Jesu – Christmas (Avalanche, 2010)

Non credo che su queste pagine si sia mai trattato del nome dietro cui, da oltre un lustro, si nasconde Justin Broadrick dei (rinati) Godflesh. Sarà dipeso dal fatto che, dopo una partenza promettente, il gruppo (in realtà il solo chitarrista, a volte accompagnato da altri musicisti) non abbia mai dato l’idea di meritare particolare attenzione, arenandosi nei bassi fondali di un noise/shoegaze che accostava post rock e My Bloody Valentine senza dare l’idea di grandi possibilità di sviluppo.
Nella sua forma di EP digitale (con possibilità di una futura edizione vinilica) costituito da una canzone e da due remix ad opera di altrettanti alter ego dello stesso Broadrick, Christmas potrebbe essere annoverato a pieno titolo fra i dischi utili, come dice qualcuno, a pagare le bollette. Eppure l’obiettivo dichiarato di musicare la nostalgia, la gioia e la tristezza evocate dal periodo natalizio viene centrato, mettendo in mostra un’ispirazione che latitava da parecchio tempo. Certo, non c’è nulla di nuovo sotto il freddo sole del solstizio d’inverno, ma dopo i passaggi a vuoto dell’album Infinity e dello split coi Battle Of Mice, Jesu torna a fare quello che gli riesce meglio: stratificazioni chitarristiche che sovrappongono la melodia al rumore, volumi che si innalzano improvvisi, voce melodica e quasi sussurrata, il tutto su tempi lenti e dilatatissimi. È una strada che il nostro aveva già intrapreso subito dopo l’esordio coi dischi Silver e Conqueror, per poi abbandonarla in favore di altre meno felici; per essere brutali, non si va da nessuna parte, ma si resta comunque in un luogo gradevole. Dei due remix, in questi casi solitamente puri riempitivi, quello di Pale Sketcher è un trascurabile ambient/dub che ha l’unico merito di durare meno della canzone originale, mentre quello di Final sorprende, cogliendo pienamente, anche meglio del pezzo di partenza, lo spirito del concept. Com’è consuetudine del più longevo monicker di Broadrick si calca la mano sulla dilatazione e rarefazione del suono, disegnando paesaggi ambient freddi ma al contempo invitanti, come la mattina di sole dopo una notte di neve rappresentata in copertina.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Carla Bozulich – 8/12/12 Lenz Teatro (Parma)

Carla Bozulich dal vivo a Parma, nell'ambito del festival Natura Dèi Teatri organizzata dal Lenz, è un'occasione da non perdere,…

14 Dec 2012 Live

Read more

Marco Scarassatti/Marcelo Bomfin/Nelson Pinton - Sonax (Creative Sources, 2009)

Altro lavoro elettroacustico, che questa volta introduce degli elementi molto interessanti, quanto meno per chi sta scrivendo, infatti Marco Scarassatti…

24 Oct 2010 Reviews

Read more

Ranter's Groove - Musica Per Camaleonti (Kaczynski, 2018)

Nel recensire la compilation-manifesto della Kaczynski Records avevamo segnalato Ranter's Groove come l'episodio migliore della raccolta, è quindi un piacere…

24 Jun 2018 Reviews

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

AIPS Collective – Postcards From Italy (Oak, 2013)

L’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori è un collettivo di musicisti il cui intento è quello di promuovere la cultura del…

14 Jan 2014 Reviews

Read more

Endless Inertia - Oktiabr'/Novembre (Grabthestars, 2006)

Pensare che i Finley suonano ad Mtv e sono prodotti da Cecchetto, mentre i Nofx nel tour di Ribbed (e…

17 Oct 2006 Reviews

Read more

K11 - Waiting For The Darkness (Afe, 2010)

Già in precedenza mi era capitato di leggere o veder comparire qua e là il nome di un musicista e…

09 Jul 2010 Reviews

Read more

Nudist - See The Light Beyond The Spiral (Santavalvola/Taxi Driver/Shove/Deathcrush/Oniric/DioDrone,…

Nella più contemporanea tradizione sludge, il viatico dei nostrani Nudist fuoriesce istantaneamente dall'atmosfera come attacca l'apripista Horror Vacui. Immediatamente veniamo…

01 Apr 2015 Reviews

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Fuzz Orchestra – 09/09/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

Riparte la stagione concertistica della Locanda (stasera è il terzo appuntamento) e arrivano i Fuzz Orchestra, che già qualche volta…

14 Jul 2010 Live

Read more

The Use - What's the use (Alrealon Musique, 2014)

Eh sì, è passato un po' di tempo dall'uscita del disco, così come è trascorso molto tempo senza sentir parlare…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

[mumble]³ - S/T (Autoprodotto, 2010)

Mumble Mumble Mumble (così si legge il nome ³ ) arrivano in tandem da Torino, ancora una volta basso/batteria…

26 Aug 2010 Reviews

Read more

Gypsophile - Assunta (Lenka Lente, 2006)

Non so praticamente nulla della canzone francese, i "buchi" nelle mie conoscenze musicali sono grossi come crateri; Guillaume Belhomme scrive…

03 Sep 2006 Reviews

Read more

Furtherset - To Alter And Affect EP (-Ous, 2018)

Attivo già da qualche anno, Tommaso Pandolfi aka Furtherset ha pubblicato varie uscite e alcune presenze in contesti importanti dentro…

27 Apr 2018 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 001/666

Poiché il percorso delle vostre insulse vite vi ha portato nella tana del bieco Radu Kakarath, sarete ora costretti a…

17 Dec 2009 Podcasts

Read more

dQtç – Nullachtfünfzehn (Invaders, 2011)

Si definiscono un trio di improvvisazione noise ma Antoine Läng, voce ed elettronica, Vincent Membrez, synth, e Lionel Friedli, batteria,…

07 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top