La Furnasetta – Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre identificato da un’unica, per quanto mutevole, icona femminile, che qui si serve dell’opera di una nutrita schiera di musicisti del giro noise/post-industriale; non centomila, ma giù di lì. Ma il titolo pirandelliano torna utile anche per alludere a una certa difficoltà a definirsi che sembra essere in primis del progetto stesso. Dal punto di vista strettamente musicale è il disco migliore dell’ensemble piemontese, con brani ben costruiti che svariano dal power noise al post-industrial finanche all’EBM e all’ambient più sporco e, sebbene l’effetto compilation sia dietro l’angolo, a causa dei tanti ospiti che lasciano il loro marchio sulle composizioni, il lavoro regge la prova dell’ascolto: spiccano su tutte A New Genesi  ( con Leather Parisi e Zen_Ga), The Church Within (ancora con Leather Parisi) e Army Of Immortals (con Paolo Bandera). Ma quello de La Furnasetta non è mai stata un discorso esclusivamente musicale, tutt’altro: i lavori precedenti, marcando una certa distanza dalla figura del musicista, ponevano degli interrogativi sulla forma e sulle scelte stilistiche di un ambito – definiamolo genericamente industriale, nelle sue mille propaggini – che già da tempo si è infilato in un cul de sac espressivo dal quale rifiuta tenacemente di uscire. Lo facevano gettando sulla materia in questione uno sguardo fra l’ironico e il divertito che in Diary Of A Madamina appare relegato alle sole titolazioni (quella dell’album o dell’arguta Mercyful Cake); nelle tracce si respira invece una certa aria di normalizzazione, che se da un lato potrebbe consentire alla signora dall’alta chioma di sedere nell’impolverato salotto buono dell’industrial nostrano, dall’altra ci priva della possibilità di aprire le finestre e arieggiare salutarmente la stanza. Se poi si sia piazzata lì con l’intento di scoreggiare ad alzo zero e pestare i piedi a qualcuno, in ossequi all’antico spirito, non possiamo al momento saperlo, ma saremmo ben felici di essere smentiti.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Becuzzi - B (Silentes, 2011)

Innanzitutto parliamo della raccolta, infatti la Silentes Tapestry per celebrare la musica industriale la riporta al suo formato originale e…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Deafheaven - Sunbather (Deathwish, 2013)

Incensati da stampa e webzine un po' ovunque, i californiani Deafheaven pur non inventando nulla sembrano e vogliono mettere d'accordo…

22 Nov 2013 Reviews

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

Kotha – Black Animal Hex (Hate Mail, 2017)

Cresce in fretta Kotha, la mostruosa creatura di Daniele Santagiuliana, e - dopo aver pagato tributo ai maestri nel primo…

02 Feb 2018 Reviews

Read more

Concrete - Gvttae Sangvinis (Donna Bavosa/Sanguedischi/Shove, 2009)

Preparatevi perchè più che una recensione si tratterà di un epitaffio, di quelli stile Kina (beh un po' più brutti,…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Dust Tears And Clouds (Silentes, 2013)

Dopo anni di silenzio torna una delle collaborazioni più azzeccate della scena elettronica ambient italiana: Silentes pubblica un disco doppio…

03 Mar 2014 Reviews

Read more

Weight & Treble - Riddims 2010-2014 (CD Love Boat,…

Riddims, ritmi prodotti da Massimo Carozzi e Manuele Giannini, teste e dita pulsanti di alcuni fra i progetti più intriganti…

05 Jun 2022 Reviews

Read more

Jim Capaldi - Poor Boy Blue (SPV, 2004)

Con questo album Jim Capaldi (un nome che sembra uscito da "I Soprano" ma che in realtà negli USA è…

05 Sep 2006 Reviews

Read more

Rotadefero – Discodefero 7” (Zen Hex, 2017)

Cristiano D’innocenti e Tommaso Garavini erano, un eone fa, batteria e voce dei romani Concrete, un gruppo che definire hardcore…

28 Apr 2017 Reviews

Read more

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

Liars + John Wiese – 06/11/10 Interzona (Verona)

Alla terza volta che il gruppo americano transita da queste parti mi è parso il caso di dare un'occhiata per…

26 Sep 2010 Live

Read more

Nautha - Tutti I Colori Del Buio (Hellbones, 2019)

Album volutamente inciso in presa diretta senza magheggi di  post produzione o correzioni varie. Insomma tutto come una volta  per…

09 Oct 2020 Reviews

Read more

Ovo - Miasma (Artoffact, 2020)

Gli Ovo sono una delle realtà più seminali della scena europea degli ultimi vent’anni. Partiti da una visione punk sperimentale…

25 Mar 2020 Reviews

Read more

Globoscuro - Integer (Farfromshowbiz, 2008)

Tornano i livornesi Globoscuro, usciti dal 2007 con un bel po' di dischi sparsi qua e là, ma in realtà…

08 Nov 2009 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Zerogroove /Alessandro Bocci -The Urban Tape (Kaczynski, 2019)

Uno split, per essere davvero buono, dovrebbe mettere insieme due metà non troppo simili da rendere monotono l’ascolto, ma nemmeno…

07 Jan 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top