La Furnasetta – Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre identificato da un’unica, per quanto mutevole, icona femminile, che qui si serve dell’opera di una nutrita schiera di musicisti del giro noise/post-industriale; non centomila, ma giù di lì. Ma il titolo pirandelliano torna utile anche per alludere a una certa difficoltà a definirsi che sembra essere in primis del progetto stesso. Dal punto di vista strettamente musicale è il disco migliore dell’ensemble piemontese, con brani ben costruiti che svariano dal power noise al post-industrial finanche all’EBM e all’ambient più sporco e, sebbene l’effetto compilation sia dietro l’angolo, a causa dei tanti ospiti che lasciano il loro marchio sulle composizioni, il lavoro regge la prova dell’ascolto: spiccano su tutte A New Genesi  ( con Leather Parisi e Zen_Ga), The Church Within (ancora con Leather Parisi) e Army Of Immortals (con Paolo Bandera). Ma quello de La Furnasetta non è mai stata un discorso esclusivamente musicale, tutt’altro: i lavori precedenti, marcando una certa distanza dalla figura del musicista, ponevano degli interrogativi sulla forma e sulle scelte stilistiche di un ambito – definiamolo genericamente industriale, nelle sue mille propaggini – che già da tempo si è infilato in un cul de sac espressivo dal quale rifiuta tenacemente di uscire. Lo facevano gettando sulla materia in questione uno sguardo fra l’ironico e il divertito che in Diary Of A Madamina appare relegato alle sole titolazioni (quella dell’album o dell’arguta Mercyful Cake); nelle tracce si respira invece una certa aria di normalizzazione, che se da un lato potrebbe consentire alla signora dall’alta chioma di sedere nell’impolverato salotto buono dell’industrial nostrano, dall’altra ci priva della possibilità di aprire le finestre e arieggiare salutarmente la stanza. Se poi si sia piazzata lì con l’intento di scoreggiare ad alzo zero e pestare i piedi a qualcuno, in ossequi all’antico spirito, non possiamo al momento saperlo, ma saremmo ben felici di essere smentiti.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

3eem - Echoes (White Label, 2011)

Di nuovo i 3eem, chi l’avrebbe mai detto? Onestamente disperavamo di ascoltare un seguito a Third Segment, vista l’assenza dalle…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Valentina Magaletti & Marlene Ribeiro – Due Matte (Commando Vanessa,…

Nel mettere su nastro un lavoro creato per una residenza artistica tenutasi a Porto nel 2019, Valentina Magaletti (Tomaga, Vanishing…

04 Jun 2020 Reviews

Read more

@c – Re: Barsento (Galaverna, 2014)

Galaverna è un progetto di radicalismo gentile. Label digitale devota all’arte del field recordings, lega pratica ed estetica in maniera…

31 Jul 2014 Reviews

Read more

Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo…

16 Dec 2016 Reviews

Read more

Atr_x – Phase One (Gipsy House, 2019)

Marcello Groppi è metà del duo rock-strumentale Great Saunites e Atr_x è il suo progetto solitario: è musica dalla forma…

20 Mar 2020 Reviews

Read more

Le Cose Bianche - Tutto Il Corpo È Genitale (Hellbones,…

Nuovo lavoro per il prolifico Giovanni Mori qui con il proprio progetto principe: storie di sesso, power electronic e sofferenza.…

28 Jun 2019 Reviews

Read more

St.Ride - Onde (Niente, 2009)

E così in un batter d'occhio la Niente è arrivata al Volume 4, spirito punk con grafiche ultra spartane (a…

11 Feb 2010 Reviews

Read more

The Bitter Tears - Jam Tarts In The Jakehouse (Carrot…

Chicago, si sa, è considerata da almeno vent'anni a questa parte come una vera e propria Mecca di un certo…

23 Sep 2009 Reviews

Read more

37500 Yens - Astero (Distile, 2007)

Mi scuso per la banalità e per la noia che provoco nel continuare a ripeterlo, se rock dev'essere e proprio "post rock"…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Sebastiano Carghini – Tpeso (Kohlhaas, 2017)

Ci informa il comunicato stampa che la ricerca di Sebastiano Carghini – musicista italiano di stanza in Olanda – è…

20 Dec 2017 Reviews

Read more

Jenny Wilson - Love And Youth (Rabid, 2005)

Vestito color carta da parati sbiadito, scialle della nonna, voce splendidamente stridula e due occhi dolcissimi che ti fulminano.…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Putiferio - Ateateate (Robotradio, 2008)

Altro gruppo per il quale partivo prevenuto in base al nome e cri**o i**io non è un buon segno! Spero…

05 May 2008 Reviews

Read more

Barzin - My Life In Rooms (Weewerk/Monotreme, 2006)

Dall'iniziale, perfetta, Let's Go Driving sembra arrivato il momento di fare i conti con uno dei dischi del 2006. Poi…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Mondo Candido - Bizarre (Silence, 2006)

Ascoltare un nuovo disco dei Mondo Candido è, ogni volta, come sbirciare dalla vetrina di un negozio d'abbigliamento di lusso,…

05 Dec 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top