore avant più smaliziato e il tradizionalista più inveterato sapranno trovare soddisfazione uno nei territori d’elezione dell’altro. Interstizio ci porta una poesia rara e preziosa, che scalda il cuore e che ben difficilmente potrete trovare altrove: fate i vostri conti…

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Marco Scarassatti/Marcelo Bomfin/Nelson Pinton - Sonax (Creative Sources, 2009)

Altro lavoro elettroacustico, che questa volta introduce degli elementi molto interessanti, quanto meno per chi sta scrivendo, infatti Marco Scarassatti…

24 Oct 2010 Reviews

Read more

Midnight Faces - Fornication (Autoprodotto, 2013)

Dicono di loro di sentirsi come Tom Petty che incontra i Cure. Mi fanno sempre sorridere questi tipi di affermazioni:…

25 Oct 2013 Reviews

Read more

Fabiano Cristofaro - Tante Sigarette (Demo, 2004)

Dimmeli tutti i dispregiativi, quelli che iniziano con la I. Sputali fuori con quanta forza hai dentro, voglio vederti ancora…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Katharina Klement - Jalousie (Chmafu Nocords, 2012)

Katharina Klement è una compositrice austriaca che nella sua lunga e corposa carriera si è dedicata sia all'improvvisazione che alla…

07 Feb 2013 Reviews

Read more

Renato Cantini - Neverwhere (Even, 2010)

Krishna sia lodato, non solo per i dolcetti gratis ai concerti degli Shelter di tanti anni fa ma anche perché…

27 Apr 2010 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Threatening Fragments From Four Boulders (Sincope, 2014)

Non è facile star al passo con le uscite dei Grizzly Imploded e delle loro varie filiazioni, specie per chi,…

04 Jun 2015 Reviews

Read more

Adamennon - Ades (Shove, 2015)

Riprende la marcia Adamennon. Dopo lo spilt con Altaj, che avevamo segnalato come percorso un po’ laterale, Ades è un…

30 Mar 2016 Reviews

Read more

Le Singe Blanc + Ada-Nuki - 24/04/09 Arci Kroen (Villafranca…

Capitano certe volte clamorose botte di culo, fare una cosa con sufficienza, per noia o semplicemente perché non c'è nulla…

04 May 2009 Live

Read more

The Softone - These Days Are Blue (Awful Bliss, 2008)

La Awful Bliss è un'etichetta carrarese-napoletana sorta da poco, eppure già con radici ben piantate nel nostro piccolo mondo sotterraneo…

30 Jan 2009 Reviews

Read more

Ulan Bator - 09/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Nei sotterranei del centro storico di Brescia stasera toccai ai francesi (ma da tempo italiani d'adozione) Ulan Bator, ancora una volta in…

03 Apr 2010 Live

Read more

Gli Altri - Fondamenta, Strutture, Argini (Taxi Driver, 2013)

Crossover nel senso più nobile della parola sempre se oggi ha ancora una ragione utilizzarla. Il quintetto savonese ricorda…

26 Apr 2013 Reviews

Read more

Devasquartet/Arrington De Dionyso & Mr. Mutak's Group - Tape Crash…

Cassetta particolare e dai suoni letteralmente rutilanti e sgangherati questa Tape Crash No.3 per la Old Bicycle di Vasco Viviani:…

02 Jan 2013 Reviews

Read more

Nedelle - The Locksmith Cometh (Tangram 7S, 2007)

Ricordo tanti anni fa che su una rivista metal, un recensore stroncò senza pietà un disco delle Velocity Girl. Quel…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Plunkett - 14 Days (Autoprodotto, 2006)

Lascia perdere le tue “10 ragazze per me”. Piuttosto, 14 giorni ti posson bastare? Ne mancano proprio 14 alla fine…

16 Dec 2006 Reviews

Read more

Marta De Pascalis – Quitratue (Autoprodotto, 2014)

Marta De Pascalis l’abbiamo conosciuta grazie alla compilation Burnt Circuits Kept Under My Bed, dove si segnalava con uno dei…

20 Feb 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top