Iron Molar – DIYCD (Fucking Clinica, 2010)

Non è facile stare al passo con tutte le uscite del duo Iron Molar: fra album, split e nastri, se non ho fatto male i conti, siamo a quota sette nel giro di tre anni; quel che so per certo è che si tratta del secondo CD completo per la band. Se il pezzo contenuto nel recente split con gli Ur si caratterizzava per un livello di incomunicabilità che lo rendeva ingiudicabile, questo è per certi versi l’altra faccia della medaglia. Parlare di accessibilità è certamente fuori luogo, ma certamente si tratta di un disco meno ostico. L’amore vince sempre sull’odio, diceva quel tale. La ragione sta tutta nel concept: DIYCDR, lo dice già il nome, è un atto d’amore verso il do it yourself, il cui acronimo compare nel titolo di ogni pezzo; essendo una filosofia a cui, non credo sia un’esagerazione dirlo, i personaggi coinvolti hanno consacrato l’esistenza, è facile capire perché li troviamo in un simile stato di grazia. Non inganni il titolo Bastard Noiseiano, i nostri sono ormai lontani da certi lidi, almeno musicalmente. Pochi eccessi harsh noise quindi, a favore di una musica a suo modo psichedelica e descrittiva, che evoca ampi orizzonti percorsi da scariche elettriche con un dinamismo minore rispetto al passato, ma senza che la cosa comunichi un senso di staticità: l’auspicato abbandono di alcuni ingenui “effetti speciali” è ulteriormente valorizzato da una maggior attenzione alle sfumature regalandoci un album da apprezzare nel suo fluire. Può comunque essere utile segnalare quelli che mi sembrano i momenti migliori, non pochi tra l’altro: le evoluzioni space di One Life D.I.Y. che naufragano in una crescendo power noise, D.I.Y. Forever che, seguendo un percorso inverso, fa sorgere dal rumor bianco dei synth quasi melodici e D.I.Y. Revolution dove ancora il sintetizzatore lotta per vivere contro le rasoiate noise, dando come risultato un dark ambient molto poco gotico e decisamente industriale. Non roba da hippie dunque, ma musica meditativa per noise freak.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fukjo - La Musica, Il Mare E La Deriva Occidentale…

Raffinato shoegaze nineties per questo inaspettato duo pugliese (Cerignola) che seppur dedito ad un cantato italiano nulla ha da invidiare…

02 Mar 2020 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Like A Tree Growing Out Of…

Per quel che mi concerne associavo Simon Balestrazzi alla produzione dell'ultimo Bron Y Aur e del disco d'esordio dei Plasma…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Duo Adé - Freilassing (God, 2013)

Gli austriaci Christoph Uhlmann e Gottfried Krienzer suonano il piano a due mani col nome di Duo Adé e la…

17 Jul 2013 Reviews

Read more

Black Elk - Always A Six Never A Nine…

Esterefatto. Credo che lo stupore totale sia quanto di più vero riesca a manifestare di fronte ad un disco…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - The Uncanny Little Sparrows (Boring Machines,…

Simon Balestrazzi qui è di casa (mi sa che ha pure le chiavi) e stessa cosa potremmo dire per i…

07 Feb 2018 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Parallel 41 - Parallel 41/Faraway Close (Baskaru, 2012)

Parallel 41 sono Julia Kent (violoncello) e Barbara De Dominicis (voce ed effetti). New York e Napoli. Due città così…

07 Feb 2012 Reviews

Read more

Merzbow/Gustafsson/Pandi – Cuts (Rare Noise, 2012)

Masami Akita, nell'ambito del noise massimalista di cui è maestro, ha probabilmente e da tempo già detto tutto e per…

08 Mar 2013 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more

Hanam Quintet Featuring Tristan Honsinger - S/T (Aut, 2013)

In quel confine tra jazz e contemporanea c'è un altro mondo musicale e in questa settima pubblicazione della Aut rec,…

15 Jan 2014 Reviews

Read more

Hoch/Tief - S/T (Arctic Rodeo, 2011)

E' da vent'anni ormai che la band di Stoccarda calca il palco dell'indie rock: non è stata una proprio una…

22 Aug 2011 Reviews

Read more

Grand Drifter - Only Child (Subjangle/Sciopero, 2021)

Un saluto fugace via messenger. Una risposta. Dopo 14 mesi un messaggio per propormi l’ascolto di un singolo, ringraziandomi poi per averlo…

22 Dec 2021 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more

Adam McBride-Smith - Good And Gone (Autoprodotto, 2007)

La materia dell'Americana, più o meno rimaneggiato folk tradizionale degli States, mi ha sempre lasciato abbastanza interdetto. Mica ho mai…

07 Dec 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top