Giardini Di Mirò – Good Luck (Santeria, 2012)

I Giardini Di Mirò – come, sono convinta, per moltissima gente più o meno della mia età – sono stati un fil rouge bello spesso nella mia vita. Se leggo la loro discografia, associo liberamente momenti significativi ben precisi ad ogni album. So nominare una decina di amici a cui ho regalato Rise And Fall Of Academic Drifting nel 2001 in occasione di compleanni, Natale, lauree, varie ed eventuali. Sulla scrivania di camera mia in casa dei miei, da qualche parte, c’è ancora scritto a matita “Everything Is Static”, l’incipit di The Swimming Season e Dividing Opinions è stata l’incontrastata colonna sonora di un viaggio.
E’ innegabile come, e davvero pochissimi altri gruppi hanno avuto questo ruolo, i GdM siano un pilastro e un riferimento della musica indie italiana. Sia in Madre Patria che all’estero, visto il gran seguito che anche in giro per l’Europa hanno. Tutto questo potrebbe far pensare che parlerò del loro nuovo lavoro in maniera assolutamente di parte, ma chiunque ascolterà Good Luck – titolo dedicato ai tempi duri che stiamo innegabilmente vivendo – si renderà conto che non può essere così. Il quinto album degli emiliani è oggettivamente molto bello. La recensione potrebbe finire anche qui se non fossi legata da dettami che mi portano a scrivere ancora un pò di righe. E allora cito la traccia di apertura, Memories, nostalgica, delicata e lenta qb per rispecchiare cotanto titolo o Spurious Love che, insieme a Flat Heart Society, in qualche modo rappresentano a mio parere il marchio di fabbrica di Reverberi, Nuccini & C. con chitarre a segnare la melodia per poi esplodere in delay e overdrive estremi, o ancora Time On Time, gioiellino pop che mi aspetto di sentire pressochè ovunque nel giro di poco tempo (e visto che il mio panettiere ha in filodiffusione NME radio, perchè no?). Il mio unico rammarico sta nel notare che il GdM tour tocca Milano (a.k.a. il posto più vicino per me per vederli live) con il Magnolia Club che sta diventando un posto dove si sente tutto malissimo ed è organizzato pure peggio rispetto alla troppa gente che lo affolla sempre… senza retorica alcuna, anche per questo auguriamoci Good Luck, che i locali decenti in giro chiudono per far posto a Supermercati o Aree Edificabili…

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Daniele Brusaschetto – Flyng Stag (Wallace/Bandageman/Bosco/Solchi Sperimentali, 2019)

Non c’è traccia di nostalgia nel ritorno metallaro di Daniele Brusaschetto. D’altra parte, perché averne? Lui il genere l’ha sempre…

05 Nov 2019 Reviews

Read more

White Hex - Heat (Avant!, 2012)

I White Hex sono un duo australiano composto da Tara Green e Jimi Kritzler, per un po' di tempo di…

11 Jan 2013 Reviews

Read more

Airportman - David (Lizard, 2014)

Atmosfere di cupo minimalismo accompagnano David, concept degli Airportman legato al tema della morte, in particolare alla storia di un…

24 Feb 2015 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

Insect Kin - Endless Youth And Other Disease (Autoprodotto, 2008)

Volonteroso quartetto lombardo che ancora crede nel grunge più puro ed intransigente. Riff ossessivi, taglienti, sofferti, quasi a voler…

24 Dec 2008 Reviews

Read more

Attilio Novellino/Drekka/Simon Balestrazzi/Ennio Mazzon - Quadrature (Under My Bed, 2017)

Si raffina con gli anni il concetto di compilation, da sempre un tipo di uscita caro ad Under My Bed:…

29 Jan 2018 Reviews

Read more

Current 93 - Aleph At The Hallucinatory Mountain (Durtro, 2009)

Riprende il largo la nave dei folli di David Tibet e dopo aver veleggiato, col precedente Black Ships Ate The…

22 Jun 2009 Reviews

Read more

TV Buddhas – S/T (Troast, 2010)

Mickey Triest, batterista dei TV Buddhas, è una gran rompiballe, ci annuncia il comunicato stampa (redatto dal marito, nonchè chitarrista…

05 Apr 2010 Reviews

Read more

Tiziano Milani - Music As A Second Language (Setola Di…

Vera sorpresa quella di Tiziano Milani, per una serie di casi della vita nel giro di pochi mesi passo dal…

02 Aug 2007 Reviews

Read more

My Dear Killer - The Cold Plan (Under My Bed/EeeE,…

Terzo disco per My Dear Killer, ovvero Stefano Santabarbara, che con il tempo affina sempre più le sue doti: il…

23 Mar 2018 Reviews

Read more

Paolo Cantù/Xabier Iriondo – Phonometak Series #10 (Phonometak/Wallace, 2012)

Decima uscita e capolinea per la serie in 10” di Wallace Records e Phonometak. Per il commiato le due anime…

21 Sep 2012 Reviews

Read more

Meshuggah - ObZen (Nuclear Blast, 2008)

Attesissimo ritorno per la band scandinava che, contrariamente al loro stile, si ripropone in un lavoro lineare e, apparentemente,…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

AA.VV. - No Abiding Place (Afe, 2006)

Sebbene non si possa parlare di un who’s who della dark ambient, No Abiding Place comprende alcuni dei nomi più…

26 Sep 2006 Reviews

Read more

Neunau – Il Ciclo Del Vuoto (Boring Machines, 2019)

In un mondo sempre più indistinto e superficiale un progetto come Neunau, che già avevamo conosciuto con l’EP di un…

12 Jul 2019 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti ‎- Some Songs (Backwards, 2014)

Un dodici pollici inciso su un lato solo, con serigrafia sul lato B e copertina con foto di Fabio Orsi:…

16 Jun 2015 Reviews

Read more

Wolfnuke – Nightwar (Crucial Blaze, 2010)

Il metal-core che piace a noi. Eh, sarà che siamo vecchi, ma le porcherie alla Hatebreed e compagnia, chuggachugga da…

30 Jun 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top