FULkANELLI – S/T (Lemming/Offset/Blinde Proteus, 2012)

Esordisce sulla lunga distanza, dopo lo split-tape con Belorukov vs Marziano di cui già vi avevamo parlato, il duo composto da Paolo Mongardi alla batteria e  Cristian Naldi alla chitarra. Il disco in solitario permette loro di elaborare meglio il concept sottinteso al nome FULkANELLI, rubato al misterioso alchimista del XX secolo, pur con una K al posto della C: copertina con simboli arcani e tre brani di ispirazione esoterica, ALAMBIkkO, INkIOSTRO e kOMPASSO, tutte scritte con in maiuscolo con la sola kappa sempre in minuscolo. Prendere sul serio tutto questo armamentario mi riesce onestamente difficile, decisamente più facile e farlo con la loro musica.
Se in occasione della recensione della cassetta avevo parlato di sperimentalismo noise e influenze kraute, la maggior durata del CD consente al gruppo di ampliare il repertorio e a noi di farci un’idea maggiormente precisa di quella che è la loro musica. I tre brani del disco sono in realtà jam strumentali piuttosto lunghe, in cui la chitarra segue il proprio flusso di coscienza (alterata?) all’insegna di una melodia che a volte prevale, altre cede al rumore, mentre la batteria accelera e rallenta dettando tempi e variazioni. Come è facile immaginare, circoscrivere un genere è impossibile, e in larga misura inutile: nel calderone ribollono jazz, avant-rock, blues, ritmiche dalle cadenze industrial, noise dilatato, ma nel flusso in mutazione continua (che sia questa l’alchimia?) è impossibile isolare l’uno dall’altro. Non si cade mai comunque nel caos o nella confusione: pur nella totale libertà espressiva i due musicisti danno sempre l’impressione di mantenere il controlla della materia musicale che, non fosse ancora  chiaro, batte territori decisamente hard. Un paragone possibile potrebbe essere quello con gli Iceburn di certe registrazioni live, genuina ignoranza in forma libera che non trascura di trasmettere un buon feeling. Inevitabilmente, la maggior complessità rispetto al lavoro d’esordio va a scapito dell’immediatezza: dal vivo immagino il discorso funzioni alla grande, mente su disco ha bisogno di qualche ascolto per essere decifrato e probabilmente ci saranno momenti di maggior e minore interesse, a seconda dei gusti dell’ascoltatore. Ma lo sforzo, non temete, verrà ripagato.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Offlaga Disco Pax + Apash 2012 - 18/01/13 Circolone (Legnano…

E quindi si inaugura l'anno nuovo con un live dal sapore un pò - almeno per me - antico. Offlaga…

08 Feb 2013 Live

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Quai Du Noise - Echo Sounder (Edison Box, 2015)

Il lavoro del duo bolognese di recentissima formazione - nella più che succinta biografia si dicono nati nel 2014 -…

14 Oct 2015 Reviews

Read more

Toilet Door n.1 - Avanti Savoia!

In questo clima di libertaria apertura mentale anche Andrea Ferraris, Marco Giorcelli e Emiliano Grigis indagano per capire se…

29 Mar 2010 Podcasts

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

The Letter Yellow - Walking Down The Streets (Autoprodotto, 2013)

E' una bella cover dove campeggiano cerchi concentrici colorati come lo spettro della luce ad introdurmi nel mondo dei Letter…

30 Oct 2013 Reviews

Read more

AA. VV. – Safe In Their Alabaster Chambers (Under My…

La serie Murmured Poetry è un interessante progetto della Under My Bed che affida a tre gruppi una poesia, chiedendo…

04 Feb 2014 Reviews

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

Genghis Tron + Behold... The Arctopus - 14/11/08 Vicolo Stretto…

Il programma per il venerdì sera, fino a metà settimana, era quella di andare a Brescia a curiosare il concerto…

25 Nov 2008 Live

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Jodis – Secret House (Hydrahead, 2009)

Diamo il bentornato a James Plotkin; era dai tempi dell'abisso lovecraftiano di Chaos Is My Name dei Khlyst che non…

31 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top