Movie Star Junkies – Son Of The Dust (Outside Inside, 2012)

Mi piacerebbe parlare di questo nuovo recentissimo album dei Movie Star Junkies, fuori per Outside Inside Records esclusivamente in formato vinile con CD allegato, senza cascare nel tranello di citare Nick Cave & The Bad Seeds ma, ops, l’ho appena fatto (e sicuramente ancora lo farò). Cercherò quindi di rimediare, provando a dire di un suono che ha dentro di sé qualcosa di epico, di forte ascendenza americana, capace di evocare certi spazi fisici e mentali e ricondurli al proprio personale vissuto. E’ un gioco questo che non riesce a molti. In altri campi, ad esempio la letteratura, e in altri tempi, viene inevitabilmente da pensare a Cesare Pavese, sulla cui opera penso non sia possibile negare l’influenza che ebbero le letture e le traduzioni di Melville e Faulkner, ma allo stesso tempo è innegabile che come autore ci consegnò alcune cose fondamentali tra cui quel monumento della letteratura italiana che è La Luna E I Falò. So che questo può sembrare un paragone buttato lì, casuale e altisonante, in fondo qui si parla pur sempre e nient’altro che di rock & roll, cionondimeno va da sé che l’ascolto di Son Of The Dust è un’esperienza assolutamente coinvolgente e se da una parte ci sta il paragone con Nick Cave (maledizione, citato ancora una volta), ma potremmo perderci a citare pure qualche passaggio alla The Doors e non si scapperebbe molto lontano, è chiaro che siamo di fronte a una cosa diversa, a una vita completamente autonoma. E se di Seeds, con o senza il prefisso Bad, vogliamo parlare, questo qui è un seme che ha messo le sue radici e ora sta diventando una pianta imponente. Arrivati al terzo album, e dopo una serie infinita di 7”, split, 10”, il suono dei Movie si è infatti raffinato, c’è spazio per ritmi lenti e suoni cristallini, raffinati riverberi, arrangiamenti di fender rhodes, ariosi cori femminili. La ricerca sulla scrittura è palpabile: le chitarre, secche e snelle, indugiano spesso su fraseggi blues, la voce, completamente calata nella parte, trasuda teatralità con un timbro del tutto naturale, basso e batteria mantengono un groove costante, una pulsazione continua. Ma ciò che conta davvero sono le canzoni nel loro insieme, tutte veramente belle ed essenziali, evocative, che rendono Son Of The Dust un grande disco capace di distillare l’essenza di un suono, un luogo, un’anima. Fondamentale.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chambers - La Mano Sinistra (To Lose La Track, 2012)

In inglese sarebbe "left hand"..e per i più metallari là fuori potrebbe essere un richiamo al Left Hand Path con…

05 Jun 2012 Reviews

Read more

Alessandra Novaga - La Chambre Des Jeux Sonores (Setola Di…

Alessandra Novaga suona la chitarra elettrica e questo è il suo esordio da solista, con cinque brani composti per lei…

09 Oct 2014 Reviews

Read more

Xiu Xiu + Three In One Gentleman Suit - …

Ci sono gruppi che, pur apparendo a fine corsa per quel che riguarda la qualità delle produzioni discografiche, vale sempre…

09 Nov 2012 Live

Read more

Words And Actions – Life Of Farewell (Autoprodotto, 2011)

Se si escludono le produzioni di Larva o di Corpo Parassita era da tempo immemore che non recensivo un gruppo…

03 Nov 2011 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

Loss Of Self - Twelve Minutes (The Flenser, 2013)

Gli australiani Loss Of Self arrivano al primo disco e trovano casa sulla americana The Flenser, etichetta che nel "black…

08 Jan 2014 Reviews

Read more

FLTY BRGR GRL - Love You Forever (autoprodotto/Diger Distro, 2021)

Abbiamo una certa età, sappiamo riconoscere i sintomi di un’infatuazione, di un colpo di fulmine, di un innamoramento. Eccoci, in…

01 Feb 2022 Reviews

Read more

Harembee – Different Strokes EP (Autoprodotto, 2010)

Il progetto, attivo da diversi anni, è giunto al suo secondo EP. Una ben stringata presentazione danno di loro i…

24 Apr 2011 Reviews

Read more

Levi - Synthesis (MC, Black Marmalade, 2022)

Levi è Damiano Simoncini. Diverse esperienze alle spalle (Damien e Versailles soprattuto, ma anche Melampus e Cristallo), ormai alle porte…

20 Jun 2022 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Kongrosian Meets Oreste Sabadin - Bootstrap Paradox (Aut, 2010)

Oltre ad Oreste Sabadin al clarino, dietro al nome Kongrosian compaiono Alberto Callodei al clarino basso, Alessio Faraon alla tromba,…

24 Jul 2010 Reviews

Read more

Toilet Door n.3 - Difensori Della Fede

Finalmente i nostri prodi affrontano Cthulhu a singolar tenzone e non si fanno sconti quando si guarda in faccia il…

18 Jul 2010 Podcasts

Read more

Sparkle In Grey - Two sing too swing (Grey Sparkle…

Un album lungo vent’anni. Questo è per me il sunto dell’ultima fatica degli Sparkle In Grey che sono tornati con questo…

04 Nov 2021 Reviews

Read more

Indigents - Bottomless Sinking (Sincope, 2012)

Indigents è un duo formato dal catalano Héctor O. aka Mindload e dal francese Stephane Kerandel aka Terrortank, attivo con…

30 Jul 2012 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top