Hermetic Brotherhood Of Lux-or – Ethnographies Vol. III – Musèe De L’Homme Hermètique (Transponsonic, 2017)

Arriva al terzo capitolo, quello conclusivo, la ricerca sull’uomo ermetico dei sardi Hermetic Brotherhood Of Lux-or, un lavoro poderoso in doppio CD per oltre 100 minuti di musica, in pratica due lunghi brani divisi in 9 tracce per ciascun supporto. Dopo l’intermezzo ritualistico di Anacalypsis il collettivo di Macomer torna alla ricerca sul campo con un album ben più ostico per la lunghezza e la minore organicità dei pezzi, molto articolati e non di rado tendenti al free. La complessità tuttavia è soprattutto concettuale. Come le note di copertina si premurano di far notare, mentre l’etnografia classica ha sempre preso in considerazione particolari gruppi di persone o aspetti limitati della società, in questo caso lo studio riguarda “la musica rituale di uno strano collettivo sardo mutante”. Quello che però rimescola veramente le carte è che lo studio viene effettuato dal collettivo stesso e le registrazioni che ne escono sono quindi il risultato di qualcosa che sta a metà fra un rito tribale e una seduta collettiva di psicanalisi sperimentale: il campo di ricerca è l’inconscio dei musicisti stessi e quello che emerge è la cultura dei singoli così come eredità ancestrali comuni ma anche sentimenti come rabbia, frustrazione, esaltazione. Viste le premesse è ovvio che anche l’ascolto,  privato della relativa oggettività di uno normale studio, non può che svolgersi in modo particolare: il semplice approccio analitico non è sufficiente, serve un ‘impegnativa immersione nel flusso, possibilmente – ma è solo una mia idea – in fase ipnagogica, così da permettere una miglior penetrazione psichica. Ognuno all’atto dell’ascolto vivrà presumibilmente una propria esperienza, inutile quindi indugiare in interpretazioni personali; più utile è forse inquadrare culturalmente il lavoro. La base è quel primitivismo post-industriale, suono contemporaneamente del prima e del dopo, che se siete pratici del gruppo già conoscete: profusione di percussioni delle più disparate nature e suoni stridenti – non si è lontani dall’attitudine di un artista come Z’Ev e sono evidenti i riferimenti ai Throbbing Gristle di Heathen Earth nell’uso dei fiati – ma emergono chiaramene peculiarità locali nelle cadenze che ricordano le processione dei mamuthones, dub industriali e psichedelici, voci che spaziano da cantilene esoteriche a poco rassicuranti haka (interessanti le analogie morfologiche che si evidenziano fra suoni della Sardegna e di altri luoghi). Personalmente avrei visto di buon occhio un intervento di editing teso a selezionare ed assemblare i non pochi momenti felici dell’intero lavoro – ascoltando ho alternato attimi di grande trasporto ad altri di distacco – ma la cosa ci avrebbe consegnato un disco molto lontano da quelle che sono le intenzioni del collettivo: un documento di etnografia musicale psichica che ha la forma di un suono senza compromessi che non si limita a raccontare l’esperienza ma cerca di farla vivere. Un disco, se capite cosa intendo, più da sentire che da ascoltare.

 

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

15 anni di ODRZ – 12/12/2015 Spazio Ligera (Milano)

Anche se dalla data è passato un po’ di tempo e gli infiniti impegni della vita non ci hanno permesso…

08 Jan 2016 Live

Read more

Herba Mate - The Jellyfish Is Dead And The Hurricane…

La grafica e le note biografiche mi facevano ben sperare per questi Herba Mate. Le radici emiliane accompagnate da un…

28 Oct 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Le Triomphe Dans L’Endroit De La Duperie (Eicool…

Terzo episodio della saga Eicoolsat e cioè una serie di installazioni che hanno per tema la fantascienza e il cui…

01 May 2011 Reviews

Read more

Modotti - Come Ti Senti (Upupa/Fooltribe, 2016)

I Modotti sono un trio bolognese. Si chiamano così in onore di quella gran donna che è stata Tina Modotti.…

24 Feb 2016 Reviews

Read more

Koji Asano – Mileage Reimbursement (Solstice, 2012)

Non si ferma, ci preoccuperebbe il contrario, la prolifica produzione del giapponese Koji Asano e a pochi mesi da Travel…

05 Feb 2013 Reviews

Read more

Full Effect - Reconcilement - At The Present, A Sweet…

Il disco dei Full Effect, non privo di qualche dissonanza qua e là, prende il via dall'emo-core più fisico, quello…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - Whispering Tales Under An…

Ecco The Child Of A Creek dare un seguito l'ottimo Find A Shelter Along The Path che tanto ce lo…

13 Apr 2011 Reviews

Read more

Hector's Pets - Pet-O-Feelia (Oops Baby, 2014)

Prendete cinque individui a metà strada tra il geek, l'hipster e il punk-rocker, radici a Austin e ora una "carriera"…

13 Nov 2014 Reviews

Read more

A volte ritornano, i Peggio Punx di nuovo tra noi!

Ritornano i peggiori ragazzi con la più incontenibile foma d'energia mai uscita dal piemonte. I Peggio Punx per l'appunto. Il…

03 Mar 2012 Interviews

Read more

Concrete - Gvttae Sangvinis (Donna Bavosa/Sanguedischi/Shove, 2009)

Preparatevi perchè più che una recensione si tratterà di un epitaffio, di quelli stile Kina (beh un po' più brutti,…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Don Turbolento - Spend The Night On The Floor (Autoprodotto,…

Ricordo di aver visto dal vivo i Don Turbolento una sera d'inverno in una taverna-scantinato. All'interno c'era una festa di…

24 Aug 2007 Reviews

Read more

The Lodger + Je Suis Animal + Esiotrot + Mexican…

Colgo l'occasione di una recente visita nella capitale dell'impero, quello del bene, e cerco di orientarmi rispetto alle nuove coordinate…

07 Mar 2009 Live

Read more

Re-Count - Egocollective (Minuta, 2008)

"Egocollective - recita la cartella stampa - è un progetto corale: è un insieme di brani che Omar E. Bernasconi…

08 Sep 2009 Reviews

Read more

Iron - Lovefreakmutant (Spina Bifida/Fucking Clinica, 2010)

A proposito di freak e di delirio, se Mennella si butta nei lavori in solo ed in coppia anche l'altra…

29 Aug 2010 Reviews

Read more

Sabo - 8 Saisons à L'Ombre (RuminanCe, 2007)

Potrebbe tranquillamente, questo disco, essere la colonna sonora di un affascinante viaggio nella penombra di un milieu fantastico, la…

22 Sep 2008 Reviews

Read more

Die! Die! Die! - Form (Golden Antenna, 2011)

Con un nome che lascia pochi spazi alle interpretazioni e che ha fattto venire il sangue alla testa all'amico Emiliano…

30 May 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top