Hermetic Brotherhood Of Lux-or – Ethnographies Vol. III – Musèe De L’Homme Hermètique (Transponsonic, 2017)

Arriva al terzo capitolo, quello conclusivo, la ricerca sull’uomo ermetico dei sardi Hermetic Brotherhood Of Lux-or, un lavoro poderoso in doppio CD per oltre 100 minuti di musica, in pratica due lunghi brani divisi in 9 tracce per ciascun supporto. Dopo l’intermezzo ritualistico di Anacalypsis il collettivo di Macomer torna alla ricerca sul campo con un album ben più ostico per la lunghezza e la minore organicità dei pezzi, molto articolati e non di rado tendenti al free. La complessità tuttavia è soprattutto concettuale. Come le note di copertina si premurano di far notare, mentre l’etnografia classica ha sempre preso in considerazione particolari gruppi di persone o aspetti limitati della società, in questo caso lo studio riguarda “la musica rituale di uno strano collettivo sardo mutante”. Quello che però rimescola veramente le carte è che lo studio viene effettuato dal collettivo stesso e le registrazioni che ne escono sono quindi il risultato di qualcosa che sta a metà fra un rito tribale e una seduta collettiva di psicanalisi sperimentale: il campo di ricerca è l’inconscio dei musicisti stessi e quello che emerge è la cultura dei singoli così come eredità ancestrali comuni ma anche sentimenti come rabbia, frustrazione, esaltazione. Viste le premesse è ovvio che anche l’ascolto,  privato della relativa oggettività di uno normale studio, non può che svolgersi in modo particolare: il semplice approccio analitico non è sufficiente, serve un ‘impegnativa immersione nel flusso, possibilmente – ma è solo una mia idea – in fase ipnagogica, così da permettere una miglior penetrazione psichica. Ognuno all’atto dell’ascolto vivrà presumibilmente una propria esperienza, inutile quindi indugiare in interpretazioni personali; più utile è forse inquadrare culturalmente il lavoro. La base è quel primitivismo post-industriale, suono contemporaneamente del prima e del dopo, che se siete pratici del gruppo già conoscete: profusione di percussioni delle più disparate nature e suoni stridenti – non si è lontani dall’attitudine di un artista come Z’Ev e sono evidenti i riferimenti ai Throbbing Gristle di Heathen Earth nell’uso dei fiati – ma emergono chiaramene peculiarità locali nelle cadenze che ricordano le processione dei mamuthones, dub industriali e psichedelici, voci che spaziano da cantilene esoteriche a poco rassicuranti haka (interessanti le analogie morfologiche che si evidenziano fra suoni della Sardegna e di altri luoghi). Personalmente avrei visto di buon occhio un intervento di editing teso a selezionare ed assemblare i non pochi momenti felici dell’intero lavoro – ascoltando ho alternato attimi di grande trasporto ad altri di distacco – ma la cosa ci avrebbe consegnato un disco molto lontano da quelle che sono le intenzioni del collettivo: un documento di etnografia musicale psichica che ha la forma di un suono senza compromessi che non si limita a raccontare l’esperienza ma cerca di farla vivere. Un disco, se capite cosa intendo, più da sentire che da ascoltare.

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Massimo Volume - 08/11/08 Arci Tom (Mantova)

Impossibile non avere mai incrociato i Massimo Volume, almeno nella persona di Emidio Clementi, anche per chi, come me,…

14 Nov 2008 Live

Read more

Loose - Dodge This (Autoprodotto, 2011)

Questo dischetto proveniente dalle marche è un autentico bombardiere carico di rock 'n' roll. Definitivamente e senza imbarazzo posso…

23 Dec 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Festivalbug (Corpoc, 2013)

Non sono passate dodici lune dall’uscita di Quintale che già il baco torna a farsi sentire: il suo lavoro è…

20 Dec 2013 Reviews

Read more

Buckminster - Routes Of The Three (Asbestos Digit, 2019)

Buckminster, al secolo Fabrizio Baracco, contrabbassista e cospiratore di casa Asbestos, pubblica il suo primo lavoro solista, già anticipato nel…

12 May 2020 Reviews

Read more

Bilayer – Bilayer (Va Fongool, 2019)

Dopo  prove soliste molto interessanti, tra cui l’incisivo Lazuli, Hilde Marie Holsen torna assieme a Magnus Bugge a nome Bilayer.…

21 Mar 2019 Reviews

Read more

Le Singe Blanc - Strak! (Magdalena/Keben, 2006)

In questo disco la scimmia bianca (questa la taduzione del mome Le Singe Blanc) sembra davvero "stracca", che esattamente come in…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

AA.VV. - Damn! Freistil-Samplerin #2 (Chmafu Nocords, 2011)

Beschreiblich Weiblich è una rubrica del magazine tedesco Freistil dove il giornalista e musicista Hannes Schweiger presenta i ritratti di…

28 Feb 2012 Reviews

Read more

Teletextile - Glass (Lili Is Pi, 2011)

Uh. Indie pop un pò elettronico con una gran bella voce femminile oltre a Psapp? Benvenga, porca la miseria! Come…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

Library Tapes + Saija/Presti Duo - 04/03/09 Enosteria (Brescia)

Inizia con un nome internazionale un nuovo corso dell'Enosteria di Brescia, che da stasera abbandona il filone cover band…

24 Mar 2009 Live

Read more

The Child Of A Creek - Quiet Swamps (Ruralfaune, 2014)

Il secondo album di The Child Of A Creek a uscire nel giro di poche settimane si innesta sul solco…

08 Jan 2015 Reviews

Read more

Delay House - 3 (Stop, 2012)

I Delay House da Rimini propongono col terzo disco la loro interpretazione di suoni in salsa wave tenebrosa con …

05 Oct 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 38 (16/07/15)

Puntata numero trentotto della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta estiva ma non del…

19 Jul 2015 Podcasts

Read more

Anti You - Blank Stares (Agipunk, 2013)

Secondo disco sulla "lunga" distanza ed ennesima grande prova dei romani Anti You che, secondo i loro canoni, sfornano 16…

01 Apr 2014 Reviews

Read more

Waines - Stu (800’A, 2010)

Proprio vero che la crisi non fermerà il rock‘n'roll. Mentre il terrore di restare al verde, senza casa, senza lavoro,…

26 May 2010 Reviews

Read more

Valla II – Lullabies (Autoprodotto, 2012)

Capita a volte, rovistando a caso nel ciarpame della rete, di pescare qualche perla. Così, poco tempo fa, ci è…

31 May 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top