Jesu – Christmas (Avalanche, 2010)

Non credo che su queste pagine si sia mai trattato del nome dietro cui, da oltre un lustro, si nasconde Justin Broadrick dei (rinati) Godflesh. Sarà dipeso dal fatto che, dopo una partenza promettente, il gruppo (in realtà il solo chitarrista, a volte accompagnato da altri musicisti) non abbia mai dato l’idea di meritare particolare attenzione, arenandosi nei bassi fondali di un noise/shoegaze che accostava post rock e My Bloody Valentine senza dare l’idea di grandi possibilità di sviluppo.
Nella sua forma di EP digitale (con possibilità di una futura edizione vinilica) costituito da una canzone e da due remix ad opera di altrettanti alter ego dello stesso Broadrick, Christmas potrebbe essere annoverato a pieno titolo fra i dischi utili, come dice qualcuno, a pagare le bollette. Eppure l’obiettivo dichiarato di musicare la nostalgia, la gioia e la tristezza evocate dal periodo natalizio viene centrato, mettendo in mostra un’ispirazione che latitava da parecchio tempo. Certo, non c’è nulla di nuovo sotto il freddo sole del solstizio d’inverno, ma dopo i passaggi a vuoto dell’album Infinity e dello split coi Battle Of Mice, Jesu torna a fare quello che gli riesce meglio: stratificazioni chitarristiche che sovrappongono la melodia al rumore, volumi che si innalzano improvvisi, voce melodica e quasi sussurrata, il tutto su tempi lenti e dilatatissimi. È una strada che il nostro aveva già intrapreso subito dopo l’esordio coi dischi Silver e Conqueror, per poi abbandonarla in favore di altre meno felici; per essere brutali, non si va da nessuna parte, ma si resta comunque in un luogo gradevole. Dei due remix, in questi casi solitamente puri riempitivi, quello di Pale Sketcher è un trascurabile ambient/dub che ha l’unico merito di durare meno della canzone originale, mentre quello di Final sorprende, cogliendo pienamente, anche meglio del pezzo di partenza, lo spirito del concept. Com’è consuetudine del più longevo monicker di Broadrick si calca la mano sulla dilatazione e rarefazione del suono, disegnando paesaggi ambient freddi ma al contempo invitanti, come la mattina di sole dopo una notte di neve rappresentata in copertina.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Becuzzi AKA Kinetix: Out Of The Limbo

Anche Gianluca Becuzzi/Kinetix, come altri di cui abbiamo parlato in precedenza, muovendosi spesso senza il supporto delle riviste specializzate (soprattutto…

13 Aug 2007 Interviews

Read more

Tindersticks - Ypres (Lucky Dog/City Slang, 2014)

Non sorprende affatto vedere i Tindersticks, rinomata band inglese di "pop orchestrale da cameretta", alle prese con un lavoro musicale…

05 Dec 2014 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

Hobocombo – Plays Video Days (Trovarobato, 2011)

Una piccola cosa questo EP in download gratuito degli Hobocombo, ma che merita una segnalazione, sia per la scelta delle…

01 Feb 2012 Reviews

Read more

Plakkaggio - C.D.G. 7'' (Hellnation, 2014)

Abbandonata l' HC  con cui li avevamo ascoltati fino a ieri ritorna il power trio di Colleferro: sempre combattivo, sempre…

03 Sep 2014 Reviews

Read more

The Great Saunites – Green (Hypershape/Toten Schwan, 2016)

Il duo The Great Saunites è simile a un elettrone che orbita intorno al nucleo che rappresenta la loro idea…

09 Jan 2017 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Armstrong? - Collateral (70 Horses, 2009)

Con il mio solito ritardo mi accingo alla recensione di un disco che nonostante il genere ha attirato la mia…

06 May 2010 Reviews

Read more

Lucio Capece & Marc Baron - My Trust In You…

Le collaborazioni a volte sono un'occasione per provare approcci differenti rispetto al proprio percorso individuale e questo succede in My…

27 Nov 2018 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Md. After Hussain & Paq – Matir Gaan: Songs From…

La musica è sempre fatta da incontri. Che siano due persone, oppure una corda con un dito. Md. After incontra Andrea…

12 Apr 2022 Reviews

Read more

Pre - Epic Fits (Skin Graft, 2007)

Quello che mi chiedo ora è se ci sia una qualche connessione tra ritardo mentale, animali dall'espressione poco sveglia,…

29 Jan 2008 Reviews

Read more

The Points - S/T (Mud Memory, 2008)

Roba da far sembrare gli Zeke progressive con l'ukulele e i Ramones troppo concettuali per essere punk-rock, The Points, trio/duo(?)…

23 Dec 2008 Reviews

Read more

Tiziano Milani, Luca Rota - The City Of Simulation (Setola…

Un progetto molto interessante quello che mi trovo fra le mani, infatti a dispetto delle molte baggianate che cercano di…

30 Apr 2010 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top